Komixjam Manga Project Gennaio 2013, i lavori in concorso

di bila 40

Se state leggendo questo articolo probabilmente conoscete già il Komixjam Manga Project, ma potrei anche sbagliarmi, perciò vi ricordo, in poche parole, di cosa si tratta.

Il KJMP è il contest trimestrale, che si tiene sul nostro sito, per gli aspiranti fumettisti; siano essi amanti dei comics o dei manga, disegnatori o sceneggiatori, non importa; l’importante è avere voglia di partecipare a questa “vetrina” che mette a confronto le idee e la voglia farsi conoscere dei nostri utenti.

Quella che inizia oggi è la prima edizione del 2013 e come tale, da accordi, sarà caratterizzata (come del resto tutte le altre di questo anno) dal logo creato da Gioz (l’utente che ha vinto il contest apposito per disegnare il logo del KJMP).

Passiamo però a parlare di cose più concrete, come il numero dei lavori in gara. Gli artisti hanno presentato 5 lavori per questa edizione (peccato, sarebbero stati 7, ma 2 lavori sono stati rimandati nell’ultimo periodo); edizione che vede sfidarsi autori “all in one” (capaci di scrivere la storia e disegnare le tavole da soli) e team composti da sceneggiatori e disegnatori.

Prima di iniziare a presentarvi tutti i lavori, vorrei dirvi un paio di cose molto importanti.

La scorsa edizione ci ha mostrato che trasportare l’evento sui social network è un passo ancora troppo grande da fare, non è impossibile ma per farlo abbiamo bisogno della collaborazione di tutti gli utenti, affinché si possa raggiungere un pubblico più vasto bisogna, infatti, condividere con i propri amici l’evento… in pratica bisogna seguire quello che diceva Manzoni (spero che mi perdonerà se lo tiro in ballo per tanto poco) riguardo le catene dell’amicizia, un concetto davvero attuale, che potreste conoscere anche secondo un altro concetto simile, quello dei 6 gradi di separazione. Ad ogni modo il nostro intento è quello di riuscire nel minor tempo possibile ad allargare la visibilità del KJMP e per questo ci impegneremo e spero che voi possiate darci una mano.

Seconda cosa molto importante: “dite tutti grazie ad AOIKAGE!”, perché… perché se lo merita. Siete curiosi di sapere perché? Bene eccovi accontentati: “Da oggi finalmente il Komixjam Manga Project ha un reader online tutto suo”. So che lo stavate aspettando e avremmo voluto farvelo avere già da molto tempo, ma le cose non sono state così semplici; però oggi possiamo con gioia dirvi che è ONLINE la nostra prima versione. Certo non è ancora perfetta, ma lavoreremo per migliorarla. Per potervi accedere cliccate qui sotto.

READER KOMIXJAM MANGA PROJECT (1.0)

Dal reader potrete leggere e scaricare tutti i lavori in concorso e, appena finiremo di apportare le ultime modifiche (ma potrete leggere queste cose direttamente sulla home page del reader) anche avere a disposizione tutti i vecchi capitoli. Ovviamente, volta per volta il reader verrà aggiornato con le recensioni dei capitoli e tutti avranno la possibilità di commentare.

N.B. Avrete la possibilità di spostarvi attraverso le pagine del capitolo scelto utilizzando la freccia destra e sinistra della vostra tastiera.

Detto questo non mi resta che presentarvi i lavori in concorso.

Artista: Gioz

Titolo: Preistory – #1. Ti Trovo!

Modalità di lettura: Occidentale

Trama: Milioni di anni fa, da qualche parte sul pianeta Terra la vita era abbastanza diversa da come potremmo immaginarla. In un mondo senza orologi e tecnologia il tempo va pur passato e Koraco, assieme ai suoi amici, predilige passarlo a giocare, il problema è che i giochi sono sempre gli stessi e a volte noiosi, a meno che non succeda qualcosa di nuovo…

Perché leggerlo: In questo primo capitolo Gioz ci ha sorpresi, davvero, ha presentato un lavoro davvero ben fatto e dalle premesse del tutto inaspettate. Qualcosa mi dice che sarà una new entry gradita al pubblico.

