Nekomonogatari (Black) – Recensione Anime

di Regola 6

Già qualche tempo fa vi abbiamo annunciato questo speciale, che è andato in onda l’ultimo giorno di dicembre dello scorso anno, Nekomonogatari (Black), tratto dalle Monogatari di Nisioisin. Era questo uno degli speciali trasmessi al cambio di calendario, proprio in mezzo alla stagione autunnale e quella invernale, pertanto ve ne parlo in questo spazio, dopo che sono state trattate quelle dei tre mesi ormai trascorsi e prima che comincino quelle delle novità del 2013.

 

Ad essere corretti, questa pellicola è più un lungometraggio che una serie vera e propria, poichè in un’ora e mezza (divisibile in quattro episodi, comunque) viene trattata la quarta parte delle Monogatari, e precisamente il sesto volume della novel. Spesso, parlando delle Monogatari si può cadere in confusione per la particolare struttura cronologica utilizzata dall’autore… diciamo, per semplificare, che Nekomonogatari (Black) è un vero e proprio prequel per la serie, che ci parla dettagliatamente di Tsubasa Hanekawa, delle sue vicende famigliari e dello spirito che l’ha posseduta: il Gatto Perverso, o Maligno, a seconda della traduzione. I fatti raccontati in questo speciale si collegano direttamente al ciclo Tsubasa Cat, che è stato adattato negli ultimi 5 episodi della prima parte della serie, Bakemonogatari, quindi, se volete capirci qualcosa, tornate indietro e guardatevi la serie… ma intanto leggetevi la recensione! Prima di procedere, voglio ricordarvi a tutti, come già ebbi modo di fare qualche mese fa, che la visione della seconda parte del primo adattamento animato, Nisemonogatari, è decisamente da evitare se non avete voglia di sorbirvi 11 episodi di insensato fan service dei peggiori, quello dei sis-con (anche al rischio di perdersi parti della storia e dei personaggi).

Sawarineko, in una illustrazione caratteristica.

Come coloro che mi conoscono ben sanno, non sono un fan dei prequel…anzi, alcuni mi addirittura annoiano. Credo che non sia stato diverso per la maggior parte del tempo dedicato alla visione di questo speciale (90 minuti però passano rapidamente), non solo perchè molte delle scene, soprattutto quelle tra il protagonista Koyomi e la bella&intelligente Hanekawa sono prese direttamente da alcuni episodi di Bakemonogatari. Il copia incolla non piace a nessuno, ma qui almeno non è pesante.

 

Rimane comunque una storia che, se vista la prima serie, conosciamo benissimo: Hanekawa parlerà con Koyomi dei maltrattamenti che subisce da parte dei suoi tutori, poi seppellirà quel gatto bianco, morto sul ciglio della strada, e così facendo maledirà se stessa ad essere posseduta da questo spirito che gode nella deturpazione della stabilità e rispettabilità delle persone. E poi, “in qualche modo” Koyomi la salverà, o come spesso dice l’esorcista Meme Oshino, “si salverà da sola, perchè ognuno può salvare solo se stesso“. Ed è in quel momento, probabilmente demotivato dalla mia assenza di aspettative, che Nekomonogatari (Black) mi ha sorpreso, e si è fatto perdonare delle ore di rabbia causate dalla visione di Nisemonogatari. Nisioisin prende una storia che tutti conosciamo bene, e ce la racconta da un punto di vista inaspettato, da un’angolazione inusuale come tutte le inquadrature che Shinbo proprone. Sostanzialmente è questo quello che i fan di Nisioisin vogliono (compreso il sottoscritto), essere sorpresi non tanto dai contenuti delle sue opere bensì dal suo distaccato stile narrativo che distrugge, in qualche modo, tutte le nostre piccole certezze. È così che Hanekawa, da una ragazzina in pericolo, posseduta da uno spirito maligno, diventa qualcosa di diverso, probabilmente sbagliato, ma in qualche strano modo più realistico di qualunque altro idealistico personaggio di fantasia.

Così tante immagini di Hanekawa? Beh, è il suo speciale.

Il simbolismo e il linguaggio metaforico di Nisioisin sono terribilmente crudeli, e in questa crudeltà sono chiari e inconfondibili, sterili per coloro che non sono preparati, dopo la visione, ad affrontare qualche sorta di riflessione personale. Le Monogatari non danno piacere alcuno durante la visione (a meno che non siate appassionati di fotografie e scenografie psicotiche) fintanto che i suoi elementi, seppur ricchi di significato non vengono in qualche modo interiorizzati. Non è un semplice affermare “ho capito cosa sta succedendo”, bensì un afferrare il senso e la natura più profonda di un messaggio e appropriarsi di una chiave di lettura che semplifica tutti i concetti e rende, pertanto, la visione piacevole.

 

Coloro che già avranno provato e apprezzato le Monogatari non si lasceranno perdere questo nuovo adattamento di uno dei volumi della novel; niente di nuovo per coloro che invece non le seguono e non le apprezzano, queste piccole storie non sono cambiate e sono sempre loro stesse. Se invece non fate parte di nessuno dei due gruppi non posso che consigliarvi di procurarvi almeno i primi due episodi, il ciclo Hitagi Crab, anche perchè è praticamente impossibile da parte mia parlarvene in modo da farvi comprendere chiaramente se questo prodotto possa o meno essere di vostro gusto. Per ora vi saluto, e vi prometto che tra 6-7 mesi, quando sarà iniziata la nuova serie delle Monogatari, tornerò a parlarne come ho sempre fatto, con chiara oggettività, la stessa che mi ha fatto bocciare Nisemonogatari e promuovere Nekomonogatari (Black).

