Naruto 668, One Piece 741 – Recensione Komixjam

di Ciampax 7

Sapete che spero sempre di più che Naruto finisca presto?

Naruto 668 – Inizia la Primavera Cremisi. Dunque, vorrei spiegare il perché della mia affermazione precedente. Partiamo dal presupposto che il capitolo mi è piaciuto, per una serie di motivi: si dà spazio ad un personaggio come Gai (che secondo me avrebbe meritato qualcosa in più in questo manga), si celebrano tutta una serie di sentimenti che sono stati, per anni, il motore di questa storia e ultimo, ma non ultimo, si rivive un flashback in cui viene presentata una figura paterna che, a mio parere, Kishimoto deve aver ricalcato un po’ sul suo genitore da poco deceduto, cercando in qualche modo di rendere omaggio al Padre di cui, se ben ricordo da una intervista letta tempo fa, conserva un ricordo come l’individuo che non lo abbia mai osteggiato a cercare di raggiungere i suoi obiettivi. Tuttavia, mi sono posto anche un interrogativo importante, dopo aver letto questo capitolo: ha senso tutto ciò? Sappiamo che Naruto sta per giungere definitivamente alla sua conclusione, ammissione dello stesso Kishimoto, e sappiamo che, nella fase finale di un manga, le situazioni divengono concitate, veloci, gli eventi si susseguono e i colpi di scena sono non solo necessari ma imprescindibili. Ora, questo capitolo, al di là di mostrare l’inizio dello scontro tra Gai e Madara, non fornisce certo situazioni da “infarto” né mostra, cosa che sarebbe stata sensata, cosa accada in contemporanea a Naruto e Sasuke, i quali, almeno per il momento, dovrebbero essere il fulcro della vicenda. Ripeto, non che non mi piaccia questa scelta, ma il rallentamento che la storia presentata in questo capitolo comporta non è qualcosa che, da un punto di vista della sceneggiatura, mi fa fare i salti di gioia. Ora spero solo che la faccenda si concluda presto e che i due “redivivi” giovani Ninja tornino presto a concludere l’estenuante scontro con il neo Eremita dei Sei Sentieri.

One Piece 741 – Usoland il Bugiardo. Se proprio devo essere sincero, anche questo capitolo di One Piece è un po’ lento: leggere poi, alla fine dello stesso, che la settimana prossima ci sarà l’ennesima pausa non è proprio confortante. Sebbene il paragone Noland/Usopp fatto in questo capitolo rappresenti una bella trovata, ponendo il cecchino della ciurma in una situazione simile a quella del famoso esploratore ma con tutte le tipiche caratterizzazioni che solo questo personaggio avrebbe potuto dare alla cosa, il suo modo di reagire lo fa sembrare, ora, fin troppo sbruffone e temerario. Certo, la caratteristica fondamentale dei membri della ciurma è che se qualcuno piange non solo gli asciugano le lacrime, ma devono anche pestare a sangue il “bullo” di turno, tuttavia il cambiamento repentino e così ostentato di Usopp lascia un po’ il tempo che trova in una narrazione “notevolmente rallentata”. D’altra parte, pare che Oda voglia spostare l’attenzione su Soldatino/Kyros e la cosa dovrebbe far pensare: il personaggio è stato protagonista già di molti flashback e a questo punto pare probabile vederne uno ancora più lungo che spieghi il modo in cui si sia legato alla madre di Rebecca. E a proposito di quest’ultima, il fatto che Oda non mostri, da un po’ di capitoli, cosa accada sul “ring” del Colosseo mi sta facendo un po’ indispettire: quando finalmente gli eventi cominceranno a convergere verso la “conclusione” della saga, spero solo non si dimentichi (volutamente) dei punti fondamentali da trattare. E in tutto ciò: Nami, Brook, Sanji, Chopper che fine hanno fatto?

Commenti (7)

  1. per quel che riguarda naruto: ma possibile avere una recensione totalmente positiva? Non dico che non si debba essere oggettivi e che l’opera nel suo complesso (oltre a determinati capitoli) sia esente da critiche (pi o meno soggettive), ma quest’ultimo capitolo veramente da 110 e lode! E’ tutto veramente perfetto. Eppure una nota negativa c’ sempre (errata corrige: la si vuol sempre trovare, forse anche quando non c’).

