Naruto: La conclusione – Recensione Komixjam

di Ciampax 11

 

E alla fine arrivato: questo ultimo, fatidico, definitivo capitolo 700 che chiude una saga che ci ha accompagnato per tanti anni, tra alti e bassi e che ha segnato, che vi piaccia o no, il modo di percepire il manga fuori dalla Terra del Sol Levante. Non star qui a discutere sul fatto che il finale sia pi o meno azzeccato, di quanto abbia fatto gioire o infuriare i lettori, del suo senso e del perch Kishimoto sia pervenuto ad una tale conclusione: dal mio punto di vista, Naruto non avrebbe potuto mostrare un finale diverso. Il fatto che Weekly Shounen Jump ha una logica di mercato, uno stile, unobbligo, se volete, verso i lettori che impone (pi o meno dai tempi di Drangonball) di non poter effettuare scelte poi tanto drastiche, quando un manga di successo si conclude. Suppongo che molti si aspettassero un epilogo simile a quello del manga nel manga che i due protagonisti di Bakuman realizzano per la lor opera migliore, con lo scontro finale e conseguente disfatta dei due amici/nemici che si tolgono la vita a vicenda, dimenticandosi che Naruto pur sempre uno Shounen e non un Seinen alla Devilman o Rocky Joe (tanto per citarne due in cui il finale dratsico la fa da padrone). Vi ripeto: per quanto possiate aver apprezzato o trovato disgustoso il modo in cui Kishimoto ha concluso la sua opera, non ci su cui voglio concentrare questa recensione. Altri potranno analizzare (e siete invitati a farlo, vi prego) il senso logico, la giustezza, la coerenza delle frasi (soprattutto il lungo monologo di Sasuke del capitolo 699) o il capitolo conclusivo un po alla Harry Potter (ho sempre detto che Kishimoto in qualche modo si ispirato a questa saga di romanzi) con la presentazione delle coppie del futuro e la nova generazione di ninja che da essi discende. Ci di cui voglio parlare, invece, di quello che Naruto ha segnato in campo fumettistico in questi 15 anni di pubblicazione e limportanza che esso ha avuto nel mercato del manga.

Eh s, perch nonostante non sia stato il primo titolo distribuito in formato di scan on-line, Naruto ha contribuito, in maniera decisiva, allo sdoganamento di questa tipologia di media attraverso letere, alimentando la nascita (si potrebbe parlare quasi di proliferazione virale) di siti di scan on-line e gruppi di traduttori ed editor che, da ormai gli inizi degli anni 2000, con il progredire delle risorse del web, crescono con pi facilit di funghi dopo una pioggerella primaverile in collina. Naruto stato sicuramente il titolo pi letto in formato scan: certo, ad un certo punto One Piece lo ha superato, ma bisogna anche ricordare che il manga di Oda giunto con un po di ritardo nella rete: lo testimonia il fatto che mentre del primo capitolo dellopera di Kishimoto vi sono, in giro, versioni tradotte amatorialmente, quelle del primo capitolo dei pirati di Rufy sono per lo pi scan prese dai volumi pubblicati nei vari paesi (le versioni tradotte sono arrivate pi tardi e principalmente per i paesi che non hanno case editrici che editano tale manga).

Oltre allimportanza economica se la vogliamo chiamare cos, Naruto ha segnato il passo anche per quanto concerne il concepimento delle storie. Vuoi perch il Kishi dei primi tempi riusciva a trasmettere maggiormente le sue idee attraverso un disegno pi forte e delle situazioni molto pi complesse e personali e meno legate al classico canovaccio della trama thriller in cui, spesso e volentieri, tutti i manga shounen vanno a cadere. Vuoi perch, inevitabilmente, i lettori vedevano in questo manga una novit cos come quelli degli anni Ottanta percepirono il nuovo che avanza nel manga di Toriyama. Vuoi anche perch, per una serie di motivi che secondo me prevalicano il successo di questa opera sulla rivista in cui stato pubblicato, la Shueisha ha da sempre foraggiato adeguatamente il merchandising di Naruto, attraverso produzioni parallele al manga, molto pi di quanto non abbia fatto, spontaneamente, con altri titoli (di nuovo, One Piece ha sicuramente superato Naruto in questo, tuttavia credo che ci sia dovuto principalmente al fatto che le cartoline osannano tutte il manga di Oda, e non perch il santo patrono del WSJ ci abbia messo lo zampino). Insomma, a prescindere dalle motivazioni principali, Naruto ha smosso e invogliato alla lettura di titoli shounen sia i mangofili pi puristi e attenti, quelli, per intenderci, che se lopera non di Taniguchi, manco lo prendono in mano lalbo, sia appassionati di fumetti che per il fumetto giapponese no, non si chiama cos, si chiama manga, informati stupido! lo avevano sempre snobbato e considerato un prodotto per bambini (e qui potremmo aprire un dibattito senza fine per cui faccio finta di niente e lascio cadere lultima frase nel limbo delle cose intelligente ma che se vengono dette seminano un casino che neanche tutte le discussioni sulle teorie evoluzionistiche, guarda).

