Death of the Family – Il ritorno del Joker

di 9igi Commenta

Credo che nella storia dei fumetti non esistano due nemici più agguerriti di Batman e Joker, eppure, dopo un’apparizione lampo in Detective Comics #1, il criminale non aveva più fatto parlare di se. Ma le cose nel mondo dei fumetti hanno una certa ciclicità e quindi era inevitabile un suo ritorno sulla scena: la DC Comics ha annunciato che il nemico del prossimo arco narrativo sarà proprio la nemesi storica del Cavaliere Oscuro.

La storia, intitolata Death of the Family, avrà inizio ad ottobre su Batman #13e avrà pesantissime ripercussioni su tutte le testate dedicate al Pipistrello, anche se ancora non sappiamo quando le minitrame secondarie inizieranno ad innestarsi su quella principale. Su Batgirl e Red Hood and the Outlaws verrà mostrato in che modo reagiranno questi due eroi che tanto hanno penato per colpa di questo criminale al suo ritorno, e soprattutto si approfondità come il rilancio abbia modificato le loro peripezie. Sappiamo infatti che delle vicende pre-New 52 rimangono in continuity sia l’omicidio di Jason Todd, di cui potete leggere le storie su Red Hood, che tutte quelle legate all’arco narrativo The Killing Joke, anche se nell’universo del rilancio Barbara Gordon, l’attuale Batgirl, non è rimasta paralizzata a vita. Inoltre vediamo su Detective Comics #1 che Joker si fa letteralmente strappare la faccia per crearsene una nuova, e dai commenti che rilascia Snyder sugli schetch di Capullo sappiamo che il nuovo aspetto del criminale sarà incredibilmente agghiacciante.

Scott Snyder e Greg Capullo, rispettivamente scrittore e disegnatore di Batman, si dichiarano molto eccitati dalla possibilità di lavorare ad una storia con quello che entrambi definiscono il miglior supercattivo fumettistico. Snyder ammette di sentirsi molto onorato dalla possibilità di scrivere la prima grande storia del rilancio incentrata su Joker e che questa sarà la sua “Arkham Asylum“, mentre Capullo ammette che dopo aver letto la trama freme dalla voglia di disegnarla, ma non può che descriverla un incubo terrificante.

Il Joker si è assentato per un anno, ha passato un intero anno a pianificare la sua vendetta, a tramare, a studiare il proprio avversario e a perfezionare la sua strategia. Adesso tutto è pronto, la trappola è piazzata e sta per scattare. Vedremo all’opera un nemico diverso da quello a cui la narrativa ci ha abituati: sarà più motivato e misterioso: ha una missione ed uno scopo, oltre che un inquietante segreto. Quella che ci aspetta sarà una delle saghe più inquietanti e sanguinose dell’universo DC, una di quelle che lasceranno il segno e sconvolgeranno tanto l’Uomo Pipistrello quanto la stessa città di Gotham City.

 

[Fonti | Newsarama]