Dragonero – Recensione

di Rorschach 4

Un saluto a tutti i lettori di Komixjam!  Oggi sono qui per parlarvi di una nuova serie italiana… che proprio nuova nuova non è. Trattasi di Dragonero, serie di stampo fantasy scritta da Luca Enoch e Stefano Vietti e disegnata da Giuseppe Matteoni, edito dalla Bonelli.

Perché la serie non può considerarsi ‘nuova’? Il motivo è piuttosto semplice: perché Dragonero uscì nelle edicole nel lontano 2007, in una veste insolita per la casa editrice di via Buonarroti: quella del romanzo a fumetti, un volume monografico che raccontava una storia autoconclusiva.

E la serie appena uscita riprende il romanzo, condividendone l’ambientazione, i personaggi e sopratutto il protagonista: Ian Aranill, della stirpe Varliedarto, che proprio alla fine del volume del 2007 veniva soprannominato Dragonero.

qui uno studio del protagonista…molti lo potranno trovare simile al videogioco The Witcher…ma quest’ultimo è uscito nel 2009, quindi dopo il romanzo.

In ogni caso, non bisogna aver letto il suddetto volume per godersi la storia: nel numero uno ora in edicola ci viene spiegato tutto quello che dobbiamo sapere, comprese le conseguenze di quello che è accaduto al protagonista alla fine del romanzo.

Dragonero è una tipica serie fantasy, che quasi dà per scontati alcuni stereotipi tipici del genere, come la presenza della magia, degli elfi, degli orchi e quant’altro, con una chiara ispirazione al mondo dei giochi di ruolo cartacei ed online(tanto è vero che verrà creato un GdR ambientato nel mondo di Dragonero): e tutto questo viene visto con la ricercatezza tipica del fumetto italiano in generale, e della Bonelli in particolare.

L’orco Gmor, il coprotagonista

La narrazione, che si svolge su due piani temporali differenti(il presente ed il passato, con il protagonista che racconta una storia), scorre molto fluida e piacevole,  ed i rapporti tra i personaggi sono molto ben curati(alcune scene mi hanno ricordato i battibecchi tra i compagni di Tex, altre le discussioni attorno al tavolo di Dungeons & Dragons). A livello grafico, niente da eccepire: la Bonelli ci ha abituato da tempo alla qualità dei suoi disegnatori.

In definitiva, è un’opera realizzata davvero molto bene a tutti i livelli…con un solo grande difetto: la scarsa originalità.
Il numero uno della serie, infatti, mi ha lasciato la stessa sensazione che mi diede il romanzo a suo tempo: già visto, già sentito.

Sarà che il sottoscritto è un amante del genere fantasy (Chi mi legge da un pò lo avrà capito, ed avrà capito anche quali sono i miei gusti in merito, per Crom!), e quindi ha un occhio forse troppo critico. O sarà che la fantasy da un pò di tempo a questa parte (dall’inizio degli anni Duemila, per la precisione) sta deragliando pesantemente sul binario della monotonia, fossilizzandosi in stereotipi e categorie ben definite dove, dopo un pò, le cose da dire finiscono.
Si è perso quello spirito innovativo, di contaminazione con altri generi (come la fantascienza o l’horror), e di sperimentazione che c’era nel secolo scorso, dove la fantasia dello scrittore (da qui il nome del genere) era unico limite a quello che potevamo leggere. Le innovazioni attuali si contano sulla punta delle dita, e con l’aria che tira si corre il rischio di vedere orride fotocopie di un idea originale sfornate in serie (tremo al pensiero di quante storie di intrighi di potere e personaggi uccisi come se piovesse vedremo sugli scaffali tra poco tempo).

Per carità, di tutto questo Dragonero non ne ha colpa; anzi, la sua qualità è decisamente più elevata del libercolo fantasy medio che si trova in libreria. Ve lo consiglio se volete avvicinarvi al genere, o se volete cimentarvi una lettura non  impegnativa: è un buon prodotto ed intrattiene, ed a un fumetto non si può chiedere di più.

Commenti (4)

  1. Premesso che non ho comunque intenzione di seguirlo (c’ davvero troppo che gi non riesco a seguire e il fantasy onestamente anche basta dai), ma non ho ancora capito se si tratta di una miniserie dai numeri gi definita o di una (ennesima) serie regolare infinita (inutile dire quale delle due io preferisca credo 😛 )

    Ad ogni modo il tuo commento ribadisce quello che penso da un po’ … Bonelli si fossilizzata nella “sicurezza” … altro chiaro esempio l’ultima serie creata, Saguaro … speriamo che in futuro le cose tornino a cambiare… volendo i segnali ci sono (Recchioni a capo di DYD, una serie come “Le storie”)

    1. Pare che sar una serie, sullo stile di Saguaro.

      Guarda, credo che la Bonelli debbia mantenersi su entrambi i fronti: ci sono serie che si basano sulla ‘sicurezza’, come ad esempio Tex, che vanno bene cos come stanno…con le miniserie in 18 numeri si poteva anche sperimentare, innovando e parlando di cose nuove…

      …d’accordo sulla necessit di cambiamento, ma sulle serie nuove, non sulle vecchie. Il punto quello che hanno da dire.

  2. Non vale la pena andare oltre il numero uno!
    A me pare l’ennesimo prodotto senza linfa n appeal: un deja vu!
    Luca Enoch si spremuto abbastanza (alle volte invano) con Gea – e il suo clone Lilith – sicch non c’ da aspettarsi nelle pagine di “Dragonero” pari “creativit”.
    Ad ogni modo palpabile che la Bonelli non abbia inteso omaggiare la letteratura di settore (esistente da tempo immemore), piuttosto ha voluto inserirsi, a mio avviso senza convinzione, sul solco tracciato dai successi commerciali delle trasposizioni cinematografiche!
    Il che, evidentemente, risulta ormai tardi.
    Dragonero un mai nato; una sbiadita copia destinata all’oblio.

  3. L’idea che sta dietro al fumetto mi piace, un fantasy classico e leggero ma soprattutto made in italy il che sempre lodevole!

    Vorrei precisare una cosa riguardante l’aspetto del protagonista di Dragonero. Il protagonista del fumetto molto simile a Geralt di Rivia e si, il videogioco The Witcher uscito nel 2007 e non il 2009 mentre il seguito, The Witcher 2: Assassins of Kings uscito nel 2011. La saga Witcher prende spunto dalla saga fantasy omonima che venne pubblicata per la prima volta in Polonia nel 1993 (in verit nel 1990 l’autore pubblic su una rivista dedicata al fantasy&sci-fi il racconto che diede l’inizio a tutto) e nel 2007 arriv la versione inglese….

    Informazione errata quella nell’articolo riguardo l’anno 2009!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>