Link: Preistory

———————————————————————

Artista: Skye X Ririn  

TitoloAnonymous – #1

Modalità di lettura: Orientale

Trama: Shirame Hana é una giovane idol scolastica, conosciuta da tutti gli studenti come “bella ma spietata”: infatti non perde occasione per screditare tutte le ragazze che si trova attorno, seguendo il motto “sei la più bella finché tutte quelle che ti stanno vicino sono brutte”. Ha anche deciso recentemente di diventare modella, convinta che non ci sia più niente ad ostacolarla sulla via del successo. 

Un giorno, tra le tante mail ricevute, ne apre una dall”oggetto vuoto, e dal contenuto senza senso. Per ragioni a lei ignote, da quel momento le sembra di essere seguita…per non parlare di alcune voci su alcune sue foto incriminanti…
Capendo di essere vittima di un attacco informatico, decide dunque di rivolgersi ad un suo compagno di classe, genio della pirateria, che pero’ non ne vuole sapere…

Perché leggerlo: Un ottimo inizio per il team Skye X Ririn, la trama proposta (almeno sul forum) sembra davvero piacevole; purtroppo questo capitolo non è altro che un “intro” al vero manga, ma potete stare certi che le qualità ci sono… e non sono nemmeno tanto nascoste.

Link: Anonymous #1

———————————————————————

Artista: Lonewolf

TitoloUp – #5. Il mondo fluttuante (parte 1)

Modalità di lettura: Orientale

Trama: Eichi è un ragazzo di 12 anni che vive in un tranquillo quartiere alla periferia di Tokyo. Non ha mai conosciuto sua madre, essendone orfano, e il padre non lo ha mai visto, per questo è stato allevato dal nonno paterno, che gli ha confermato più volte che il padre è vivo, ma che neanche lui sa dove si trovi.
Ormai da un anno Eichi si allena, nel tempo libero, col nonno, in passato un grande combattente, abbastanza controvoglia. Una mattina, però, trova davanti alla porta di casa uno strano pacco, che con sua grande sorpresa scopre contenere al suo interno un uovo… da cui spunterà fuori, poco dopo, nientemeno che… un gatto!
Il gatto sa parlare e si presenta, dicendo il suo nome: Up! Inoltre, dice di essere stato il collaboratore del nonno di Eichi, rivelandogli che ha ricoperto per molti anni il ruolo di uno dei dieci protettori del mondo, i combattenti più forti del pianeta! E ora sarà Eichi a dover rimpiazzare il suo posto, dato che il nonno ha deciso di andare in pensione; Eichi dovrà quindi iniziare la collaborazione con Up!
Alle rivelazioni di Up, il ragazzo rimane sbigottito e sconvolto! Lui non avrebbe mai pensato che il suo nonno un pò strambo avesse ricoperto un ruolo di così fondamentale importanza per l’umanità! Non gliene aveva mai parlato! 

Perché leggerlo: Siamo arrivati al capitolo 5 di questo manga e Lonewolf sembra sapere perfettamente dove voler andare a parare con la sua storia. Il capitolo sarà molto apprezzato dagli utenti che hanno già avuto modo di leggere i numeri passati e, probabilmente, potrebbe trovare molti nuovi ammiratori.

Link: Up – #5. Il mondo fluttuante (parte 1)

———————————————————————

Artista: CorNix  

TitoloVir Roboris #2

Modalità di lettura: Occidentale

Trama: Il protagonista della storia è Vir, un bambino di 10 anni (quasi un ragazzino di 11) che ha passato tutta la vita in un orfanotrofio. Gli piacciono gli animali e fare scherzi, a scuola è sempre stato il migliore nello studio ed il peggiore in educazione fisica, ma proprio per questo veniva spesso preso di mira dai bulli più grandi di lui. Questo finché un giorno uno di loro non passa il limite uccidendo la lucertola che Vir aveva trovato ferita e curato, calpestandola davanti ai suoi occhi… Il ricordo successivo di Vir è di averlo visto per terra morto (ancora vivo, in realtà) mentre gli altri scappavano da lui: era stato lui a ridurre così un ragazzo molto più grosso e forte di lui senza rendersene conto. Spaventato quanto gli altri, fugge dall’orfanotrofio verso la campagna e le foreste vicine… Ed è proprio lì che farà l’incontro che farà prendere alla sua vita una direzione che né lui né nessun altro avrebbero mai creduto. Questo era l’antefatto, da qui comincia la storia!

Perché leggerlo: Dopo un paio di edizioni ecco tornare CorNix con il suo Vir Roboris, siamo al secondo numero e la storia inizia a farsi più interessante, grazie alla comparsa di nuovi e stralunati personaggi che accenderanno la voglia nel lettore.

