OUYA: la console open source che userà Android

di IORI_17 11

Ormai da molto tempo nel mercato videoludico si può avvertire un senso di stantio e di “già visto”, sono ben poche le software house che possono permettersi di provare qualcosa di nuovo dato che gli alti costi di sviluppo non permettono passi falsi al giorno d’oggi: un solo gioco su cui si è deciso di investire e che non ha portato i ricavi programmati può portare a grosse perdite o, nel caso di aziende senza una consolidata fonte monetaria alle spalle, addirittura al fallimento come purtroppo abbiamo visto in questi ultimi anni.

Questa situazione però potrebbe essere smossa da una nuova console: Ouya (pronunciato OOO-yah). Su kickstarter, sito volto a chi cerca fondi per i propri progetti e al cui link potete vedere una presentazione della console, è apparsa la richiesta di contributi per poter mettere in atto questo progetto e in sole 24 ore è stata raggiunta la somma di denaro prefissata, ovvero 950’000 $, mentre al momento i soldi donati sono di 3’975’000 $ circa. I produttori sperano di poter immettere sul mercato questa console da marzo 2013 al prezzo di 99 $ per chi risiede negli USA, mentre gli altri dovranno aggiungere le spese di spedizione per ricevere la console a casa propria.

Prototipo di interfaccia del menù

La caratteristica principale di questa console che ha attirato l’attenzione della comunità è il fatto di essere totalmente Open Source: non ci saranno royalties, costi da pagare per lo sviluppo e la pubblicazione su di essa e sarà hack-friendly (quindi chiunque con un minimo di conoscenze informatiche potrà modificare il software a suo piacimento). Tutto questo è possibile grazie al sistema operativo scelto, ossia Android. Questo vuol dire che gli sviluppatori potranno creare i propri giochi abbattendo i costi di produzione che avrebbero per pubblicare le proprie creazioni su altre piattaforme, sia digitali che fisiche, dovendo però provvedere da soli alle proprie SDK, ovvero i programmi ed i tool utili per sviluppare, nel caso non si voglia usare direttamente Android per programmare. Non sarà possibile usare SDK famose come il CryEngine o l’Unreal Engine con le quali vengono prodotti alcuni dei giochi visti su Xbox 360 e PlayStation 3 principalmente per due motivi: dal punto di vista economico non avrebbe senso una scelta simile, questi programmi costano non poco e tutto ciò andrebbe contro i propositi dei creatori di Ouya; mentre dal punto di vista tecnico la console non supporterebbe le ultime versioni che hanno requisiti molto alti.

Prototipo di joystick, sul quale sta lavorando Yves Behar, designer vincitore di diversi premi

Infatti Ouya disporrà di caratteristiche tecniche piuttosto povere se comparate alla media dei pc odierni e a quello che vedremo in futuro grazie alle nuove PlayStation ed Xbox (e forse non potrà nemmeno raggiungere i livelli di certi giochi per PS3). Vediamole nello specifico però:

  • Tegra3 quad-core processor
  • 1GB RAM
  • 8GB di memoria flash interna
  • CONNESSIONE HDMI per la tv, con supporto fino alla risoluzione HD di 1080p
  • WiFi 802.11 b/g/n
  • Bluetooth LE 4.0
  • USB 2.0 (una sola uscita)
  • CONTROLLER WIRELESS con pulsanti standard (2 levette analogiche, frecce direzionali, 8 pulsanti d’azione, pulsante di sistema) e un touchpad
  • Android 4.0
Questo è quanto è possibile fare col Tegra3, il processore usato

Sinceramente preferirei avere più di un’uscita usb per ogni evenienza, anche se i creatori dicono che la console potrà gestire qualsiasi periferica senza restrizione ed addirittura ci sarà possibile creare da noi periferiche varie (joystick, mouse specifici, volanti, ecc) da collegare ad Ouya. Non bisogna nemmeno farsi ingannare dal fatto che sarà possibile gestire video a 1080p: questo non vuol dire che è possibile fare giochi simili a quelli di PS3 e 360 (che tra l’altro non raggiungono i 1080p in game se non con giochini da scaricare come Echocrome, Fat Princess o Boogie Bunnies; la totalità dei grandi titoli si attesta sui 1280*720 senza contare il framerate ed i diversi filtri applicati), questo vuol dire che sulla vostra tv vedrete in full HD giochi la cui complessità tecnica va da quella di Angry Birds e Fruit Ninja a quella dei giochi scaricabili da PSN o Xbox Live citati prima.

