Kaizoku Sentai Gokaiger episodio 41, “Qualcosa che non si vuole perdere”

di tappoxxl Commenta

Spread the love

Riassunto:

La settimana scorsa abbiamo visto i nostri eroi impegnati con il passato. I 6 pirati sono stati mandati nel passato dal Time Yellow Ranger, per impedire la distruzione di un tempio. I giovani si sono imbattuti in un bambino, lo hanno salvato dai nemici di turno e hanno salvato il tempio, ma, cosa che credo sarà fondamentale in futuro, hanno salvato ciò che il tempio custodiva.

Episodio 41, trama:

Oggi, la serie vedrà fare il suo ingresso l’Imperatore di Zangyack. Il famigerato Ackdos Gill-Sama interverrà personalmente nella lotta contro i Gokaiger. Dopo la perdita del figlio decide di vendicarlo scendendo direttamente in campo. Fa la sua prima apparizione a bordo della nave ammiraglia dove Damaras è rimasto molto colpito dalla morte del principe. Come primo ordine, Ackdos fa arrestare Damaras per non aver adempiuto al suo dovere, cioè proteggere Warz Gill e poi invia uno dei suoi sottoposti a combattere i Sentai. Zatsurig, questo è il nome del cattivo di turno, si imbatterà in Gai, Ahim e Joe e la piccola principessa rosa farà emergere un lato del suo carattere che non avevamo mai visto. La giovane rivela infatti che Zatsurig fu colui che distrusse il suo pianeta e ora lei si vuole vendicare da sola. Ovviamente Marvelous e compagni non glielo permetteranno e con il loro aiuto riusciranno ad uccidere il temibile nemico. Verso la fine dell’episodio si vede Damaras in cella e i suoi occhi iniziano a brillare. Che stia mettendo in piedi un piano per vendicare il giovane principe?…vedremo.

Commento:

La piccola e dolce Ahim, in questo episodio tira fuori gli attributi ed è più determinata che mai ad uccidere Zatsurig. Lo affronta più volte senza ferirlo poi, grazie ai suoi compagni e ad un combattimento finale molto bello, riesce a vendicare i suoi genitori e il suo popolo. Ottimo come sempre il lavoro dei ragazzi di Italian Sentai Subranger.

Eccovi il LINK dove poter scaricare l’episodio in HD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>