Lady Oscar, il Musical fa il Bis

di Redazione Commenta

Il musical sarà infatti di nuovo in scena dall’8 al 10 maggio al Teatro Sistina di Roma con regia, testi e musiche di Andrea Palotto.

L’opera in due atti, interpretato fra gli altri da Danilo Brugia e Alice Mistroni, si ispira liberamente a La rosa di Versailles, il popolarissimo Manga di Riyoko Ikeda. Il fumetto si basava a sua volta sulla biografia di Maria Antonietta di Stefan Zweig.

Il musical, che ha ricevuto critiche entusiaste, si snoda nel puro stile di un musical anglosassone tra la vita di corte e la povertà che si respira nei vicoli parigini, tra gli eventi politici e le giornate dei singoli, e si sofferma sui contrasti interiori della giovane Oscar. Un racconto a tinte forti dal forte interesse culturale e sociale, che si svolge in modo drammatico, e che mette a confronto modelli sociali lontani più di due secoli – questioni tremendamente simili alle problematiche, incongruenze e discriminazioni della società attuale.

«Si tratta del primo rock-drama italiano – spiega il regista – anche tributo al popolo della Rivoluzione del 1789 e ai movimenti che hanno segnato e mutato le tradizioni e le culture europee».

Il musical, che ha esordito di nicchia e si è imposto grazie al passaparola del pubblico, è già diventato un culto ed è richiestissimo da molti teatri italiani, tanto che si vocifera di un futuro tour fra Nord e Sud Italia. Non si hanno ancora notizie precise a riguardo, ma, se ci fosse una conferma, le sale si riempirebbero anche solo dei fan dell’Anime, diventato negli anni un vero e proprio culto in Italia.

Le coreografie sono di Rita Pivano, i costumi di Bianca Borriello, le scene di Gianluca Amodio.

Per informazioni sui costi e gli orari vi segnaliamo il sito del teatro

[Fonte: liberonews]

[Fonte: dietrolequinte]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>