Link: Vir Roboris # 2

———————————————————————

Artista: Fukesuka 

TitoloThe Howl of Owl #2

Modalità di lettura: Orientale

Trama: Un’antica leggenda narra di persone dai poteri incredibili nate durante la nascita di una gigante rossa, loro saranno i portatori della pax perpetua. Queste è un sunto di ciò che apre il capitolo The Howl of Owl #2. Cosa sono i poteri di cui si parla, e chi sono queste persone? Esistono o, come tutti ormai credono, si tratta solo di un’antica leggenda?

Perché leggerlo: Entrato finalmente in gara, il team Fukesuka, inizia a mostrarci qualcosa in più rispetto allo scorso capitolo. Finalmente iniziamo a capire qualcosa e finalmente i lettori potranno iniziare ad appassionarsi al lavoro del team. 

Link: The Howl of Owl #2

———————————————————————

 

Mi sembra di aver detto tutto… ah no… dimenticavo.

Il Komixjam Manga Project inizia oggi 19 Gennaio alle 17 e termina alle 23.59 del 3 Febbraio. Mi raccomando ragazzi diffondete il verbo e facciamoci conoscere ancora di più.

Un ringraziamento anticipato a tutti quelli dello staff che collaboreranno con il sottoscritto con le varie recensioni.

(dimenticavo l’hashtag per twitter è il seguente #KJMP oppure #KomixjamMP)

 

[poll id=”7″]

Commenti (40)

  1. Si possono leggere i fumetti on-line? :w00t: Allora valeva proprio la pena di aspettare!

    1. Mai diffidare di noi :cheerful: anche se non diciamo tutto quello che facciamo, sappiate che non smettiamo mai di lavorare per il sito :ninja:

  2. Finito di leggere tutti proprio ora (con il lettore online che credo apprezzeremo tutti moltissimo XD) premetto che le critiche che seguono si basano ovviamente sui miei gusti personali, e sottolineo personali, quindi non prendetevela. Non sono una fumettista famosa n ho una casa editrice, esprimo solo la mia idea. Detto ci…
    Personalmente, pur non essendo assolutamente il mio genere n il mio stile di disegno preferito, trovo che Preistory sia il migliore. Davvero, un altro passo, sia come pulizia e chiarezza delle pagine sia per l’incredibile scorrevolezza della storia. Ripeto, i fumetti di impostazione umoristica non sono il mio forte, ma devo fare un’eccezione questa volta.
    I miei complimenti a Gioz, penso tu abbia buonissime probabilit.

    Passando al resto…

    Trovo che Anonymous sia un altro lavoro interessante, peccato per le poche tavole e la qualit del disegno incostante:a volte volti e figure davvero ben fatti, altre volte meno. (cosa che non accade invece in Preistory, vero, tipologia di disegno completamente diversa, ma non cede in nessuna tavola)
    Per mi ha incuriosita abbastanza, aspetto il seguito.

    Up!
    Forse sono stata una delle poche che non stata colpita da Up!, nemmeno ai tempi del suo debutto.
    Allora era certamente l’opera pi matura, ma il concorso era agli inizi e non vi erano poi molti partecipanti.
    Nonostante ci ho letto tutti i capitoli usciti e mi sento abbastanza pronta per esprimere un’opinione che non si riferisca solo a questo capitolo in particolare, ma un po’ in generale.
    Quello che pi mi ha colpito la notevole mancanza di espressivit, i personaggi hanno una faccia simile per la maggior parte delle vignette, ma le tavole sono pulite e chiare, questo si.
    Un altro aspetto piuttosto evidente, almeno per me, che tutte le volte che ho letto questo fumetto mi venuto in mente One Piece, e io nemmeno lo leggo One Piece!
    I volti, le espressioni comiche, il tipo di comicit e in particolare in questo capitolo tutto il mondo fluttuante.
    Come ho detto sopra non ho letto OP ma mi pare che ci fosse una cosa del genere anche l (un esperto mi confermi o meno) e se cosi potrebbe anche essere un omaggio,ok, ma le navi-pesce o i taxi-pesce, addirittura quei “monopattini” dell’illustrazione di presentazione mi ricordano troppo,troppo Oda.
    E qui mi fermo.