Inoltre grazie ad Android sarà possibile scaricare e produrre qualsiasi tipo di applicazione del genere già visto su smartphone, perciò le possibilità per i produttori sono davvero illimitate. Tutto ciò che è richiesto a chi vuole pubblicare qualcosa su Ouya è che questo sia in parte gratis: sul modello di League of Legends o Team Fortress 2 gli sviluppatori potranno offrire una demo gratuita da aggiornare al gioco completo a pagamento, oppure l’intero gioco potrà essere gratuito ed a pagamento ci saranno solo elementi del gioco come strumenti, poteri o l’abbonamento simil-mmo.

Questo progetto ha attirato anche l’attenzione di nomi illustri del campo, come Mojang (sviluppatore di Minecraft) che dice:”Se Ouya sarà davvero la prima console da gioco a dare agli sviluppatori indipendenti la possibilità di arrivare fino al mercato dei videogiochi da salotto sarà una grande idea. Seguiremo lo sviluppo di Ouya e vedremo cosa ne penseranno i giocatori, se ci sarà la richiesta tutti i nostri giochi potranno uscire su questa piattaforma.” o Jenova Chen (di Thatgamecompany, creatori di Fl0w, Flower, Cloud e Journey) che afferma:”Sono molto eccitato per Ouya! Sono un fermo credente nel fatto che ci sia sempre la possibilità di sfidare lo status quo”.

Personalmente credo che questo sia il progetto giusto per dare la rinfrescata che serve al mercato dei videogiochi, ormai ancorato su ciò che l’ha reso grande e senza innovazione nella quasi totalità dei giochi proposti. Se dovesse davvero prendere piede questo progetto sarà un duro colpo per Sony, Microsoft e Nintendo, anche se non potrà mai offrire l’esperienza di gioco che possiamo trovare sulle console più famose. Stiamo quindi a vedere come si evolverà la situazione e se il mercato ne risentirà.

[Fonte: Kickstarter]

  • nessuno dice il vero punto forte di questa piattaforma?
    ve lo dico io.
    compro a 100 dollari una consol android.
    ci installo l’app onlive.
    e gioco tramite straming a tutti i giochi di ultima generazione senza avere un pc potente grazie al Cloud Gaming.

    • IORI_17

      Spiegati meglio, non conosco OnLive. I giochi da dove li prendi? Li fa girare la console o un pc?

      • i giochi girano su un server, e tu ti colleghi con la tua console tramite “desktop remoto”

        non devi scaricare niente (a parte il client), ti colleghi e giochi.
        puoi giocare una demo o comprarti un gioco.
        puoi comprarlo per un certo tempo a 10 euro circa o anche meno, oppure per sempre a 40 euro come i normali videogame

      • IORI_17

        Ho paura che in caso di giochi pesante il lag sarebbe insostenibile

  • Vigilante8

    molto interessanto spero solo che con la scusa che si tratta di un progetto particolare e che non ha molte pretese non venga mal realizzato

  • ichigo2

    tutto dipender da che giochi usciranno per essa.
    Per quanto mi riguarda penso che sar un grosso flop visto che usciranno le altre tre grandi console di nuova generazione.

    tanto le prender tutte comunque….

    • ichigo2

      comunque considerando la ventennale collezione di videogiochi rimarr sempre fedele ad avere un fottuto gioco con relativo supporto fisico.
      Sono contrario completamente al free to play e ai giochi scaricabili.

  • anticapitalista

    era l’ora!! il momento di scuotere e distruggere lo schifoso commercio dei videogiochi, tra dlc megacostosi e immeritati!!

  • AoiKage

    Io penso che sia una buona cosa, ma che non possa sostituire le normali console da gioco cos come le conosciamo noi.

    • IORI_17

      Concordo in pieno, un modo di giocare integrativo che di sicuro non fa male avere… o almeno spero che non faccia male, se gli sviluppatori si spostassero su questa console dati i bassi costi di produzione e abbandonassero le produzioni sulle “console importanti” il mercato ne risentirebbe di sicuro

  • fausto

    ..ahim,purtroppo,o per fortuna..non s..tutto legato alle proprie naturali disponibilit…io adoro i videogame,ma non posso acquistare tutte le console…vorrei,ma non posso…sono costretto quindi , a sperare che il progetto Ouya diventi realt…altrimenti non potr giocare come “quelli” che possono comprare tutte le console…. :wub: