Kazé e lo scandaloso doppiaggio italiano

di shikaku 24

C’era una volta la nobile scuola dei doppiatori italiani, una tradizione che, al di là di adattamenti più o meno felici, ha sempre fatto egregiamente la sua parte dando anzi quel valore aggiunto alle opere straniere che giungevano in Italia. Ma nell’epoca in cui “delocalizzare” sembra essere la parola d’ordine per ogni azienda, anche la lingua e le voci italiane secondo Kazé possono tranquillamente essere affidate ad uno studio di Montrouge, nel nord della Francia, con la sfacciata presunzione che tutto questo sia più che normale. Purtroppo quando si fanno i conti con il risultato finale ci si accorge che qualcosa non va.

Come i più sapranno, Kazé è l’editore francese che fa capo a Viz Media Europe, l’etichetta di cui sono proprietari i colossi giapponesi Shueisha e Shogakukan, ma che ha esteso le proprie mire anche ai marcati italiano, inglese e tedesco. Mentre in Francia la casa editrice fondata da Cédric Littardi opera sin dal 1994, in Italia il debutto è avvenuto nel 2009 passando da titoli importanti come i film di Bleach, La ragazza che saltava nel tempo e le opere di Makoto Shinkai, realizzando prodotti “poveri” rispetto alle relative controparti francofone, ma tutto sommato godibili e con ottimi doppiaggi. Tutto questo fino a quando si è deciso di abbandonare gli studi italiani e chi ha avuto la sfortuna di comprare Mardock Scramble – The First Compression, Black Lagoon OAV (Roberta’s Blood Trail) e Il Viaggio Verso Agartha – Children Who Chase Lost Voices si è trovato di fronte a qualcosa di veramente indecente. In ogni forum o blog è ormai divenuto simbolo emblematico della vicenda questo video

[youtube YcnOVx1vo4o]

Tralasciando le operazioni di traduzione e adattamento, anch’esse non eccelse perché fatte in alcuni punti in maniera maccheronica dal francese, ciò che naturalmente colpisce è il doppiaggio quasi a livelli amatoriali: oltre ad essere evidente una fastidiosa inflessione francese, la cosa che più sconcerta è la totale incapacità di recitazione dei doppiatori e gli insensati abbinamenti voci/personaggi, fra cui spicca certamente la scelta per la voce di Revy.

Se teniamo conto che questo, a differenza dei fansub, dovrebbe essere fatto un lavoro fatto da professionisti e che ogni cofanetto costa non poco (31,50 € per Black Lagoon) ci rendiamo conto che chi ha acquistato questi titoli ha subito un grave danno e quindi il minimo che la casa editrice avrebbe potuto fare sarebbe stato ammettere il disastro, fare ammenda, scusarsi e cercare di venire incontro in ogni modo ai propri clienti che giustamente hanno mostrato il loro disappunto su forum, Amazon, ma soprattutto sulle pagina Facebook della casa editrice.
La reazione di Kazé è stata inizialmente quella di lasciare un messaggio di circostanza:

Salve,

Abbiamo ricevuto i vostri feedback e vorremmo presentare le nostre scuse per il doppiaggio e i sottotitoli dei seguenti prodotti:

Il Viaggio Verso Agartha
Black Lagoon – Oav
Mardock Scramble – The First Compression

Abbiamo mandato un rapporto che raccoglie i commenti della community al settore competente per risolvere questi problemi.

Grazie per i vostri messaggi, la vostra opinione è importante per noi.

Seguito però poi da:

Il rapporto completo delle vostre legittime lamentele è stato mandato ai settori di produzione e vendite. Stiamo attualmente verificando la situazione interrogando i nostri studi di doppiaggio italiani e il nostro studio di doppiaggio francese che dovrebbe, in teoria, lavorare con doppiatori italiani. Fate però attenzione al fatto che non parliamo italiano e quando uno studio italiano ci dice “Ok, possiamo farlo”, noi ci fidiamo, allo stesso modo in cui ci fidiamo quando il nostro studio francese ci dice “Ok gli attori sono italiani”. La vostra campagna “che cos’è successo” dovrebbe essere rivolta anche a quegli studi, non credete?

In questo comunicato si evince chiaramente un atteggiamento infantile di chi non ha intenzione di assumersi responsabilità ed una evidente mancanza di professionalità. Chi presenta i titoli al pubblico è Kazé e a lei spetta il compito di scegliere i propri collaboratori e controllarne l’operato. Ammettere tranquillamente di non essere in grado di verificare la qualità del prodotto finale prima di immetterlo sul mercato è la definizione enciclopedica di incompetenza. È comprensibile dunque che le rimostranze degli italiani siano continuate sulla pagina Facebook della casa editrice, almeno fino a quando, con un colpo da maestro degno di un falso guaritore colto sul fatto, l’editore si è dato alla latitanza rendendo la propria pagina inaccessibile, ma solo dall’Italia.

