Ancora incerto il futuro dello Studio Ghibli

di Silvia Letizia Commenta

Il direttore generale e co-fondatore dello Studio Ghibli, Toshio Suzuki, domenica della scorsa settimana ha partecipato al programma televisivo Jōnetsu Tairiku trasmesso dall’emittente giapponese TBS per discutere del futuro dello Studio Ghibli dopo il ritiro di Hayao Miyazaki dalla regia di nuovi lungometraggi d’animazione.

Suzuki ha illustrato tutti i grandi cambiamenti che l’intero Studio sta affrontando al momento, e che sono stati discussi in occasione delle riunioni degli azionisti che posseggono una quota dello Studio. Ha anche fatto intuire che questi cambiamenti potrebbero includere lo smantellamento del dipartimento di produzione. Sebbene al momento stiano girando alcune voci che alludono a una prossima e imminente chiusura dello Studio, Suzuki ha voluto sottolineare come la verità stia semplicemente nel fatto che lo Studio al momento sta facendo un po’ di “pulizia” e sta affrontando alcuni lavori di ristrutturazione necessari. Alla fine si arriverà a una ricostruzione dello Studio che permetterà di creare un ambiente adatto alla prossima generazione.

documentario1

Suzuki non ha sminuito il significato del ritiro di Miyazaki. Nonostante questo, tuttavia, ha aggiunto:

“A proposito di che cosa fare circa il futuro dello Studio Ghibli, la possibilità di continuare a produrre lungometraggi d’animazione per sempre non si può considerare assolutamente impossibile. Ma comunque ci prenderemo una piccola pausa per considerare in quale direzione muoverci da questo momento.”

Hayao Miyazaki ha annunciato il suo ritiro dalla regia di nuovo lungometraggi d’animazione nel corso dello scorso anno, e lo stesso Suzuki ha rinunciato al suo ruolo di produttore qualche mese fa, nonostante abbia assunto il nuovo titolo di menager generale. L’ultimo lungometraggio dello Studio Ghibli, Omoide no Marnie, è uscito nei cinema Giapponesi nel week-end tra il 19 e il 20 Luglio incassando 378,790,697 yen (circa 2.75 milioni di Euro) e venendo proiettato 461 volte in vari cinema in tutto l’arcipelago giapponese.

[ Fonte | ANN ]
[ Fonte | Wikipedia ]