Oreimo 2 – Recensione [05]

di Kirisuto Commenta

Spread the love

Salve a tutti! Prima di iniziare mi permetto un appunto: Aku no Hana ha cambiato giorno di programmazione e non si trova tuttora online subbato in inglese perciò non è uscita la recensione. Sono in trepidazione ma, per adesso, vediamo Oreimo. Questa settimana s’è fatto un bel passo avanti.

 

Ci eravamo lasciati con Kirino che chiedeva al fratello di essere il suo ragazzo. Per com’era posta l’ha richiesta Kyosuke s’immagina sia una domanda seria e che la sorellina abbia dei sentimenti di quel tipo verso di lui. Niente di tutto ciò ovviamente: si tratta di recitare la parte per un giorno. Il giorno dopo i due infatti incontrano un agente di idol/modelle che offre a Kirino un posto nella sua “azienda” che però prevede lo spostamento di Kirino in Europa. La ragazza ha addotto il pretesto del boyfriend, che non la lascerebbe andare mai via/da cui non può separarsi, per evitare un’ulteriore separazione da amici e parenti perdendo definitivamente la faccia. Kyosuke si butta sul suo personaggio convincendo, solo in parte, l’agente. Tra le balle raccontate se ne esce con un fantomatico appuntamento con Kirino il giorno dopo.

Ora sorge un problema: Kirino teme l’agente possa seguirla il giorno dopo per controllare la veridicità dell’affermazione (e quindi della relazione). Una donna (quest’agente) parecchio accanita; arrivata perfino ad offrire soldi a Kyosuke per mollare Kirino. Ad ogni modo decidono di uscire come una coppietta per il giorno dopo al fine di evitare possibili “trappole”. Escono, vanno al cinema, fanno foto assieme ecc. Direi una coppietta apparentemente felice e normale. La rogna è che un po’ qui un po’ lì incontrano gente che conoscono che si sorprende enormemente della cosa. Cosa del tutto legittima direi.

Decidono di fermarsi in un cafè dove incontrano Kana-chan e Bridget. Per chi non se lo ricordasse Bridget è quell’idol (straniera o semi straniera) che nella prima stagione compare nella puntata in cui, per ottenere l’action figure di Meruru in edizione speciale, Kana-chan dovrà fare un’esibizione in cosplay fino a quell’anno vinta da Bridget. Dopo quella volta, infatti, gli è capitato di fare sempre più servizi fotografici assieme e di lavorare assieme e perciò escono spesso. Sta di fatto che non riconoscono Kyosuke e lo pigliano seriamente come ragazzo di Kirino. Bridget, una loli molto infantile, chiede cosa ha fatto innamorare l’uno dell’altra. Kirino parte sinceramente dicendo del fratello che è una persona su cui può sempre contare ma conclude con elogi a caso, accorgendosi d’essersi esposta troppo; ricorda, quindi, con un bisbiglio a Kyosuke che sta recitando e che lui dovrà fare altrettanto. Kyosuke invece, parlando visibilmente sul serio, dice come le piace di lei che quando si mette sotto ad una cosa la porta a termine con un impegno senza pari; la ringrazia, inoltre, di aver reso la sua vita più divertente.

Una volta a casa Kirino riceve una telefonata dall’agente che le dice di aver completamente abbandonato l’idea di tirarla dentro. Li ha seguiti, non li ha seguiti? Non si sa. Kirino si getta quindi in un ampia critica del pessimo appuntamento avuto ottenendo come risposta da Kyosuke: “Vallo a dire al tuo ragazzo, non a tuo fratello!” Qui il nostro protagonista si becca un bel ceffone e una truce Kirino sentenzia: “La prossima volta chiederò al mio vero ragazzo di farlo.” E qui, scattano le paranoie di Kyosuke.

Intanto, tornando da scuola il giorno dopo, si chiarisce con Kuroneko che li aveva incrociati il giorno dell’appuntamento, ed era rimasta sconvolta; in più discutono sulla faccenda del ragazzo di Kirino. Ciò comporterebbe un allontanamento della stessa dal loro gruppo, quindi una Saori e Kyosuke in depressione. E lei no? Lei no. Kuroneko potrebbe pure esser felice della cosa. Why? Beh ne parliamo a fine riassunto. Kyosuke sviluppa un sano istinto protettivo (come ogni fratello maggiore di questo mondo quando sua sorella ha un ragazzo) che però Kirino deride bollandolo come semplice e immotivata gelosia.

