The Seven Deadly Sins arriva su Netflix negli USA

di Silvia Letizia Commenta

Il servizio di video streaming Netflix ha messo in elenco, tra le serie che trasmetterà negli Stati Uniti d’america, l’anime di The Seven Deadly Sins. La serie televisiva d’animazione è già tra i programmi trasmessi in streaming da Netflix in Giappone, ma senza sottotitoli in inglese. Netflix è arrivato in Giappone il 2 Settembre di quest’anno e negli Stati Uniti sta già diffondendo l’anime di Knights of Sidonia, oltre ad aver annunciato Smile Precure!, che sarà distribuito col titolo di Glitter Force, a partire dal 18 Dicembre.

La prima serie dell’anime di The Seven Deadly Sins ha fatto il suo debutto in Giappone a Ottobre dell’anno scorso e si è conclusa dopo 24 episodi. La scorsa settimana è stata annunciata la produzione di una seconda serie il cui primo episodio dovrebbe andare in onda all’inizio del 2016.

Tra i membri dello staff che ritorneranno a lavoro a questa seconda serie, dopo aver contribuito alla prima, troviamo Nakaba Suzuki, il creatore originale del manga serializzato sulla rivista Weekly Shōnen Magazine edita dalla Kodansha, Tensai Okamura alla regia, Shôtarô Suga alla composizione della serie, Keigo Sasaki al Character Design e alle animazioni e Hiroyuki Sawano alla colonna sonora. L’anime sarà ancora una volta prodotto dalla A-1 Pictures.

sins1

Il sito ufficiale della Star Comics, che sta pubblicando il manga di The Seven Deadly Sins – Nanatsu no Taizai in Italia, descrive la trama come segue:

Si narra che sette temibili guerrieri, conosciuti come i Seven Deadly Sins, tramarono per rovesciare un pacifico regno nelle terre di Britannia. Da allora nessuno li ha più visti. Dieci anni dopo, convinta della loro innocenza e sicura che siano sopravvissuti, una giovane fanciulla si mette sulle loro tracce: nuovi temibili nemici minacciano il regno e i sette “peccatori” sono la sua unica speranza! Inizia così una nuova imperdibile avventura fantasy coinvolgente e ricca di azione, magia e colpi di scena.

[ Fonte | ANN ]

[ Fonte | Wikipedia ]