Mushishi Tokubetsu-hen: Hihamukage

di Silvia Letizia Commenta

Il sito web ufficiale dello speciale di un’ora intitolato Mushishi Tokubetsu-hen: Hihamukage (Mushishi Special: L’ombra che divora il sole) ha cominciato a diffondere un secondo video promozionale mercoledì di questa settimana. La doppiatrice Mika Doi, già tra le doppiatrici della serie animata televisiva, è la voce narrante del video. Il doppiatore Yuto Nakano interpreterà nuovamente il protagonista, Ginko, al fianco di Rio Sasaki nei panni di Hinata, e l’undicenne Yuuna Watanabe in quelli di Hiyori.

mushishi3

Lo staff sarà lo stesso della serie animata televisiva con Hiroshi Nagahama alla regia presso lo studio d’animazione Artland e Yoshihiko Umakoshi al character design e ai processi d’animazione. ulteriori membri dello staff saranno Takeshi Waki come direttore artistico, Takeshi Kuchiba come direttore della fotografia, Masahiro Matsumura all’editing, Toshio Masuda alla composizione della colonna sonora e Kazuya Tanaka come sound director.

Lo speciale d’animazione andrà in onda in Giappone il 4 Gennaio alle 23:30 per varie emittenti televisive: Tokyo MX, Tochigi TV, Gunma TV, e BS11. Il servizio di videosharing Niconico trasmetterà lo speciale in Giappone, mentre il sito web Crunchyroll lo diffonderà in altri paesi del mondo.

Lo speciale di Mushishi Tokubetsu-hen: Hihamukage è tratto a sua volta da uno speciale cartaceo in due capitoli pubblicato da Yuki Urushibara sui numeri di Gennaio e Febbraio della rivista Afternoon edita dalla Kodansha. I due numeri della rivista sono usciti, rispettivamente, il 25 Novembre e il 25 Dicembre.

mushishi2

Il manga originale di Mushishi è stato pubblicato su Afternoon tra il 1995 e il 2008 e raccolto in dieci volumetti. L’opera si è aggiudicata numerosi premi, come il Kodansha Manga Award per il miglior manga nel 2006. L’anno prima, Mushishi era anche stato trasposto in animazione, in una serie di ventisei episodi prodotta dallo Studio Artland e nel 2006 Katsuhiro Otomo ne aveva diretto un adattamento dal vivo che è stato presentato anche al Festival del cinema di Venezia.

[ Fonte | ANN ]
[ Fonte | Wikipedia ]