Lights on: La saga di Final Fantasy (Capitolo 7: Final Fantasy VII)

di shishimaru 18

copertina final fantasy 7

Tre anni dopo l’avventura di FF VI arriva quel che ancora adesso è il capitolo un po’ rivoluzionario e sempreverde, di cui ogni giocatore di GDR nipponici può avere un ricordo preciso, specie se toccato con mano all’epoca, nel 1997, quando Square pubblicò insieme a Sony Computer Entertainment Final Fantasy VII, il primo vero e proprio Final Fantasy a raggiungere il territorio europeo e quello australiano per console Sony PlayStation e per PC con sistema operativo Microsoft Windows (pubblicato invece da Eidos Interactive). I lavori cominciarono immediatamente dopo il rilascio di FF VI, nel 1994, quando Sakaguchi intendeva addirittura ambientare la storia in una ipotetica New York del 1999 con tanto di grafica 2D proprio mentre lo staff lavorava contemporaneamente a Chrono Trigger (altro piccolo gioiello, lo conoscete?). Oltre all’ambientazione di carattere newyorkese, l’altra idea era quella di inserire un personaggio, una strega chiamata Edea. Se qualche appassionato fa due conti, si rende conto che la prima idea era stata applicata a Parasite Eve, mentre il secondo a ciò che sarebbe diventato FF VIII di cui sono molto blasfemamente affezionato. Lo sviluppo riprese nel 1995 e richiese pressappoco 120 artisti e programmatori per un progetto che costò 45 milioni di dollari (attualmente dovrebbero equivalere a 62 milioni invece). Kitase tornò a dare una mano nel dirigere i lavori e scrivere di FF VII, preoccupandosi di un eventuale flop se non si fossero usati poligoni tridimensionali che tanto stavano andando di moda in altri giochi. Perciò, una demo sperimentale per workstation Onyx fu creata e vedeva i personaggi di Final Fantasy VI combattere con i tanto voluti poligoni in 3D che pesavano un macigno per le sole cartucce che Nintendo riproponeva per la console Nintendo 64: l’unica cosa da fare era utilizzare i CD-ROM, così Square annunciò nel Gennaio del 1996 che Final Fantasy VII sarebbe stato sviluppato per PlayStation, con Sakaguchi che tentava di dare priorità al gameplay oltre la sola storia insieme agli altri che si preoccupavano di inserire il 3D nel gioco, Amano che disegnava la mappa aiutato da Nomura al character designing e Nobuo Uematsu che si occupava di usare per la prima volta il sound chip della PS con tanto di voci digitalizzate, e One-Winged Angel ne fu il risultato che ancora adesso conosciamo. Tre giorni dopo la pubblicazione in Giappone, 2,3 milioni di copie del gioco furono vendute.

Si poteva inserire uno scenario moderno e meno medievale e una grafica nuova di zecca, ma il gameplay non poteva certo cambiare enormemente, almeno le sue radici! La mappa vedeva sostanzialmente le solite aree con la schermata di battaglia, una per la città, un’altra per camminare sul mondo tridimensionale, o anche cavalcarlo su Chocobo oppure ancora usare navi e così via. Le battaglie vedevano non quattro o cinque personaggi giocabili ma solo tre che usavano la altrettanto solita barra ATB onnipresente, attaccando, usando magie, invocando creature, usando oggetti, tutto per conquistare esperienza e aumentare il livello delle statistiche, il cui sistema era basato sulle Materia da piazzare su armi e armature per personalizzare i personaggi. Gli attacchi speciali, come già detto la settimana scorsa, sono chiamati “Limit Breaks” e se ne vedono di sempre più forti per ogni personaggio!