Non ricordo se lho mai scritto in qualche recensione, forse s, ma il mio approccio con Naruto, la prima volta, stato alquanto banale: al tempo in cui iniziai a leggerlo, i vari impegni col dottorato mi avevano un po allontanato dai fumetti in generale, per cui anche se compravo sempre le solite scatole di roba ogni mese, ero poco attento alle novit. Poi un bel giorno inizi lanime (s, quello doppiato con i piedi e con la sigla che mamma mia ma perch Giorgio Vanni canta invece di dedicarsi alla concimazione del deserto del Sahara?) e per curiosit inizia a comprare il manga (la versione Planet con la numerazione rossa, il sottotitolo Il Mito e, che Dio abbia in gloria il redattore responsabile che ebbe la magnifica idea di piazzarlo sulla copertina, rovinandola, la frase Leroe della TV). Fu amore a prima vista, proprio dovuto a quello che dicevo prima: leggendo i primi capitoli si percepisce, inevitabilmente, che voi siate mega esperti di manga o semplici lettori delle tre paginette prima di andare a nanna, un senso di novit trasudare dalle pagine inchiostrate da Kishimoto (e che, sempre inevitabilmente, fanno penare subito ad un inizio alla Dragonball, con il Naruto trasformato che suggerisce, inevitabilmente, le grazie della giovane Bulma).

Negli anni, questo manga maturato molto, mostrando che (come ho sempre pensato) dietro ci fosse molto pi che semplice improvvisazione da canovaccio: Kishimoto ha progettato, almeno fino ad un certo punto, una storia complessa e ben orchestrata, ricca di sottotrame e punti salienti che hanno conferito alla narrazione una forza indiscutibile. La scelta dei personaggi, il continuo riferimento a miti e leggende, il senso di ripetizione presente in molti aspetti e concetti del manga hanno contribuito, ulteriormente, a rendere lopera avvincente e ricca di spunti di riflessione. Il disegno stesso, la regia delle inquadrature e la spiccata capacit splatter di Kishi (che ultimamente aveva praticamente perso) hanno conferito allopera un quid in pi che, nonostante tutto, fa comunque apprezzare questo lavoro. Certo, una pecca Kishimoto ce lha, ed quella di non sapere sfruttare al meglio la comicit (solo in rari casi ha centrato perfettamente lobiettivo): se il buon Masashi avesse avuto la dote innata di infilare gag in momenti anche cupi simile a quella della Urakawa di Full Metal Alchemist, probabilmente il suo manga avrebbe guadagnato tanti punti in pi.

In ogni caso, dal mio punto di vista, il manga di Naruto stato e rester per sempre unopera nuova, forse non totalmente innovativa, tuttavia ricca di idee, strutture narrative particolari, scelta adeguata dei testi (ricordate che Kishimoto sempre stato un autore molto attento al dialogo e alla scelta dei termini) e, per certi aspetti, anche ricca di tali e tanti riferimenti alle storie del passato da risultare, spesso, in alcuni capitoli, una sorta di opera omaggio per i grandi mangaka che hanno fatto la Storia, quella con la S maiuscola, di questo mezzo di comunicazione.

