Kimi ni Todoke – Approfondimento shoujo

di Regola Commenta

Voglio presentarvi quest’oggi uno dei manga di maggior successo degli ultimi anni, che in quanto a dati di vendita non ha nulla da invidiare ai shonen di maggior successo: Kimi ni Todoke (Arrivare a Te), uno shoujo manga edito dalla Shueisha e pubblicato, dal 2006, sulla rivista Bessatsu Margaret. L’autrice Karuho Shiina ha debuttato a soli 15 anni, sebbene il vero successo sia arrivato nel 2008 quando con questa sua opera ha vinto il Kodansha Manga Award della sua categoria. Si tratta indubbiamente dell shoujo manga in corso di maggior successo, insieme a Chihayafuru.

 

La protagonista è Sawako Kuronoma, che a causa della sua incredibile somiglianza con Sadako del film The Ring è sempre stata tenuta in disparte dai compagni di classe e considerata in grado di maledire le persone. La timidezza di lei le ha impedito di chiarire il malinteso fino al suo primo anno di liceo quando per opera di un suo compagno di classe, Shota Kazehaya, le persone cominciano a conoscerla meglio e non badare più alla sua apparenza a volte “spettrale”. Sawako passa lentamente dalla sua posizione di isolata a diventare la star della classe, grazie alla sua gentilezza e disponibilità, stringe le prime amicizie e affronta a testa alta litigi e incomprensioni, e, ovviamente, a un certo punto arriva il primo amore.

 

Le tappe sono le solite: la Golden Week, il festival sportivo e quello culturale, le vacanze estive, Natale, Capodanno e l’evento principale di questo genere di manga, San Valentino. La trama non è complessa, i personaggi sono semplici ma ben caratterizzati, non vi sono grossi colpi di scena, dove risiede pertanto la chiave del successo di Kimi ni Todoke? Essa non può che essere la narrazione: il ritmo e lo stile di Karuho Shiina lascia grandi spazi alle introspezioni dei personaggi, alle loro riflessioni che insieme alla costruzione della tavola e dei testi definirei a momenti persino “poetici”. Quelle di Sawako, inoltre, sono presentate in modo tale da rendere perfettamente quelli che possono essere i pensieri e i dubbi di un’adolescente; incertezze giustificate dalla naturale incapacità della protagonista di poter anche solo suppore quali siano i pensieri di Kazehaya Shota. Essi sono sicuramente semplici, ma non ci vengono inizialmente presentati quasi come se l’autrice lasciare il lettore nelle stesse condizioni di Sawako. Il manga non tratta esclusivamente le vicende di Sawako, ma anche delle sue due amiche Chizu e Ayane, due persone estremamente differenti che verranno conquistate dalla protagonista, e faranno tesoro della loro amicizia. La prima è energica, sportiva e impulsiva ma emotiva quanto Sawako, apparentemente inesperta e disenteressata di questioni sentimentali; la seconda è matura e intuitiva, a volte gelosa della sua amicizia con la protagonista, ma incontra difficoltà ad affezionarsi realmente alle persone.

 

Sono state prodotte due serie animate di Kimi ni Todoke, la prima di 25 e la seconda di 12 episodi, in tutto e per tutto fedeli al manga, mentre è stato proiettato nel settembre 2010 un live-action nelle sale giapponesi, diretto da Naoto Kumazawa. La pubblicazione del manga in Italia è stata un’iniziativa della Pianeta DeAgostini, ma la distribuzione della serie è stata interotta al sesto volume, i fan di questa serie non devono comunque preoccuparsi poichè la Star Comics riprenderà la pubblicazione, riproponendo la serie dal primo volume, dal prossimo Ottobre.

[Fonti\Star Comics]

[Fonti\Pianeta DeAgostini]