Anime Time – Primavera 2014

di Kirisuto 1

Mentre aspetto l’ ultimo episodio di Kill la Kill da recensire nel fine settimana, ecco che vi illustro i miei programmi primaverili.
Ne ho accennato sulla pagina di Facebook del blog: nei prossimi mesi ci saranno due progetti paralleli; tratterò una serie anime allo stesso modo di Kill la Kill (ogni 15 giorni)  e nelle settimane alterne recensirò film di animazione. Questa stagione mi affiancherà Ciampax occupandosi della recensione de Le bizzarre Avventure di Jojo e di qualche altro titolo ancora da definire.

 

Siccome inizierò la stagione con un film, comincio col parlarvi di questa mia idea deleteria. Quella che affronterò sarà una filmografia dettata da un filo rosso e ricavata tramite una ricerca sul web. “Quali sono i film di animazione più disturbanti a livello emotivo? Quali creano il maggior sgomento e/o disagio?” Questa la mia domanda, a cui ho trovato 7 differenti risposte. Sette diverse pellicole orientali/occidentali identificate da più fonti come le più inquietanti. Ogni film verrà analizzato sotto il profilo delle immagini usate, dei contenuti e del perché le prime ci turbano così tanto. Un progetto ambizioso che potrebbe devastare me, ma che vuole avvicinarvi a diversi lati di questo spettacolare mondo 2d. Un progetto che ho deciso di nominare A.D. – Animazione Disturbante; molto poco fantasioso, ma che gioca sul vago ricordo di un’Animazione Sperimentale Insensata.

Sarà un crescendo che culminerà in qualcosa di totalmente ignoto. Non ho visto nessuna delle pellicole che mi propongo di recensire e quindi per me sarà qualcosa di completamente “nuovo”. Siccome la prima recensione ci aspetta settimana prossima, vi comunico subito la prima opera che affronteremo, la più blanda secondo la classifica che ho recuperato: Una tomba per le lucciole.

Per quanto riguarda la serie anime sono indeciso su due titoli, entrambi rischiosi ma per motivi differenti. I titoli sono Sidonia no Kishi e Mangaka-san to assistant-san. Il primo mi attira perché partorito da Nihei, autore che adoro e di cui ho recentemente comprato la nuova edizione di Abara; ma proprio perchè si tratta di lui è rischioso, particolarmente sotto il punto della trasposizione: Nihei nei suoi manga tende ad essere cronologicamente contorto. Devo ammettere che non ho ancora letto Sidonia no Kishi quindi non ho idea quanto questo fattore influisca, tuttalpiù non vorrei gravarvi con una serie anime “pesante” quando nel frattempo i film che li alterneranno saranno implacabilmente tosti. Mangaka-san, anche se più leggero, si preannuncia come un harem tratto da un manga non concluso e il che è un terno al lotto. Il mio voler puntare su questo titolo deriva dal fatto che l’ambientazione slice of life è incentrata sull’ambiente di lavoro di un mangaka, quindi un po’ mi incuriosisce. Vedrò quale scegliere dopo la visione dei primi due episodi e tenendo conto anche dei vostri commenti in merito.

Commenti (1)

  1. Parlando di “animazione disturbante”, non pu che venirmi in mente la serie di film Kara no kyoukai… Il quinto in particolare (Paradox Spiral) di un contorto unico, ma molto affascinante. Ne sento sempre parlare poco a riguardo di questa serie di film.
    Ovviamente sia jojo, che knights of Sidonia, saranno anime che seguir, questa primavera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>