Il tempo vola e arriviamo al Comiket estivo dove, il nostro gruppo, venderà un suo doujinshi: un manga di Kuroneko, una storia breve di Kirino, illustrazioni di Saori e foto di Kyosuke in cosplay. Il tutto incentrato su Maschera, il manga/anime di cui Kuroneko è sempre in cosplay. Sempre tranne oggi. Oggi porta bel vestito bianco ed estivo suscitando parecchie attenzioni da parte di Kyosuke. Quell’abito l’ha scelto assieme a Kirino in un giorno di shopping; un ottimo acquisto direi. Comunque, sono tutti parecchio tesi: al Comikat invernale Kuroneko ha venduto solo il 10% delle copie. Certo… c’è da dire che quella volta l’albo era stato realizzato solo da lei, chissà che questa volta con la collaborazione di tutti non riescano a vendere di più. Vendere di più? Sold out! Copie esaurite e tutti molto felici e soddisfatti del risultato: Kyosuke si complimenta con Kuroneko con entusiasmo e “trasporto” sotto l’occhio poco compiaciuto di Kirino. Ma, fermi tutti! E’ l’ora! Tutti quanti si dirigono di corsa, seguendo una scalmanata Kirino, a vedere una preview di Meruru.

Solo che, tra tutta quella gente, Kirino viene avvicinata da un tipo. Sembrano conoscersi e Kirino non s’aspettava di trovarlo lì. E’ sorpresa e non positivamente. The End.

 

Un episodio che praticamente passa dalla seconda alla quinta in un baleno. Infatti compaiono due elementi che faranno parte della trama principale e uno che forse sarà più secondario. Partiamo da quest’ultimo: oltre a Kuroneko, durante l’appuntamento, i due fratello incontrano anche Manami. Kyosuke vorrebbe spiegare sul momento la situazione, ma Kirino lo trascina via in modo tale da sottolineare che loro due stanno uscendo assieme. Ciò come puro sgarbo a Manami. Questo attrito tra Kirino e Manami (da parte di Kirino) sta venendo sempre più a galla e ho idea prima o poi ci verrà spiegato che origini abbia. Dubito sia un banalissimo “è un’amica di mio fratello che l’ha portato via da me”. Analizziamo la situazione: Kyosuke non sa perchè Kirino ce l’abbia con Manami, Manami non sa perchè Kirino ce l’abbia con lei (anzi non sembra nemmeno accorgersi delle cattiverie che le fa) mentre Kirino è l’unica a serbare rancore. L’unica cosa che mi viene in mente,tra l’altro la più banale, è che Manami abbia fatto qualcosa (verosimilmente nei confronti del fratello) che però solo Kirino ha percepito come negativa. Chi lo sa…

Punti principali della trama? In primis l’avvicinarsi lento, costante, ma inesorabile di Kyosuke e Kuroneko. Questi due son destinati a far scintille, ma non so se dureranno in eterno: Kuroneko per certi versi assomiglia a Kirino e una possibile relazione tra i due potrebbe finire tragicamente. Riprendendo il punto lasciato in sospeso prima (sul perchè Kuroneko potrebbe esser felice dell’abbandono di Kirino) ho come l’idea che questo sia visto da lei come avere campo libero nei confronti di Kyosuke. Un Kyosuke ipoteticamente semi-depresso e trascurato dalla sorella, di sicuro, cercherà di “aggrapparsi” agli altri membri del gruppo ed in particolare alla piccola gotica visto che è una sua kohai dandole quindi la possibilità di provarci. Forse. Fatto sta che non perde tempo e al Comiket si presenta in una tenuta che lascia tutti a bocca aperta, Kyosuke in particolare.

Secondo punto: la questione del fidanzato di Kirino. Possiamo supporre con basso margine di errore che il tipo che si presenta a fine episodio sia il ragazzo in questione, ma sorge la domanda: perchè chiedere a Kyosuke di fingere il ruolo se un fidanzato già ce l’ha? Questa domanda mi ha “perseguitato” per tutto l’episodio fino all’apparire del ragazzo in questione. Carino, vestito bene… in definitiva uno che, direi, ci tiene a presentarsi bene. Un po’ come Kirino. Ciò mi ha fatto pensare: e se fosse un modello/idol maschile? Potrebbe essere questo un ostacolo al presentarlo come fidanzato all’agente? Non lo so, la cosa mi puzza.

Un episodio denso che penso sarà il primo di una lunga serie. Vi mando quanto prima all’articolo di Aku no Hana.

Sty tuned!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>