  2. Oda ha accordato con la Shueisha di fare pause ogni 4 capitoli.

  3. Il capitolo di Naruto, seppur moderatamente lento, l’ho apprezzato davvero molto. Mi ha emozionato e caricato come non succedeva da un po’ di tempo ormai con il manga di Kishi. Sappiamo tutti quanti che il sacrificio di Gai non risolver la situazione e non sconfigger Madara, ma sfido chiunque, dopo aver letto il capitolo, a non fremere dalla voglia di vedere Gai che tira un cazzottone da fine del mondo a Madara e gli cancella quell’aria cos sicura di s dalla faccia, facendogli capire che la sua vittoria non cos scontata.
    One Piece.
    In questo capitolo Oda ha dimostrato uno dei suoi pi grandi limiti ed insieme uno dei suoi pregi, a seconda di come la si vuole vedere. Sto parlando di Usopp: personaggio che pu continuare ad andare avanti con il suo carattere, solo perch dietro di lui c’ Oda.
    Senza nemmeno lasciarci il dubbio per qualche capitolo, Oda ha immediatamente mostrato che i Tontatta schiacciati e uccisi da Trevor/Trebol, in realt non sono morti, e che quindi sia che Usopp riesca a portare a termine il piano SOP e salvare tutti, sia che non ci riesca, non gli si potranno muovere troppe critiche. In fondo tornato indietro, e nessuno morto per colpa sua, no?
    Se una scena come questa fosse stata fatta da un altro autore, come Kubo, o Kishimoto, sicuramente non tutti gli gnomi sarebbero sopravvissuti, e quindi il peso e la colpa che sarebbero ricaduti sul personaggio di Usopp avrebbero avuto un impatto profondamente differente sia sui personaggi del manga, sia sui lettori. Personalmente avrei preferito vedere Usopp affrontare per davvero le conseguenze della sua temporanea inaffidabilit.
    Per il resto che dire? Il passato di Kyros/kuros interessante fin qui, ma mi chiedo se riuscir davvero a sconfiggere Doflamingo cos facilmente come crede.

  4. Che Usopp sarebbe ritornato indietro per difendere i Tontatta, era abbastanza palese e scontato…Non mi piaciuto appieno come si comportato, scappare e poi tornare in quel modo non certo il massimo…Per secondo me Oda in queste 4-5 vignette ha voluto far vedere il cambiamento del cecchino in modo palese. Mi spiego.
    Invece di farci vedere fin da subito un Usopp totalmente cambiato e coraggioso, e per evitare flashback inutili dei suoi due anni, ha voluto mostrare come Usopp in realt capace di essere coraggioso con l’abbandono del nome di Usoland che esprime l’abbandono della paura…Se ci pensate un po’ come la situazione Usopp che lascia la ciurma ma ritorna nella ciurma col nome di Sogeking per poi riprenderla con il nome di Usopp.
    Qui ora Usopp il cecchino fifone che si mostra ai Tontatta come Usoland l’eroe per poi abbandonare questa menzogna donchisciottiana e mostrarsi come il nuovo Usopp il guerriero coraggioso.
    E anche la nuova Kabuto e l’aver sconfitto (cos pare) in modo rapido e semplice uno dei 4 assi di Doflamingo gli far aumentare la consapevolezza di se stesso.

  5. Capitoli buoni, a mio avviso, caro Ciampy.
    Naruto
    Si sa che Kishi ama preparare la dipartita di un personaggio attraverso ricordi che ne esaltino/spieghino i risvolti caratteriali. Per Maito Gai non avrebbe potuto fare niente di diverso.
    Tu dici che, in questo frangente, inutile tutto ci? Certo, consapevoli che sopracciglione potr far ben poco contro Madaruccio, il suo sar un sacrificio quasi inutile e, di conseguenza, lo sar anche questo capitolo.
    Vorrei far notare per che Obito nell’altra dimensione e nessuno dei presenti pu aver certezza che la “trasfusione” abbia successo e quanto tempo impiegher (senza contare che Naruto non sarebbe comunque all’altezza di Sua Santit Madara).
    In virt di ci, Kishi avrebbe dovuto far restare Gai e gli altri a grattarsi mentre l’Uchiha li friggeva con le palle nere? Certo che no, quindi… Il sacrificio di Gai, con tanto di esploit dell’ottava porta, ci sta tutto.