Concludo con una osservazione sul finale, proprio riguardante il capitolo 700. Immagino che molti lo abbiano trovato inutile e inconcludente e, se devo essere sincero, anche io ne sono stato abbastanza annoiato. Tuttavia, come ho ribadito a pi riprese in queste recensioni, il fulcro di tutta la produzione di Kishimoto si basa sul concetto di ereditariet, di ritorno, di ripetersi delle storie e delle situazioni, una sorta di monito a comprendere che senza il passato, il futuro non pu essere portato avanti, non pu progredire e rischia di diventare, paradossalmente, una sorta di ingranaggio inceppato, bloccato costantemente in una sorta di illusione che si ripete, incessante, senza fine (e che, guarda caso, proprio il piano malefico che Naruto sventa alla fine di questa saga).In questottica, per quanto sia stato scritto e narrato male, questo capitolo 700 serve perfettamente a chiudere il cerchio, a farci pervenire un messaggio finale di speranza (cosa tipica nel finale di ogni singolo manga del WSJ) e a comunicarci, una volta per tutte, che lattenzione al passato, il riguardo per il presente e il lavorare in modo concreto per realizzare un futuro adeguato tutto ci che gli uomini dovrebbero fare. E, sotto questo punto di vista, credo che Kishimoto abbia centrato in pieno la sua conclusione.

Commenti (11)

  1. ottima recensione! davvero, complimenti 🙂 sono d’accordo su tutto. E tra l’altro, in questi giorni ho ricominciato da capo a leggere il manga, proponendomi di arrivare “finchnondiventabbrutto”, aka finch ne ho voglia. E davvero, mi ero dimenticato la parte splatter di naruto! Era un’altra cosa, quel manga. Era un gran manga. Poi…. -.-

  2. il finale scontato ma quello ci sta. La cosa che proprio non sopporto che il finale possa essere stato cos affrettato per permettere la produzione di altri prodotti (il film e quant’altro) per colmare i buchi di trama (lasciati a posta). Questa mi sa di presa in giro e un po’ anche di mancanza di rispetto dell’autore verso la propria opera: la porti avanti da 15 anni, probabilmente con il finale gi deciso molto tempo prima e dopo una battaglia ridicola chiudi tutto sintetizzando decenni in un capitolo e lasci che il merchandising strizzi il resto. Niente di tragico ma, non bello a parer mio. Anche perch un bel finale pu dar lustro a tutta un opera. Con Naruto non il caso e dopo 15 anni (io non lo seguo da quindici anni ma, tant’) una mancanza che secondo me, si sente.

  3. L’analisi generale del manga pi che condivisibile. Credo che in pochi potrebbero dire cose totalmente dissimili da quelle da te espresse.
    Concordo soprattutto sul fatto che Kishimoto abbia sempre avuto in mente “questo finale”. A riprova di ci c’ tutta la storia sul “sigillo della riconciliazione”. L’aver lasciato aperta la questione, fin dalla scaramuccia in accademia, stata scelta mirata proprio al raggiungimento dell’epilogo che tutti abbiamo potuto leggere lo scorso gioved.
    In base a questa scelta, il buon Kishi ha plasmato anche le due statue di Madara ed Hashirama nella valle dell’epilogo, in modo da simboleggiare anche il riavvicinamento di due clan da sempre avversi.
    Nulla da ridire su “questo finale”, direi che la perfetta conclusione per un’opera tanto complessa com’ stata Naruto.
    Per consentimi di spendere due parole (critiche) sul “contorno” che Kishi c’ha lasciato leggere. Il capitolo 699 presenta, a mio avviso, almeno 2 stonature abbastanza grosse: Kakashi hokage (non per la nomina in se, ma per il fatto che non si siano spese 2 sole parole per motivarla) ed il “monologo” di Sasuke (il manga si chiama Naruto, almeno in teoria avrebbe dovuto essere maggiormente sua “la scena” e non esclusiva per l’Uchiha).
    Il capitolo 700 rispecchia s ci che tu dici, la continuit ed il ricambio generazionale, tuttavia (per come mostrato ed in virt della miniserie prevista per la prossima primavera) quasi completamente inutile. Tante pagine sprecate a presentare personaggi che, da qui a pochi mesi, avranno lo spazio necessario per esprimersi, e cos poco spazio per comprendere meglio certi passaggi fondamentali visto l’ampio salto temporale.

  4. l’unica cosa che non ho capito del finale il momento in cui sasuke si volta indietro perch percepisce qualcosa… cosa?
    l’unica stonatura del finale. (se un finale perch lasci aperto qualche cosa cos?)
    per il resto, ho trovato il monologo di sasuke molto azzeccato, visto che le spiegazioni della sua resa dovevano essere spiegate senza forzature, quindi non mi trovo d’accordo con chi dice che il monologo fuori luogo perch “il manga si chiama naruto”

    1. Il problema di fondo non sta in ci che si dice con quel monologo ma nel fatto che, in due distinti momenti, si da voce al “co-protagonista” e non al protagonista (o a una voce terza), relegando quest’ultimo a mera comparsa.
      A mio modo di vedere non stata una scelta saggia.