    The Howl Of Owl e Vir Roboris, li trovo ancora troppo immaturi, sia come impostazioni delle tavole sia come tratto (e non necessariamente perch viene utilizzata la matita). Spero continuino ad impegnarsi per raggiungere un sicuro miglioramento.
    Chiudo!

    1. hey Ilaria! da parte di Skye, vorrebbe saper quali figure ritieni mal fatte: non nel senso negativo, un modo per migliorarsi! 😉 grazie

  3. Nel manga The Howl Of Owl le pagine non sono poste in modo ordinato ma sono poste in modo casuale. Vi chiedo se possibile metterle in ordine.

    1. controlla ora, dovrebbe essere tutto risolto 🙂

      1. Sisi, risolto! :cheerful:

  4. Wooow Grazie mille Aoikage!!!
    Idea splendida ed utilissima!!! *0*
    Ho gi condiviso il link su FacciaLibro XDDD
    *va a leggersi i capitoli v*

    1. Non c’ di che 🙂
      Grazie a te 😉

  5. Davvero complimenti a tutti, bello vedere i vostri progetti migliorare sempre pi :biggrin: In bocca al lupo a tutti per le votazioni 😉

  6. io invece mi sento uno schifo per il super ritardo in cui mi sono presa….e quindi….errori di scrittura a volont…..scusate…-.-

  7. buona fortuna a tutti!!!

  8. acc… mi ero ripromesso di presentare qualcosa questa volta ma niente da fare… spero di farcela alla prossima … nel frattempo vediamo cosa c’ di interessante :happy:

  9. Complimenti a tutti organizzatori e partecipanti….che vinca il migliore! :cheerful:
    Grazie Aoi! :biggrin:
    Condiviso anche io su FB. ora di leggerli per….XD

  10. letto “Preistory. Manga stile “classico”, semplice ma costante e lineare. Fa una bella figura con sfondi, inchiostrazione, ecc, le inquadrature non sono statiche e il ritmo di narrazione quello giusto per iniziare. Un bel lavoro, finora uno dei pi maturi qui al KJMP(forse, insieme con TLJOE, l’unico a essere quasi pronto per il salto editoriale). L’umorismo non neanche il mio genere preferito, ma a livello tecnico non c’ nulla di sbagliato. E’ un manga autentico, non pretende di essere realistico nonostante prenda riferimenti reali (sempre che sia intesa cos la divisione delle trib degli uomini in forestali, cavernicoli e “capannicoli” con la divisione caratteriale e culturale che si riscontra bene nei 3 personaggi, che credo rispecchi l’evoluzione della civilt umana nelle prime societ di caccia e raccolta). Proprio un bel lavoro, ti faccio i miei complimenti e spero continuerai a mandare i tuoi lavori al KJMP

  11. letto Anonymous
    sono rimasto spiazzato, sia per la lunghezza del capitolo(decisamente corto) sia per la tecnica mostrata(decisamente buona ma un tratto troppo sottile talvolta) sia per la trama(in 6 pagine si pu capire molto poco, con questo capitolo non si capisce quasi niente, non si riesce neanche a presentare completamente l’unico personaggio, bench si capisca il tipo). Mi chiedo ora come continuerai col prossimo capitolo, visto che questo troncato.

    comunque, progetto interessante, quanto meno per la tecnica mostrata, che spero continuer a pieno regime in futuro. bye

  12. letto Up

    personalmente concordo in buona misura con quanto scritto da Ilaria. In genere i personaggi umani difettano e in questo capitolo in ogni faccia c’ una bocca spalancata. Le sopracciglia sono quasi sempre statiche.
    Il paragone con Oda lampante per stile, tematiche ecc… ma certo nessuno si aspetta che tutti siano completamente originali con le loro opere e Up non dovrebbe essere screditato solo per questo. Inoltre va dato credito all’autore per il modo in cui sono realizzati sfondi, architettura ecc…, insomma tutto ci che non siano i personaggi. Li fa bene, in modo proporzionato e con tratto pulito.

    ultima cosa: La penultima pagina, in particolare le ultime vignette, con la presentazione di un personaggio, verosimilmente nemico, visto solo di spalle, una brutta chiusura: intanto non viene dato risalto alla new entry(si vede solo in mezza pagina), poi finire un capitolo con una inquadratura della nuca del cattivo(la cui faccia ancora sconosciuta) in una vignetta piccolina mi sembra semplicemente antiestetico

  13. complimenti a gioz per prei-story. (strano che tu abbia diviso il titolo in prei ed in story, prey in inglese vuol dire preda, che sia un caso?)
    i disegni sono ottimi e ben curati, e la sceneggiatura divertente con battute moderne applicate alla preistoria.
    una preistoria alla “flinstone” ma non troppo moderna, la modernit rimane solo nel linguaggio. e mentre mi stavo domandando dove voleva andare a parare l’autore con tutta questa fuffa ecco che spunta un alieno (?) a complicare il tutto.

