C Per Cartoni: Avatar: La Leggenda di Korra(2)

di Rorschach 8

Bentornati a C per Cartoni, la rubrica che vi parla dei prodotti di animazione ‘dell’altra metà del cielo’. Come promesso, oggi si parla della seconda serie di Avatar, chiamata La Leggenda di Korra. Prima di cominciare, lasciatemi spendere due parole per ringraziarvi della calorosa accoglienza che ha avuto questa rubrica: ho segnato i titoli che mi avete proposto, e presto li vedrete! Detto questo, andiamo ad incominciare.

Avatar: La Leggenda di Korra è stato realizzato dallo stesso team che si è occupato della prima serie, vale a dire Bryan Konietzko e Michael Dante DiMartino, ed è andata in onda sul canale Nickelodeon tra il 2012 ed il 2013.  Due miniserie, di dodici episodi l’una, praticamente un terzo rispetto alla storia di Aang. In teoria dovrebbero uscire altre due miniserie, ma non ci è dato ancora sapere quando.

Come è lecito immaginare, a farla da padrone è l’Avatar che è succeduto ad Aang, Korra della Tribù dell’Acqua (in base al ciclo dell’Avatar, Fuoco-Aria-Acqua-Terra). All’inizio della serie, il nuovo Avatar padroneggia già tre elementi su quattro, e dovrà trovare il figlio dell’Avatar Aang che le farà da maestro per apprendere il Dominio dell’Aria.

Tenzin, il figlio di Aang e Katara

Cambio di protagonista e cambio di ambientazioni: tutto la prima miniserie (Aria) e gran parte della seconda(Spiriti) sono ambientate in una nuova location, una grande città che è stata costruita dopo le vicende di Aang, a simbolo dell’unione di tutte le popolazioni del mondo: Republic City, ispirata in maniera molto poco velata alla Hong Kong degli anni Venti.

Anche la tecnologia ha fatto passi avanti, e da gigante direi: Se nella prima serie avevamo un accenno di navi a vapore e di zeppelin (qualsiasi cattivo che si rispetti deve usare gli zeppelin), qui è un tripudio di macchine(per quanto d’epoca) ed apparecchiature quasi ‘steam’.

Gli stessi Dominatori sono profondamente cambiati: da guerrieri, si ritrovano ad essere criminali organizzati in gang(sullo stile delle Triadi), o a  fare gli sportivi in un gioco chiamato Pro-Bending o Dominio Sportivo, la principale attrazione della città.

Una sfida con squadre da tre Dominatori, uno del Fuoco, uno dell’Acqua e uno della Terra. Per la cronaca, il commentatore dell’arena, che fa anche il riassunto delle puntate precedenti, è a dire poco meraviglioso.

Le stesse arti marziali che davano origine al controllo degli elementi sono state leggermente modificate, ricalcando più discipline da combattimento sportive: ad esempio Mako e Bolin, due dei protagonisti della serie, fanno uso rispettivamente del Kick Boxing (Mako, per il dominio del Fuoco) e della Boxe (Bolin, per il dominio della Terra). In ogni caso, l’evoluzione tanto dell’ambientazione quanto delle tecniche di combattimento è perfettamente coerente, anche se è normale che possa lasciare l’amaro in bocca, o che porti a paragoni con la prima serie.

Il nuovo Team Avatar: Da sinistra Asami, Bolin, Korra, Mako e Tenzin

Ecco, ora dirò qualcosa che è facilissimo da dire, ma difficilissimo da motivare: La Leggenda di Korra non regge il confronto con il suo predecessore.

Inutile che fai quella faccia…

Non che lo cerchi, per carità: la differenza di ambientazione serve proprio ad evitarlo, il confronto. Anche i temi sono profondamente differenti: tanto la prima quanto la seconda miniserie sono improntate sulla diversità e sul confronto, tra Dominatori e non Dominatori la prima, tra due tribù uguali ma diverse (più un’altro tipo di confronto, alla base del concetto dell’Avatar stesso) la seconda. Anche i cattivi sono molto meno ‘anni 80’ rispetto a La Leggenda di Aang, un filino più ‘politici’, quasi. Ora, se tutte queste cose sono nuove, i punti di forza di Avatar rimangono: belle scene d’azione, bella ironia, cura assoluta per i dettagli, personaggi (tranne due) ben caratterizzati nonostante il poco spazio a disposizione. Ma allora che cos’è che rende La Leggenda di Korra meno convincente rispetto all’Ultimo Dominatore dell’Aria?

Presto detto: la protagonista. Il difetto principale della serie è lei, in tutto e per tutto. Korra è un personaggio che vive il suo status di Avatar come una coroncina da reginetta del ballo: lei è speciale, quindi tutto le è dovuto.  Se si osa questionarla, pianta i piedini e la prende sul personale anche se, in quella situazione, è lei ad avere torto. Questo la porta spesso e volentieri a farsi manipolare, o a trovarsi in una posizione scomoda o sbagliata…e lei comunque non se ne renderà conto: tanto, è la reginetta.

Quando le dicono: ‘Sei l’Avatar peggiore di sempre!’ ho applaudito. Davvero.