personaggi final fantasy 7

I personaggi? Taaanti, e dedicherò in seguito un articolo apposito per approfondire il tutto! Il primo da tirare fuori è Cloud Strife, biondo, occhi azzurri per via dell’esposizione al Mako (la principale fonte di energia del mondo), un mercenario del gruppo eco-terroristico Avalanche ed ex Soldier della ShinRa. Fa uso di uno spadone appartenuto prima all’amico Zack ed ha un carattere alquanto tenebroso. Aerith è la ragazza dal carattere dolce e positivo, una fioraia che Cloud incontra abbastanza presto nel gioco legando in qualche maniera. Aerith è la discendente dei Cetra, l’ultima sopravvissuta diremmo, riuscendo a parlare alle anime e al pianeta stesso. Tifa è l’amica d’infanzia di Cloud ed è proprio lei a convincerlo a far parte degli Avalanche insieme a Barret, il capo che sembra tanto burbero ma gentile proprio come Cid Highwind, il pilota tanto in gamba che i nostri incontrano poco più tardi nel gioco. Caith Sith è uno strano personaggio, in realtà un robot meccanico, che si aggiunge prima al gruppo per poi combinare guai. Red XIII, il cui vero nome è Nanaki, è una sottospecie di leone che si aggiunge al gruppo dopo che questo lo libera; ha una intelligenza superiore a quella umana e fa parte di una specie molto particolare che vive abbastanza a lungo. Yuffie è un personaggio bonus ma che, come tutti gli altri personaggi, ha una certa caratterizzazione e le permette di rimanere nei nomi più grandi di tutto l’universo FF; è sostanzialmente una ragazzina ninja che si unisce al party per accaparrare più Materia possibili e infatti si apre anche un capitolo in più nel gioco. Stessa cosa per Vincent Valentine, uomo rinchiuso in una bara dentro una villa per via degli esperimenti che lo hanno reso una specie di mostro quando era parte dei Turks, corpo speciale della ShinRa. Menzione speciale va a Sephiroth, un tempo un eroe e “ora” super antagonista del gioco. Inizialmente non sapeva nulla del suo passato, gli era stato detto che la madre Jenova era morta in seguito al parto, ma in realtà era parte di un esperimento per ricreare un Antico, finendo per essere addestrato ad essere il miglior soldato della ShinRa. La sua personalità così mistica, come se fosse cosciente di molte più cose rispetto a ogni persona esistente, lo rendono un personaggio abbastanza amato dai fan della serie, comparendo anche più di una volta nella saga di Kingdom Hearts.

Quando chiedo a qualcuno cosa ne pensa della storia di FF VII, mi sento sempre dire che (e in effetti è vero) l’ambientazione e gli eventi prendono una piega analoga e contemporaneamente differente dai precedenti capitoli di Final Fantasy, sempre molto “medievaleggianti” con reami, castelli, cavalieri… questo FF VII è molto più cybernetico, moderno, andando sulla falsa riga del sesto capitolo con personaggi con una propria psicologia complessa. I temi affrontati non sono assolutamente da sottovalutare; sono ancora adesso molto attuali se contiamo che si tratta di un’opera degli ’90 (scusate, ne parlo come un affresco ottocentesco). Diseguaglianze sociali, l’economia industriale con annessa ecologia distrutta, riflessioni su vita e morte, scene drammatiche miste a qualche scenetta meno impegnativa – Cloud che si traveste da donna? – hanno fatto, a mio parere, di questo titolo una carta difficile da giocare per Square che ha dato un taglio netto. Nella storia vediamo il biondo Cloud distruggere i reattori ShinRa che trae profitto grazie all’uso di una fonte energetica, Mako, che provoca danni al pianeta su cui vivono, insieme al gruppo eco-terroristico Avalanche. Una volta fuori da Midgar, la città in cui vivono i nostri eroi, tocca scappare e distruggere la cupidigia della multinazionale che desidera nulla se non il potere assoluto, incurante dei danni che stanno provocando in qualche modo anche a loro stessi. Il corso degli eventi porta il giocatore ad affrontare anche l’assoluto rancore di Sephiroth che mira proprio alla distruzione del mondo intero, dopo perdita e ritrovamento di amici e non. Un continuo assistere a eventi epici.

  • SuppaH_Rasoio

    Lo dicono tutti che questa saga (del VII) overrated. Ma sinceramente, di giochi cosi completi non ce ne sono, ha una trama fantastica, personaggi complessi, un gameplay unico, una grafica al tempo buonissimo, un sonoro spaventosamente bello.
    E’ un gioco perfetto. Molti diranno che fa schifo, Cloud e Sephiroth sono stereotipati, ma sono molto pi complessi di quanto si immagini, e la SPOILER morte di Aerith un colpo di scena del tutto inaspettato, degno di un libro.
    Pieno di sentimenti, anche il CC meraviglioso.
    E’ vero, io li ho tutti, anche sul PSN (della saga VII) e una volta all’anno lo ri-finisco (ovviamente senza stare a battere tutte le weapon D:) e tutte le volte magico…

    • Dario

      che senso ha scrivere SPOILER una parola prima dello spoiler.. se non sei uno studente di prima elementare leggi un p pi di una parola contemporaneamente e vedi anche quelle successiva. “SPOILER” scrivilo a inizio commento, cos uno evita proprio di leggerlo.. :angry:

    • give or destroy

      cloud e sephirot non sono stereotipati , sono loro che hanno fondato lo stereotipo XD del cattivo divino e del protagonista cupo
      bello uno il primo vero ff
      cmq hai rovinato la storia a molti che avrebber voluto iniziare l gioko
      si trova in ita fatti da fan e giokabile con gli emulatori

  • Nabucodonosor

    Dopo FF8 il Final Fantasy pi bello di tutti. Ho iniziato tardi ad apprezzarlo, perch a primo impatto la grafica ormai datata mi aveva fatto storcere parecchio il naso, ma una volta superato questo ostacolo visivo il gioco scorre via che una bellezza. Forse fin troppo facile in certi momenti, tant’ che, senza usare soluzioni, sono morto una sola volta agli inizi e basta, senza mai patire contro nessun boss. Certo, Emerald Weapon un’autentica leggenda, ma alla fine l’unico degno di nota. Grande capitolo comunque, con una storia davvero bella e ben curata, musiche che ben si inseriscono con le immagini e un’elevato gameplay.

    • Jacques Mate

      Emerald Weapon l’unico nemico degno di nota?
      Penso tu abbia perso di vista Ruby Weapon…

      • Nabucodonosor

        Ruby Weapon non cosi difficile come sembra. Se sai come iniziare lo scontro lo scontro scivola via che una bellezza. O almeno a me ha fatto questa impressione.

  • _.-.-.-.—

    gran bel gioco pero secondo me il pi facile dell’intera saga XD

  • ichigo2

    Estuans interius
    Ira vehementi
    Estuans interius
    Ira vehementi

    Sephiroth!
    Sephiroth!
    :biggrin: :biggrin:

    • IlSenSei

      bellissima questa la sto ascoltando ora *-*

      • IlSenSei

        scusate il doppio post ma questa song (one-winged Angel) quando si sente nel game? me la sono persa…:S

      • Non il “leit-motiv” dello scontro finale con Sephirot che continua a riaccumulare energia e tu stai l a bestemmiare perch ogni 2 minuti devi cambiare prospettiva di combattimento (switch da un gruppo di 3 ad un altro)?

      • IlSenSei

        non ho capito bene, quando c’ quel sephirot gigante con una palla sulla pancia…e puoi combattere con i tuoi 3 gruppi?(uno alla volta)

      • Esatto! Proprio lo scontro finale.

  • _TheRock

    Veramente un gran gioco…ha tutto come gi detto da voi, fatto st ke Sephirot tutt’ora il cattivo + amato di tutti i tempi!!!
    Anke se il mio preferito rimane FF8, sar xk all’epoca mi sn impersonato tantissimo in Squall o magari xk(come dicono alcuni) il primo FF qllo ke preferisci sempre…^__^

    • Elijah

      Sephirot? E Kefka?

  • Logan_alle_Hawaii

    ho un bellissimo ricordo di Cloud e co, rester sempre uno dei miei giochi preferiti! Non a caso dopo quasi 15 anni uno dei miei portachiavi ancora Nanaki :wink:
    non so quante volte lo avr finito, esaltandomi ogni volta nei video di Cloud che piomba giu dal cielo come un meteorite o Nanaki che corre con i piccoli dietro (trall’altro scena di apertura del film uscito anni dopo che ovviamente ho in edizione limitata :tongue: )
    Pensare quanto mercandising/sequel/spin-off tutt’oggi ancora ci sia su questo capitolo fa capire quanto successo continui a riscquotere
    Ricordo le “chiuse” che mi facevo a casa per giocarci…una droga era!!! (e tutt’ora quando gioco a un FF mi estraneo per un periodo dal mondo ahahah)

  • Simone

    FFVII semplicemente il gioco che pi mi ha entusiasmato nella vita.

    Un vero capolavoro dei videogame nel complesso.

    Dalla storia al sonoro e le ambientazioni, che danno al tutto una atmosfera che devo dire non ho ritrovato in nessun altro gioco.

    Alla psicologia dei personaggi che infonde in ognuno (o quasi) di loro un carattere marcato. Non come nei successivi capitoli in cui i personaggi risultano abbastanza piatti, escluso FFVIII forse.

    Alla quantit di cose che puoi fare, che lo rendono decisamente pieno e appagante.

    Chi non ha giocato a questo capitolo della saga FF si perso uno dei giochi + coinvolgenti che ci siano.

  • Camillo Miller

    Quanti ricordi. Questo gioco, oltre ad avermi fuso le retine, mi ha praticamente insegnato l’inglese. Nessun altro gioco mi ha mai emozionato allo stesso modo. E le musiche! Nobuo Uematsu e rimane uno dei miei idoli videoludico-musicali.