    Up, l’eterno secondo… no dai devo riconoscere il tuo lavoro sodo, e per questo sarai sempre il primo fra gli autori, ma ho trovato in questo capitolo le stesse cose che hanno citato rapsodia e ilaria, ovvero l’espressione e i volti avvolte simili dei personaggi.

    Anonymous- che dire bei disegni, la email con la tabellina ascii fa molto haker vecchio stile ma sembra una cosa scenica buttata li, ma chi quell’idiota che apre un link di una email con la tabellina ascii? capisco se si parla di un link vinci un viaggio oppure guarda che immagine divertente… ci sono mille scuse per far aprire un link…
    peccato le sole 6 pagine.

    The Howl of Owl, un solo aggettivo: Visionario. i disegni non sono il massimo (paragonati a gli altri sopra) ma non sono male, sono leggibili.

    Vir Roboris , strano gli ultimi due secondo la mia personale classifica sono quelli con il titolo pi difficile da pronunciare o ricordare. i disegni sono pi che amatoriali, forse al mio livello (ed io ho una scrittura da antico egizio).
    emblematico la vignetta del poliziotto in macchina…

    Finisco con due paroline sul project, molto bella l’idea del visualizzatore, se serve posso dare una mano con la programmazione, ho mandato un email. mancano alcune cose come un integrazione con i social pi diffusi, facebook, g+ e twitter (in ordine di utenti) e magari un anteprima delle tavole in basso dai numerini, una modalit tutto schermo (sempre sfruttando l’HTML5) e tante altre cose.

    mi dispiace di non scrivere recensioni pi precise ma ultimamente sono molto preso da impegni.

    1. Be’ dai, i Peanuts Di Schulz non erano disegnati meglio! 🙄

      1. non avevano bisogno di tanta precisione anatomica e a loro modo sono proporzionati. Poi la cosa importante che sono tanto espressivi!
        Comunque, non capisco la connessione tra la capacit di Pagliaccio di scrivere in antico egizio e la qualit dei disegni di CorNix. Che c’entra?

      2. mi sembra scontato che se scrivi male disegni pure male.
        non solo i disegni egizi sono pure piatti.(oltre a scrivere in geroglifico)
        e io sono un ottimo egizio xD
        hahahaha

      3. non credo sia cos scontato che chi scrive male disegni pure male. Almeno spero, io scrivo malissimo.

  14. letto Vir Roboris:
    mah, concordo con Pagliaccio sulla qualit del disegno. Precisando, seppure c’ una certa espressivit nei volti il pi delle volte (ahahah, era un gioco di parole! L’avete capito, vero?) il disegno manca di profondit, letteralmente. Anche per la quasi completa mancanza di sfondi, combinata con l’assoluta mancanza di ombre e una scarsa applicazione della prospettiva. Il risultato un album di figurine. L’unica scena d’azione, in cui doveva risaltare l’agilit della protagonista, subisce la brutta prospettiva, inoltre nella prima parte della sequenza del salto, il corpo della ginnasta, nonostante dovrebbe inarcarsi per fare la giravolta e cadere a 4 zampe, rigido quanto un manico di scopa. poi, ci sono anche vari errori di proporzioni nelle figure umane. Non detto che un fumetto con questo target debba seguire prospettive realistiche, ma necessario che almeno segua le sue.
    Il tratto monotono e troppo sottile, contribuendo anch’esso alla distruzione della profondit, e anche il font usato per fare i discorsi troppo sottile e magari, visto il target basso che l’opera si pone, troppo squadrato. Magari prova come va col Comic Sans.
    Male anche le gag. Nient’altro da dire qui, le ho trovate terribili e banali, mi spiace 🙁

    Di buono c’ la variet delle inquadrature, peccato che la mancanza di profondit non le abbia fatto risaltare,ma secondo me in fatto di “regia” questo capitolo non malaccio.