Sebbene non ne ho parlato, in queste festività sono stati trasmessi 4 episodi di Kokoro Connect, e se avete apprezzato (come il sottoscritto) questa serie, allora sappiate che non vi deluderanno.

Commenti (6)

  1. Un anime davvero carino anche se Hanekawa non uno dei miei personaggi preferiti (di nekomimi pi attraenti ne ho visti a bizzeffe come Himari di Omamori Himari). Il primo adattamento era un capolavoro, Bakemonogatari aveva l’unico “difetto” di dover essere visto almeno una seconda volta per capire bene tutto quello che accadeva ai personaggi ed il loro background. Nisemonogatari invece l’ho trovato apprezzabile, ottime musiche e disgni curatissimi. La trama non mi dispiaciuta e il rapporto con le sorelline non lo definirei “morboso” anche perch se lo consideriamo cos il 99% delle produzione che trattano yuri o yaoi lo sarebbero. In attesa di poter vedere Kizumonogatari e Shinobu!!!

  2. Eddai, Regola… Lo so, lo so, anche io volevo riempire di mazzate la SHAFT e Nisioisin quando vidi l’ormai tristemente famoso episodio dello spazzolino (inutile filler che non ha fatto che accorciare la gi breve serie animata).
    Francamente per bocciare Nisemonogatari esclusivamente per il fanservice sarebbe come bocciare Highschool of the Dead per la stessa ragione (tenendo conto che qui il coefficiente ben pi alto) o rinfacciare le inquadrature di Oh!Great nei suoi manga.
    E’ una scelta della SHAFT per rendere commerciabile qualcosa che di fanservice ha ben poco, dato che sai benissimo che le light novel sono praticamente esenti quasi del tutto di qualsivoglia immagine (e le poche che ci sono si mostrano anche sobrie).
    Forse non ho afferrato la ragione profonda della tua bocciatura (forse mi son perso qualcosa) ma i punti forti di Nisemonogatari eclissano persino l’episodio sovracitato; ti cito in ordine quali sono per me questi punti forti: il dibattito iniziale sul linguaggio tra Hachikuji e Koyomi (e tutti i dialoghi seguenti che superano persino quelli di Bakemonogatari), la presentazione del personaggio di Kaiki (la serie va vista anche solo per la sua presenza), il confronto tra Kaiki e i due amanti, tutti i dialoghi tra Koyomi e Shinobu (a parte quelli sulle ciambelle), la lezione finale di Kagenui. Oltretutto in Nisemonogatari c’ la chiara citazione di Le Bizzarre Avventure di JoJo (la posa di Koyomi in stile Jotaro).
    Certo, molte scene sono a tutti gli effetti inutili ed il fanservice eccessivo in alcuni punti (vedi Nadeko, pi che Kanbaru) ma basta davvero a bocciare deliberatamente l’intera serie? Ho i miei dubbi. Ad ogni modo, rispetto a apprezzo in tal modo le tue analisi che son sicuro che oltre al gusto personale avrai il tuo coerente criterio di giudizio per aver decretato questa bocciatura.

    1. P.S. Non aspetto altro che la messa in scena di Koimonogatari.

      1. A quasi due anni di distanza (ho riuppato questo articolo di gennaio per varie ragioni) dalla visione di Nise credo che le mie critiche alla seconda parte della prima serie delle Monogatari, si siano stabilizzate su due punti:
        1) troppo fanservice anche per i miei personali gusti che sono molto permissivi in questo settore. il fatto che i libri di Isin sono quelli usati per i primi 25 episodi sono 4, ma il materiale nei primi due stato meglio diluito nei primi 15 episodi rispetto agli altri 11, che per qualche ragione sono stati adattati in modo diverso e il materiale buono (che c’) stato “diluito” troppo.
        2) imouto: ho capito negli anni che questo tipo di personaggi, e le storie a loro legate spesso non mi vanno troppo a genio. Prima di lanciarmi in nekomonogatari (white) mi sono ripromesso di dare una terza possibilit a nise.

        Poi sul resto sono d’accordo, gli elementi ci sono e sono tanti, avrei voluto di pi in quelle fasi sui tre esorcisti (che per ragioni di trama isin ha solo accennato, penso); vorrei vedere come si evolver il chuunibyou di karen.

        Ps: io aspetto Kizumonogatari.

      2. E’ il classico problema della trasposizione. Io credo che chiunque noterebbe comunque una maggiore sobriet in Bakemonogatari rispetto a Nisemonogatari (che comunque si distingue nella qualit superiore a livello prettamente tecnico) oltre a questa impressione che in effetti sia ‘diluita’, come dici tu.
        Personalmente appare evidente che io sia rimasto molto impressionato da quanto di buono c’ in Nisemonogatari, piuttosto di quanto ci sia di brutto.

        Non ho molto da aggiungere su Nekomonogatari (Kuro) perch francamente Hanekawa tra i personaggi che meno ho apprezzato e forse tu hai persino trovato punti di interesse maggiori di quanti ne abbia trovati io nei miei pensieri dopo la visione di questa serie di episodi in concatenazione.

        A te va gi bene che da anni che si sa Kizumonogatari sia in corso di realizzazione… Io non son nemmeno sicuro che Koimonogatari vedr la luce…

  3. Ti render felice, probabilmente, e ricorder la mia tristezza dicendoti che per questa seconda serie verranno adattati: neko (white), kabuki, hana, otori, onimo e koi. scusa se non ho scritto il “monogatari” ogni volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>