Intendiamoci, questa caratterizzazione di per se non è un male. Anzi, ci può anche stare, dato che Korra è stata cresciuta con la consapevolezza di essere speciale. Tuttavia, il problema di questo personaggio è che, alla fine, il suo pestare i piedini fa si che la storia stessa si pieghi a darle ragione, andando fondamentalmente a banalizzare quanto detto fino a quel punto e lasciando la protagonista esattamente nello stesso stato in cui ha cominciato, con una crescita psicologica pari a zero.

I precedenti Avatar sono delusi. Molto delusi.

E questo ovviamente influenza tutta la visione del prodotto, e gli fa perdere smalto se paragonato alla prima serie: basta che Korra non compaia e subito le cose si risollevano. Ad esempio, nella seconda miniserie, Spiriti, ci viene spiegato in un lungo flashback tutta la genesi dell’Avatar e dei Dominatori: poesia pura sotto tutti i punti di vista, forse il momento più bello dell’intera opera di Avatar: segno che lo spirito nel fare le cose è quello degli inizi, e la bravura a raccontare anche.

Per carità, La Leggenda di Korra rimane comunque un cartone molto godibile, ma fa lacrimare al pensiero di cosa sarebbe potuto essere con una caratterizzazione differente della protagonista.

A rileggerci al prossimo episodio di C per Cartoni! E per la prossima volta, si cambia completamente genere….

Commenti (8)

  1. E qua secondo me sei caduto in una scemenza. Ti dico la mia esperienza: mi sono avvicinato prima a Korra e poi ad Aang, essendomi avvicinato tardi alla serie Avatar in toto. E vuoi sapere una cosa? Preferisco trecento volte di pi la serie di Korra, in special modo la seconda stagione. O meglio sono diverse, tra loro. Ma non a livello di qualit, a livello di temi. E’ quindi come hai detto tu, ma tu presupponi che la prima sia pi bella perch il protagonista sia migliore. Renditi conto di una cosa, nostalgico: Aang non ha fatto praticamente nulla fino all’ultima serie. Korra? Magari pi detestabile per il suo carattere, ma non per questo un minus alla serie.

    Che peccato, proprio sceso rispetto alla prima analisi

    1. Mah, io condivido pienamente il parere di Rorschach. Sono passato da Korra ad Aang e pur ritenendo questa seconda serie un buon prodotto, trovo che la prima sia superiore sotto diversi punti di vista. Il plot semplice, ma con elementi di continuit finemente intrecciati nel corso degli anni, protagonista e comprimari sono meglio caratterizzati e si percepisce molto di pi la loro crescita psicologica col progredire dei capitoli. Korra la apprezzo di pi sotto l’aspetto puramente tecnico e riconosco il merito degli autori di aver chiuso magnificamente i buchi mitologici lasciati sull’origine del ciclo degli avatar… ma non mi coinvolge tanto quanto Aang.

  2. [Rorschach]

    B, il mondo bello perch vario, ed ognuno ha le sue preferenze (ed io son nostalgico per definizione).
    In ogni caso, ti correggo su un paio di punti: non ho mai detto che ‘il protagonista sia migliore’, ma che ‘la storia si adatta al pestare i piedini della protagonista’, ed questo il minus alla serie. Ad esempio, quando (SPOLIER SPOILER SPOILER)
    |
    |
    |
    |
    |
    |
    |
    |
    |
    |
    |
    |
    |

    Korra perde il dominio per mano di Amon, ma scopre il dominio dell’Aria, poteva benissimo essere una possibilit di maturazione per lei il rimparare da capo tutti i Domini, invece di entrare in Stato di Avatar a caso e far tornare tutti in dieci minuti, con zero crescita per il personaggio. Idem sul finale della seconda serie: bello il fatto del ‘Non devo essere l’Avatar, mi basta essere me’ per sconfiggere il cattivo, ma poi perch ripristinare il tutto (con ancora crescita zero?)

    Crescita che nella prima serie c’era, ed era il tema portante: vero che Aang fa relativamente poco (la sua inattivit nel secondo libro a dire il vero, nel primo e nell’ultimo fa eccome), ma alla fine, lui solo un bambino che, poco alla volta, arriva ad accettare quel che ed a compiere il suo dovere. Capisco che, per differenziare i temi, abbiano evitato il discorso ‘crescita’, ma questo non giustifica il non far maturare per nulla un personaggio, rovinando di fatto per due volte una storia molto interessante sulla carta.

    1. grazie per lo Spoiler Alert, a nome di tutti quelli che ancora non l’hanno visto 😀 (e vorrebbero vederlo in futuro)

  3. Ciao, sono Artemisliver. Dopo il tuo articolo precedente mi sono visto tutta la serie di Avatar su Aang (con il pretesto di migliorare il mio inglese), beh grazie! Non penso l’avrei mai visto di mio. Vedendo solo la storia di Aang mi sembra di capire perch non ti sia piaciuta la seconda serie. Comunque questo mio commento ha solo lo scopo di ringraziarti per il lavoro svolto 🙂

    1. Mi fa davvero molto piacere, grazie a te!

  4. concordo su tutto, il primo libro di Korra almeno meno coinvolgente e la protagonista decisamente pi irritante di Aang (anche Mako irritantissimo a mio parere, ma per altri motivi). Per era da tempo che non mi facevo risate cos grasse, a livello di umorismo siamo sui livello di Aang (con tanti riferimenti alla serie precedente, bellissima quella sul mercante di cavoli)

    1. Concordo con te su Mako(nell’articolo parlavo di due personaggi sbagliati)…in fondo, un personaggio modellato apposta per la protagonista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>