    Per quanto mi riguarda, ti consiglio di usare una grafica pi fumettosa possibile, magari pi vicina a Topolino che a Naruto, per esempio. O qualcosa tipo “Papirus”, non che sia molto lontano dallo stile che il disegnatore usa ora. Solo, un po’ pi di coerenza nei disegni, rispetto delle proporzioni, migliori effetti di movimento ecc…
    E caratterizza gli abiti un po’ di pi, specie quelli di Vir (un maschietto che si chiama uomo, l’avr detto al primo capitolo ma lo ridico, arisigh!), che sono anonimi. Poi, magari smorza l’uso del dialetto, ci sono molti altri modi per far evidenziare la cafonaggine di un lettore piuttosto che gli stereotipi linguistici.

    bye

    1. Tutte le critiche se motivate servono per migliorare, quindi sono ben accette! I disegni comunque sono di un mio amico (io non so proprio disegnare). Il carattere che ho usato proprio il Comic Sans, ce n’ un altro che puoi suggerirmi?

      1. http://www.identifont.com/samples/microsoft/ComicSans.gif questo il comic sans. In alternativa, un carattere che abbia comunque i bordi smussati/arrotondati, il meno serioso possibile(ma che sia comunque ben leggibile); nomi non te li posso dire perch non ne conosco, ma comunque se ne trovano, anche di base

      2. esistono caratteri chiamati animeace se non erro…

      3. Cerca Wild Word, il migliore secondo me per le vignette dei magna.

      4. se quello che hai usato tu, ti do ragione.

      5. Vir Roboris a me piaciuto, lo stile perfetto e si adatta molto bene, una semplicit del disegno e . Ovvio c’ margine di miglioramento ma lo stile funziona, diverso dal solito stile manga trito e ritrito, tu con il tuo amico che fa i disegni lavorateci su, se inizia ad usare la china potr fare un lavoro di bilanciamento di pieni e vuoti che lo porter a ragionare sulla semplicit e la purezza del segno, mantenendo per una forza non indifferente. Un consiglio quello di fare per i protagonisti degli schizzi preparatori, a tempo perso, su un solo foglio molte espressioni della faccia, e molte posizioni. Avendolo su un solo foglio sar semplice disegnare le proporzioni esatte! Ed aggiungerei effetti visivi divertenti, sembra un manga comico, io oserei di pi, tipo i due pagliacci gemelli potrebbero scambiarsi non solo di identit ma anche alcune parti del corpo tra di loro, il cattivo potrebbe essere intento a fare qualcosa di particolare, tipo attaccarsi pezzi di barba sulla faccia, magari totalmente imberbe. Insomma secondo me potresti osare di pi e fargli fare cose strane! Puoi lasciare anche libero il tuo amico che disegna di aiutarti a “finire” i personaggi, e con ci intendo aggiungerci dopo aver letto la tua descrizione del suo, potete fare brainstorming su cosa questo personaggio nella vita di tutti i giorni, che passato ha, dove cresciuto, cosa gli piace mangiare, quale il colore preferito, quale la forma preferita!

        Come per il protagonista, a cui piace il latino, approfonditelo tra di voi, mimate i gesti del personaggio, se per aver passato molto tempo a studiare ha una camminata particolare, magari una leggera scoliosi, dovrebbe portare degli occhiali ma non lo fa perch troppo narciso? Tutte queste cose poi non vanno raccontate a parole ma rientreranno nei disegni, nell’ambientazione e nei particolari modi di parlare del personaggio.

        A me piaciuto. Niente da dire. Mi piace nella sua semplicit e vorrei continuasse ad essere cos semplice ma lavorerei per migliorarlo nello stile (infatti ad una apparente semplicit corrisponde un enorme lavoro di semplificazione). Ultima cosa la staticit degli avvenimenti e l’incasellamento delle vignette, prendi ispirazione da altre opere per iniziare! Guarda Coccobill, Jacovitti ad esempio, studiane la variet di rappresentazione e le capacit di generare con tratti semplici un mondo meraviglioso. Rimane comunque il mio preferito, gli altri sono la ripetizione di pattern gi visti nei manga. Altro consiglio di non cadere appunto in un clich narutiano, del ragazzino emarginato che ha un potere enorme nascosto (come si intravisto nel primo capitolo). Con queste cose ci han gi annoiato abbastanza Kishimoto e suo fratello, ma loro hanno uno stile di disegno e capacit narrative migliori, quindi possono prendere temi noiosi e allungarli per anni e anni! Tu punta su altro come dal secondo capitolo stai facendo e farai benone. In bocca al lupo!

      6. @Il calamaio delle idee:
        Mi aspettavo il tuo commento… Solo non capisco perch ci hai messo tanto, mi domando che cosa ti abbia trattenuto dallo scriver prima l’esatto opposto di quel che pensi, i tuoi falsi complimenti e finti auguri. Sappi che comunque tranne la prima e l’ultima riga non l’ho letto, diversamente da quello di Rapsodia che, seppur critico, ho letto con piacere anche perch il suo parere, al contrario del tuo, stato sincero 8)

  15. Mamma mia che tensione nell’attesa delle votazione anche se, secondo me, vincer Preistory.. Mi sento escluso Rapsodia, l’unico che non hai letto il mio 🙁

    1. hai ragione, mi scuso

  16. i risultati li abbiamo, non vi faccio anticipazioni ma tra stasera e domani uscir l’articolo con il vincitore 😀

    1. un peccato che quest’anno hanno votato solo in cento….

  17. letto The Howl of Owl:
    per qualche ragione, mi risulta difficile approcciarmi con questo lavoro. Probabilmente per l’uso dei pastelli in apertura e chiusura. Va tutto bene nella prima vignetta in bianco e nero, ma quando si materializza quel corpo rotondo, l’effetto peggiora. Sicuramente la qualit media del disegno buona e ti sarai davvero smazzato non poco a fare la pagina 4 (per si nota la scrivania che sembra troppo poco profonda e la mensola che storta, poi occhio alla sistemazione dei ciuffetti di capelli che cambia da una vignetta all’altra).
    Oltre un rapporto difficile con la prospettiva, quello che difetta sono le ombre. Se ne vedono un paio, ma sono troppo poche. Discorso diverso per gli sfondi(ci sono, pi delle ombre, ma comunque non sono abbastanza) e questo vale anche per i disegni in generale: il problema la piattezza. I disegni sembrano schizzi, c’ poco a evidenziare la profondit e il tratto troppo sottile.
    Altre considerazioni specifiche sparse: lo sguardo cattivo a pagina 7 non mi sembra abbastanza cattivo. Potrebbe risultare positivo ai fini di un maggiore effetto intimidatorio, avvicinare le sopracciglia agli occhi, evidenziare le contrazioni basilari di muscoli in mezzo alla fronte e assottigliare la forma degli occhi.

    Per quanto riguarda impaginazione e regia, le vignette sembrano seguire dei formati standard , il che rende le pagine un po’ ripetitive come ritmo di narrazione, specie quando si presentano gli altri bambini. Poi, la narrazione in s molto episodica, poco lineare, si vedono spezzoni che si alternano di punto in bianco: l’ospedale, lo studio, il bambino gi cresciuto, di fila e senza far vedere cosa succede in mezzo. Come nei film di Harry Potter. Non rendono di per s brutto il capitolo, ma certo non esaltano la trama.

    La trama, ecco, in questo capitolo un tantino troppo lenta (0 azione, poco sviluppo della trama, incipit misterioso) . A parte il singolo capitolo, la trama sembra comunque interessante per quanto sia a uno stato cos primordiale che, se fosse un embrione, non si potrebbe distinguerlo tra quello di un mammifero e quello di un rettile(questo per dire che pu evolversi in qualsiasi direzione. La metafora non era necessaria ma ci tenevo a a farla 😀 ). Comunque anche secondo me vince Prei-story e sarebbe giusto cos.

    Bye

    1. Premetto che i disegni non sono miei, perch lavoro in coppia con una mia amica! 🙂 Provveder comunque a farle pervenire il tuo parere.
      Grazie mille della “recensione”, credo serva per migliorare di molto in tutto il manga!
      Speriamo escano subito i risultati, l’attesa mi distrugge..
      Grazie ancora della “recensione”!

      1. prego.

  18. e quindi chi ha vinto ? ._.

    1. In effetti mi aspettavo l’articolo da un bel po’ xD

      1. ragazzi sono rientrato ora a casa…
        scusatemi programmo l’articolo per domani intorno all’ora di pranzo, cos credo vada bene a tutti come orario.

        p.s. scusate ancora il ritardo, ma ho diversi impegni in questi giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>