  5. ma lo spoiler di cui avevate scritto su facebook? o c’avete trollato?

    1. Niente troll, era una cosa dell’ultimo capitolo che ha fatto ridere il sottoscritto e non ho voluto dirla su Facebook.

      1. ok ma cos’?

  6. Buongiorno a tutti!
    Premessa:
    Sono profondamente legato a questo fumetto perch stato il primo manga che il mio negozio di fumetti che avevo appena aperto era riuscito a vendere “massivamente” (Lasciamo stare come finito il negozio).
    Per questo forse ho sempre avuto delle aspettative altissime che erano sempre state ripagate fino a un certo punto.

    Detto questo, come ho gi avuto modo di scrivere altre volte, Kishimoto lo ha portato in una discesa costante verso qualcosa, per me, di banale e molto brutto.
    Dopo averci fatto brillare gli occhi in diverse occasioni e averci reso orgogliosi di alcuni personaggi, ha perso decisamente la bussola ed riuscito a ritrovarla ben poche volte.
    Porter due esempio per tutti.
    La rincorsa ai 5 che hanno prelevato Sasuke e il combattimento di Shikamaru contro l’immortale di Alba rimangono per me la sue opere pi riuscite!
    Prende un personaggio secondario e gli regala uno spazio meraviglioso in cui dimostra tutto se stesso e la sua crescita.
    Facendo di fatto una piccola rivoluzione dando tutto queste pagine a personaggi secondari, si discosta dagli autori che lo hanno preceduto e apre un nuovo stile.
    BENE!
    Tutto dimenticato!!!!!
    Gli ultimi 200 capitoli sembrano scritti direttamente dalla casa editrice…
    Non vi nascondo che la mia speranza fino all’ultimo stata questa:
    – Tutto finisce bene come abbiamo visto, ma, come in matrix, tutto frutto dell’occhio nella luna e vincono i cattivi.
    Perch per me, sono state letture da incubo!

  7. Che brutto finale. Quasi quasi pensavo che fosse tutto un fake di qualche burlone del web, invece tutto vero. Kishimoto stato sconfitto! Ha ceduto, ha gettato la spugna si arreso al marketing, agli editori ed ai suoi fan pi malsani, per intenderci quelli a cui importava di pi se Naruto si fosse trombata Sakura o Hinata, che non il resto. Ed ecco servito il finale che in sostanza un gigantesco fanservice per i suddetti fan. Gi solo il fatto che gli sviluppi sono affidati ad un film ed ad una serie con i nuovi bimboninja che sono copie orribili (a livello stilistico secondo me) dei genitori, fa ben capire come si ridotta questa serie. Nel frattempo spariscono dalle orbite Orochimaru, Kabuto, Yamato ed il team Taka e Kishimoto fa finta di niente. Preferisce affidare il finale alle frasi mielose di Sasuke, che ha cambiato faccia e comportamenti troppe volte per risultare almeno un minimo credibile. Come posso apprezzare questo finale cosi come posto?
    Dando invece un’opinione su questo manga in generale, posso dire che questo era un ottimo manga fino ad un certo punto, ma poi pian piano diventato sempre pi brutto e sempre meno appassionante. Quando poi Kishimoto l’ha buttata in caciara arrivata la fine, sempre meno cose hanno avuto senso, sempre pi power up comparivano, sempre pi robottoni, onde energetiche e super sayan si vedevano, mandando a puttane l’ottimo lavoro svolto in precedenza (e sono sincero quando dico che fino ad un certo punto, secondo me Naruto non aveva rivali tra gli shonen moderni). Questo un peccato, perch potevamo essere di fronte ad un capolavoro, invece siamo di fronte ad un buon manga (per lo meno fino al crollo), che per carit a livello mediatico e di fama ha rappresentato quel che ha rappresentato, ma oggettivamente (e senza i falsi buonismi che sto vedendo da quando arrivata la fine) alla fine ha mostrato sviluppi deludenti.

    1. hai centrato completamente il punto, non so chi sia l’editore di Kishimoto ma sicuramente il mangaka non ha avuto più libertà artistica almeno dalla riunione dei 5 kage.
      Naruto ha sprecato l’occasione di essere uno dei migliori shonen di sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>