Rupert Sanders regista di Ghost in the Shell

di Regola 4

 

Arrivano novità riguardanti il live action di Ghost in the Shell, la Dreamworks ha scelto Rupert Sanders (Biancaneve e il Cacciatore) come regista per l’adattamento cinematografico del famoso manga cyber-poliziesco di Masamune Shirow. La sceneggiatura del film è stata scritta da William Wheeler (L’imbroglio, Il Fondamentalista Riluttante), sebbene nel 2008, quando la Dreamworks annunciò la realizzazione di questo progetto, per questo ruolo fosse stato originariamente scelto Jamie Moss (La Notte non Aspetta, Last Man Home). Nel 2009 venne scelta come sceneggiatrice Laeta Kalogridis, che aveva lavorato anche a Shutter Island, ma dopo qualche entusiasta dichiarazione risalente al 2010, il progetto sembrava essere caduto nel dimenticatoio. La Kalogridis aveva annunciato di voler creare una sceneggiatura basata sul manga e non sulla versione animata prodotta da Production I.G e Mamoru Oshii, sul quale avrebbe potuto scrivere persino una trilogia.

Nel 2008 la rivista Variety dichiarò che anche la Universal e la Sony stavano negoziando la possibilità di acquisire i diritti con la casa editrice Kodansha: a far pendere l’ago della bilancia a favore della Dreamworks pare essere stato l’entusiasmo di Steven Spielberg, co-fondatore dello studio di produzione. Spielberg stesso dichiarò di considerare Ghost in the Shell, tra il genere cyber-punk, una delle sue storie preferite, ed era entusiasta di poter accogliere il prodotto per la realizzazione nello studio Dreamworks. A guidare la produzione insieme a Dreamworks ci sono Avi Arad (produttore noto per la sua attività nei Marvel Studios) e suo figlio, insieme alla Seaside Entertainment di Steven Paul.

Rupert Sanders

In Italia il manga di Ghost in the Shell è stato integralmente adattato dalla casa editrice Star Comics (Storie di Kappa 117, 122, 132); il primo film è stato adattato in Italia da Panini Video, mentre il secondo dal titolo Ghost in the Shell 2 – Innocence è stato prima distribuito nei cinema da Eagle Pictures, successivamente nel mercato DVD dalla Dynit. Le due serie animate, Ghost in the Shell: Stand Alone Complex e Ghost in the Shell: Stand Alone Complex – 2nd GIG, entrambe da ventisei puntate, sono state distribuite sul mercato italiano da Panini Video tra il 2006 e il 2007.

[Fonti\ANN]

Commenti (4)

  1. Passare da Mamoru Oshii a quello di Biancaneve e il cacciatore (e della storia di corna con Kristen Stewart) un bel colpo…
    Mah, chiss, speriamo almeno nella sceneggiatura

    1. Io sono scettico, come per Akira.

  2. Che non si azzardano a fare cagate con quest’opera!

  3. A memoria non ricordo film fatti da occidentali all’altezza della contro parte orientale… Anche per oldboy che si tratta di un remake del film il risultato lascia a desidera, se partiamo quindi dalla versione anime o manga la vedo ancora pi ardua.
    A mio avviso l’unica strada possibile la CG come fatto per Capitan Harlock (parere puramente personale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>