Brave 10, anime dell’inverno 2011-2012

di Zyund 3

Come primo articolo per le recensioni degl’anime invernali ho scelto un’opera che credevo essere davvero buona, ma, dopo aver visto il primo episodio un po’ mi sono ricreduto, oggi vi parlerò di Brave 10.

L’anime nasce come manga di Kairi Shimotsuk, pubblicato da Media Factory,si è concluso in patria, nel 2010, con la pubblicazione dell’ottavo volume. La trasposizione anime è diretta da Kiyoko Sayama, scritta da Mamiko Ikeda e le musiche sono di Seikou Nagaoka sotto la direzione dello Studio Sakimakura per quanto riguarda le animazione e dello studio TMS Entertainment per la produzione dell’opera. L’autore ha inoltre iniziato una seconda serie intitolata breave 10 S nel giugno del 2011 e attualmente ne è stato pubblicato un solo volume in Giappone.

L’opera si svolge nel periodo Sengoku (1478-1605), dove il Giappone è diviso in piccoli feudi che si fanno la guerra per cercare di arrivare alla supremazia. A causa di ciò, un signore feudale, da alle fiamme un santuario e Isanami, l’unica sacerdotessa superstite, scappando dagl’aggressori del tempio che vogliono ucciderla incontrerà Kiragakure Saizou, un samurai senza padrone che prima la salverà e poi, deciderà di rimanerle accanto per proteggerla.

Essendo appena all’inizio della messa in onda è difficile giudicare un’opera, ma devo dire che la mia impressione su Brave 10 non è del tutto positiva, anzi credo che ci sia una mancanza di fondo che compromette tutta l’opera, L’animazione è buona e i combattimenti tra i vari personaggi si fanno interessanti, alcune trovate sono molto carine, ma ritengo che la trama devvero molto banale che fa da spalle all’opera non riesce ad esprimerne il suo massimo potenziale. L’inizio è disastroso, con il protagonista che muore di fame e incontra l’altra protagonista che chiede di proteggerla e non si stacca più da lui. Questo è davvero un inizio fin troppo classico, posso capire che non è semplice iniziare un’opera, ma la prima puntata è di una banalità estrema, non che la seconda si scosti poi di molto … Personalmente credo che l’opera abbia grandi potenzialità, ma che se non si riesce a rendere la trama un po’ più interessante, e meno banale, rimarrà solo un’opere che aveva delle potenzialità …

  • Lettore

    Scusa ma io so che il manga raccontava la storia dei dieci coraggiosi di Sanada, quindi l’epoca non dovrebbe essere il Periodo Edo, dato che sono avvenimenti successivi alla Battaglia di Sekigahara del 1605 e alla presa di potere di Tokugawa? E il protagonista non dovrebbe essere un ninja?

    • Nick90

      Il protagonista nel manga/anime si autodefinisce un samurai. Mentre il periodo storico a cavallo tra il Sengoku e il primissimo Edo (facendo rientrare l’Azuchi-Momoyama nel periodo Sengoku).

      L’opera in se pare interessante, ricordiamoci che l’autore lo stesso di Sengoku Basara, quindi non aspettiamoci niente di complicato. Ma tante tante botte.

    • Zyund

      SI il racconto dei dieci coraggiosi di Sanada e il protagoniste un ninja ma nell’anime viene identificato sempre come un samurai senza padrone…

      Per il periodo non sono certo delle date, poich in pi fonti ci sono date diverse, c’ chi dice che ambientato alla fine del periodo Sengoku, chi durante e chi nel periodo Edo… Poich potrebbero aver preso la Storia dei 10 coraggiosi di Sanada e averla trasportata 20 anni prima degl’effettivi eventi…