Aldnoah Zero – Recensione [04-06]

di Kirisuto Commenta

Spread the love

Aldnoah Zero. Indubbiamente il titolo migliore di quest’estate. E’ vero, ci sono altri titoli degni di menzione per svariati altri motivi (Barakamon o Gekkan Shoujo) ma per completezza, trama, tempi, personaggi e cura Aldnoah li supera tutti. Questi tre episodi portano avanti la trama, approfondiscono i personaggi e sono una goduria per gli occhi.

 

Inizia qui l’ “arc della nave”. Dopo aver evacuato la cittadina, i nostri protagonisti raggiungono l’ultimo vascello militare disponibile che li porterà verso lidi più sicuri. Lo schema, ormai collaudato, in cui ogni due puntate compare una Kataphrakt aliena che ostacola i protagonisti si ripete mostrandoci i portenti tecnologici a disposizione dei marziani tramite il potere dell’Aldnoah. Potere studiato dal padre del bel biondino terrestre, “schiavizzato” su un castello orbitante. Difficile a dirsi che ricerche ha compiuto il padre; ha studiato la natura di tale potere, ha cercato di replicarlo, rubarlo o altro? Oppure, prigioniero, è stato obbligato a implementarlo? Fatto sta che sono alquanto sicuro il tutto sia legato all’incidente, insabbiato, a cui ha preso parte il sergente Marito. Possibile che questo “hakase” abbia spedito, non per raccomandata ma tramite un pioggia di meteore, i frutti della sua ricerca sulla Terra? Non lo so, ma sta di fatto che c’è una Kataphrakt ignota di cui nessuno dovrebbe sapere nulla da qualche parte sulla Terra.

La cospirazione marziana prende forma, sempre più, e si premura di tenere all’oscuro anche sua maestà di quanto realmente accade sulla Terra. Un imperatore vecchio e debole, molto affezionato alla nipote. Un dubbio però mi sorge: la cospirazione è collettiva (fatta eccezione per Crutheo) o solo di quel pomposo cavaliere tramaccione? Se fosse collettiva potrei capire la volontà dell’intera oligarchia dei cavalieri di occupare militarmente la Terra per renderla suolo marziano, ma se fosse frutto di un singolo non saprei spiegarmi a che pro. Vanagloria personale? Ottenere meriti militari al sicuro (è uno dei pochi, tre mi pare, castelli rimasti in orbita) per poi farsi belli alla corte e ottenere l’eredità dell’Aldnoah vista la mancante linea di successione? Anche qui, non lo so e a quanto pare lo scopriremo solo vivendo.

 

Le doti militari di Inaho rimangono impareggiabili, soprattutto tattiche. Per quanto poi gli scontri li si risolva con un 1vs1 è sempre un’ottima strategia di supporto a fornire le occasioni ottimali per colpire. La legittima difesa porta i terrestri a combattere come se non ci fosse un domani e come conseguenza diretta si arriva al non aver fatto neanche un prigioniero. La nave prosegue, ma si incaglia. I nemici arrivano e cadono. Ma a quanto pare il biondo adottato ha intenzione di collaborare coi terrestri. Collaborare è una parola grossa, diciamo che come ogni personaggio in quest’anime ha i suoi interessi e si muoverà con ogni mezzo per conseguirli; in tal caso gli “interessi” in campo sono la principessa Asseylum. Il suo, evidente, amore e conseguente istinto protettivo lo portano alla sua perenne ricerca, sapendo che ella è viva. Parlando della principessa…

La principessa ha deciso di giocare a carte scoperte con Inaho; vorrebbe mostrarsi ai pezzi grossi delle forze militari ma la possibilità che vi siano traditori pronti ad ucciderla (come all’attentato) la dissuade dal farlo, per ora. Dico per ora perché quasi sicuramente mostrerà la sua vera “natura” nel momento più opportuno. E se accadrà come è accaduto la prima volta allora sarà in grande stile.

 

Abbiamo fatto il giro di boa: siamo alla metà della serie o oltre di essa. E sempre più mi sto convincendo di un finale pacifico. La butto lì: la principessa si mostra ai militari che li stanno accompagnando e da lì inizia il viaggio verso la base militare per trasmettere comunicazione di un cessate il fuoco con videochiamata Skype. Solo che la strada per arrivare alla base è lunga e tortuosa e piena di Kataphrakt aliene che tenteranno di evitare ciò per impedire che vi sia pace. Sospetto il tutto terminerà in armistizio, la principessa che prende il trono, i cavalieri smantellati, la pace e tanti scambi socio-commerciali tra Marte e la Terra.

Oppure… la principessa fa il doppio gioco solo per poter condurre i cavalieri nei centri nevralgici del centro militare terrestre e quindi annichilire le forze terrestri tramite l’Aldnoah.

 

Chi lo sa, vedremo.

Però, curioso questo Aldnoah. Un potere tecnologico, cosciente che decide di legarsi a una matrice biologica (dna) per permettere a un qualcuno di poterlo attivare. Qui qualcosa mi puzza.

 

Alla prossima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>