    One Piece.
    Il flashback di Kyros, come ho detto sul forum, era atteso e anticipa quello che sar il ruolo chiave di soldatino una volta che torner umano. Certo, contando anche la pausa della prossima settimana, spezza parecchio il ritmo visto che non si neppure concluso, giacch manca ancora tutta la parte riguardante il concepimento di Rebecca con annessi e connessi, l’arrivo della DF family e la sua mutazione in giocattolo.
    Per quel che concerne Usopp, onestamente mi ha sorpreso il suo voler metterci finalmente la faccia dicendo “sono solo Usopp e sono un pirata”. Niente pi maschere, niente pi pompose balle ad ingigantire la propria personalit. Una maturazione che, qualora fosse portata avanti nel prosieguo del manga, segnerebbe il reale passaggio da fifone a “figone” del nasuto.
    L’unica pecca in questo cambiamento sta nell’eccessiva velocit con cui avvenuto. Due o tre tavole sono bastate… (non solo a farlo ricredere ma anche a farlo materialmente tornare sui suoi passi) e ci non proprio digeribile al 100%.

  6. Naruto
    Onestamente non penso che il finale di un manga debba essere per forza frenetico, veloce e stracolmo di colpi di scena. Un finale deve mettere la parola “fine” all’opera e a tutte, (o quasi), le cose in sospeso che rimanevano. Di velocit, se vuoi, ne abbiamo avuto a bizzeffe di recente: Madara, in circa mezz’ora, passato dall’essere prigioniero di un Drago di legno di Hashirama a portatore del Decacoda, dotato di Rinnegan e chakra eremitco senju. Se la velocit deve essere questa, che se ne stia pure a casa.

    One Piece
    Carino il fatto che, dopo essersi comportato da m***a, Usopp abbia deciso di presentarsi come un membro della ciurma di Ruffy, (come mai non l’ha fatto fin da subito, dopo che aveva difeso a spada tratta il suo capitano su PH). Del resto, anche se in molti vedono una maturazione del personaggio, io non vedo niente di che: sento gi che Oda a fine avventura gli far dire: “Ahhhh, ma perch ho detto il mio nome davanti a tutti quanti! Ora i Marines sanno chi sono! Oh, povero me!” E poi, per dire che davvero maturato, non dovrebbe neanche pi fare cose del genere: dov’era quando Robin ha tentato di attaccare Sugar? Dov’era quando i Tontatta venivano calpestati quasi a morte? Capisco aver paura, ma avrei voluto vedere la sua reazione se si fosse trattato di Ruffy e Co.

  7. Il capitolo di Naruto rende giustizia al personaggio di Gai, l’eroe del sorriso. Credo che sia un capitolo dovuto, per quello che un grande personaggio, forse un p sottovalutato per quel che rappresenta. Il flash-back, questa volta ci stava alla grande ed ben contestualizzato. Credo che questa sia l’ultima volta che vedremo sopracciglione all’opera.
    Per Op, volevo il riscatto di Usoop e l’ho avuto. Il fatto che ora Usoop non si celi dietro una maschera (che era sia sogeking che ora Usoland), ma anzi ribadisca con forza che lui un pirata e non un eroe, l’ho apprezzato molto. Anzi qui abbiamo la sua presa di coscienza che non mai stato un’eroe, ma che in fondo il suo sogno diventarlo (vuole diventare un valoroso guerriero dei mari). Ecco quindi che il codardo, la maschera che ha sempre portato Usoop viene a mancare. Qualcuno desiderava che ritornasse come Sogeking, ma onestamente non ci sarebbe stato lo stesso effetto, oltre a risultare un p ripetitivo. Non maturato? Questione di punti di vista, io credo che questa rinuncia alla sua “maschera” valga molto di pi di un’eventuale riapparizione di Sogeking, per quanto bella e figa possa essere.
    Il flash-back di Kyros indubbiamente interessante, forse un p affrettato effettivamente, ma in una saga con cosi tanti fronti, il fatto che i flash-back non siano troppo “invadenti” forse un bene. Dubito comunque che sia finito qua questo flash-back su Kyros, visto che potrebbe continuare con magari l’incontro con la madre di Rebecca. Come dicevo nel forum, abbastanza strano che quest’ultima se ne stava in una umile casa di campagna e non a palazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>