Tutta la vicenda lascia basiti e ci si chiede perché abbandonare una strada collaudata e funzionante come quella dello studio di doppiaggio italiano per affidarsi invece ad uno francese di cui si ignorano i pessimi risultati ed anzi si reagisce pure in maniera poco corretta alle legittime critiche degli acquirenti. La verità è che dietro questa scelta c’è la volontà di ridurre i costi: invece di realizzare due edizioni, una per il mercato francese e una per il mercato italiano si è fatta una sola edizione con doppio audio (oltre a quello giapponese) ma soprattutto si è affidato allo stesso studio di doppiaggio francese sia l’adattamento francese che quello italiano. Il risultato è sotto gli occhi di tutti e a voler aggiungere la beffa oltre al danno c’è la considerazione che comunque i prodotti Kazé hanno in media un prezzo più elevato rispetto a quelli proposti dalle concorrenti italiane.

In conclusione se come me eravate orientati ad acquistare un titolo come l’ultimo lavoro di Makoto Shinkai, Hoshi o ou kodomo, vi consiglio caldamente di pensarci su due volte.

Fonte [AMF]

Commenti (24)

  1. Kaze, puoi scordarti i miei soldi sia su Agartha che per i prossimi prodotti. :angry: :angry: :angry:

  2. :shocked: :shocked: :shocked: :shocked: Non possibile… Ci sono doppiaggi amatoriali su youtube fatti meglio… Ma poi le prime 2 serie di black lagoon non era doppiate tanto male. Sicuro che non uno scherzo e quel video non amatoriale?

    1. Le prime due serie erano state doppiate dalla defunta Panini Video e quando Kaz ne ha preso i diritti ha lasciato quel doppiaggio l..un doppiaggio che al di l delle frasi edulcorate io ho trovato ottimo.

      Ti assicuro che questo nella sua maestosa schifezza vero.

      Provate a leggervi le recensioni su Amazon…

  3. Con un doppiaggio del genere hanno violentato sia l’OAV che la lingua italiana. Ho paura che me lo sogner di notte :cwy:

  4. oh dio! sti manga ranocchie….

  5. I film di Bleach sono orribili!

  6. I film di Bleach sono orribili!

  7. Mi sto pisciando addosso dal ridere XD

    1. Io per poco non morivo di depressione dopo i primi 10 secondi.

      1. io sono quasi caduta dalla sedia dal ridere quando ho sentito gli ultimi 40 sec!! AHAHAH!
        ….quando si dice si ride per non piangere…

  8. Il barista del video postato sembra avere l’accento francese…

  9. Mamma mia, che inespressivit, sembrano dei doppiatori amatoriali.

  10. Minuto 3.16 e 3.24 :U

    1. cavolo, sembra una parodia!! E’ assolutamente orrendo!! Come hanno potuto fare un lavoro tanto penoso!!

  11. Noooooo la reby pare un uomo! E s che proprio nel roberta’s blood trail mostra due bocce…

  12. dinosauri della dingo picture doppiato meglio
    (vediamo chi la capisce)

    1. Non voglio sentire tutte queste stupiggiagini [cit. by Dinosauri Antropomorfi]

  13. AHAHAH mamma mia sembra che hanno usato il programma Loquendo per doppiare l’anime, che schifezza….

  14. …………………………………….. non so che dire si commenta da s

  15. sono tre giorni che sto a manetta di Black Lagoon e poi su Roberta’s Blood Trail mi ritrovo un doppiaggio che manco i cani, deludente specialmente per le nuove voci, inespressive e non fedeli ai personaggi. Nei primi dieci minuti della prima puntata sembrava tutto ok l’accento francese dei militari ci puo pure stare, roberta ha la stessa doppiatrice, poi la prima scena con rebecca mi cadono i coglioni per terra, il personaggio non ha piu carattere, perde tutto il suo carisma. Stop mi sono fermato li. Continuerò a vedere i prossimi 20 minuti della prima puntata in lingua originale con i sottotitoli italiani fino alla quinta puntata, che per quanto mi sia incomprensibile il giapponese, è sempre meglio dello scempio fatto nel doppiaggio ”italiano”

  16. Ma dico io – sono nuovo in questo format, mi sono sparato tutti e 5 gli OAV di Roberta’s Blood Trail grazie a Netflix.
    _Ma che m…..a e successo non ci potevo credere pensavo fossero un problema delle cuffie mi dicevo, e invece no ma che razza di doppiaggio e mai questo, x me è un’offesa ai grandi doppiatori che ci sono in italia e all anime stesso.
    Poi vanno a rompere le sfere agli fansubber che fanno un lavoro illegale e stronzate varie, e allora quest’aborto di doppiaggio come lo vogliamo chiamare.
    Infine dico ecco perchè continuerò a vedere Anime Japan solo con doppiatori italiani DOC e Fansubber quando la 1 opzione va a farsi benedire fine … (^_^)

    1. Anch’io mi sono fermato allo stesso modo.
      Eppure mi ero sparato tutto Black Lagoon in soli due giorni….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>