Kobato 01 ITA: Una ragazza fiduciosa

di Grande Mu 13

Kobato arriva nel mondo degli umani... e sembra non capirci nulla! La pazienza e "gli insegnamenti" di Ioryogi la aiuteranno ad iniziare il lungo cammino che porta al suo desiderio...

Hanato Kobato, la dolce protagonista della serie, raggiunge il parco di una non precisata cittadina di provincia una mattina di un’anonima giornata di primavera accompagnata da un cagnolino parlante, tale Ioryogi, che si finge un semplice pelouche in presenza di altre persone. Kobato ha un compito da assolvere: riempire una certa bottiglia speciale con i cuori feriti e da lei successivamente curati delle persone che incontra nelle sue giornate per poter esaudire il suo unico grande desiderio… raggiungere un posto per lei speciale. Tutto molto bello, peccato che le manchi ancora la bottiglia, e per conquistarla dovrà passare un test che il “perfido” Ioryogi condurrà nell’arco della giornata: dovrà dimostrargli di essere adatta a vivere nel mondo degli umani.

Teoricamente sarebbe molto facile, peccato che la nostra protagonista sia naïf ed ingenua al punto di dare sui nervi a Ioryogi, che gliene dice di tutti i colori ^^. Verso metà mattina viene abbordata da due ragazzi che non hanno certo intenzioni amichevoli ma lei non se ne rende conto e viene salvata all’ultimo solo dall’intervento di un estraneo che picchia i due bulli e le suggerisce di stare attenta alle compagnie che decide di frequentare. Verso sera, Kobato raggiunge un parco dove si stà svolgendo un matsuri di primavera: alla bancarella-ristorante lavora Fujimoto, il ragazzo che l’ha salvata proprio poche ore prima, che però deve improvvisamente lasciare il lavoro perché ha ricevuto una chiamata urgente dall’ospedale… Kobato, che ha accidentalmente rotto delle stoviglie, si offre come aiutante per ripagare del disastro combinato e finirà per dover preparare un nabe… diciamo molto originale ^^” Che però piacerà a tutti! Sul tardi, sempre nel parco, la ragazza incontra un’anziana signora con il nipotino nel passeggino che non ne vuole sapere di smettere di piangere: Kobato si offre di cantargli una canzone che lo calmerà immediatamente e che farà si che le persone del parco le concedano un’applauso sentito per la sua bellissima voce. Convinto dalle ultime performances della giornata, Ioryogi concede alla sua protetta la bottiglia che viene riempita col primo cuore “riparato”.

COMMENTO: Kobato-chan è un bellissimo personaggio. Tremendamente zuccheroso, ma che mi piace un sacco ^^ E così anche quelle che sembrano già essersi identificate come le spalle della storia, Ioryogi aiutante finto-perfido che cerca di rendere meno ingenua la sua protetta e Fujimoto, il belloccio della serie del quale la nostra finirà probabilmente per innamorarsi ^^. La dinamica di relazione che si è già instaurata fra Kobato ed il suo animaletto promette molto bene per i momenti comici delle puntate, che arriveranno imprevisti ma che penso rappresenteranno una buona percentuale nell’economia dell’intera puntata: per quanto riguarda il personaggio singolo, invece, c’è ancora da lavorare per levare gli stereotipi che ora esistono per inquadrare i personaggi ma che finirebbero per limitarne lo sviluppo nel corso della storia: conoscendo CLAMP e Madhouse, stò sereno… è un problema che sarà presto risolto.

Download: Kobato 01 ITA by itaneko Fansub

Dai la tua opinione a Kobato anche qui!

Commenti (13)

  1. bene bene..guardo e commento :biggrin:

  2. Ah, le Clamp! Quanto le amo! Praticamente, di queste dolci donzelle ho tutto (manga e anime!). Kobato mi mancava: non vedo l’ora di guardarmelo! Thx Grande mu e… benvenuto! 😀

  3. Sembra davvero carina ma non in senso infantile. Penso che mi piacer, sono contenta perch da un po’ che cercavo un altra bella storia cui appassionarmi, grazie di averla segnalata, la seguir volentieri.

  4. eheheh non proprio il mio genere (non ecchi, non volano legnate e non c’ sangue) quindi mi astengo dal commentarlo visto che partirei da una posizione prevenuta. Spero per gli amanti del genere che si riveli una bella serie. :biggrin: Cmq classificato come seinen quindi la parte psicologica dovrebbe essere presente in modo deciso.

    1. Davvero lo classificano come seinen? :blink: Vabb speriamo che lo diventi pi in l…perch di seinen non ha proprio nulla.

  5. L’ambientazione tra i ciliegi in fiore un classico, ma sempre bello da vedere. Anche i pezzi comici non sono male. Caruccio…per la canzone nooooooooo!!!

  6. Si, classificato come seinen ma da quanto visto e letto un’interpretazione pi ampia del termine e, forse, non la pi azzeccata ^^. Tuttavia “Josei”, la variante femminile del genere, lo ancora meno anche alla luce delle recenti “interpretazioni” che stanno dando in Giappone, dove “redisu” (ladies) e “redikomi” (ladies comics) rappresentano le due variabili pi gettonate del momento ma che identificano prodotti con caratteristiche diverse da quelle di “Kobato”… prodotti dove la realt ha ruolo da protagonista, cosa che qui non avviene ^^. Prendetele sempre un po’ con le pinze, le classificazioni delle serie: Carletto potrebbe rimanere sorpreso di scoprire che “Witchcraft”, manga che credo conosca ^^, da K-Books ad Akihabara lo si trovi nella zona seinen… :whistle:

    1. Beh se intendi Witchcraft della Tenma Comics lo conosco. un manga con contenuti espliciti e se non ricordo male di Yamatogawa. Certo quelli che dici tu vero, comunque tra i seinen ci sta nel senso che di certo per maggiorenni anche se sarebbe meglio definirlo un vero e proprio hentai. :ninja:

      1. Riformulo il finale: …anche se sarebbe meglio classificarlo come hentai. Meglio ^^ :biggrin:

  7. Carino come anime.. sicuramente pi adatto a un pubblico femminile per..
    continuer a seguirlo per vedere come si evolve la situazione.
    Riesce comunque a strappare un sorriso grazie alle scene pi “comiche”.. inoltre vedere una protagonista cos ingenua (in senso positivo) non pu che mettere di buon umore..

  8. Evviva, una nuova serie! Grazie KJ! 😀
    …e quanto manca alla fine di Pandora Hearts? 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>