Free! Episodio 11 – il commento

di Regola 2

 

A una puntata dalla fine mi sento quasi disposto a confermare il fatto che Rei si porta a casa il trofeo di miglior personaggio della serie: lo metterà sulla sua bacheca, insieme a tutti quelli che ha vinto nelle competizioni di atletica. Con le sue azioni mette fine una volta per tutte al tira e molla iniziato dai due egocentrici personaggi che hanno dominato la vicenda oscurando tutto il resto (e non è certo finita qui, il finale sarà “il loro”), rompendo gli equilibri e gli indugi e spingendo una di queste in particolare ad affrontare una volta e per tutte quella questione che rimanda dal primo episodio. Sto parlando di Rin (ti odio, ti ricordi di tua sorella solo quando ti serve!) Oh, quanto ho riso nel momento in cui ha rivelato di aver scaricato sugli altri il peso della sua inadeguatezza (per essere il peggior atleta della sua scuola in Australia). Oh, quanto ho riso nel momento in cui ha mostrato di essere stato capace soltanto di pavoneggiarsi, fino ad essere mosso dagli attacchi di Rei a sentirsi in dovere di giustificarsi in un secondo momento, spiegarsi.. e farlo con una persona che non era interessata alle sue motivazioni. Sul volto di Rei in quel momento si leggeva la tipica espressione “cosa vuole da me questo qui?” Oh, quanto ho riso quando il capitano del club di nuoto ha escluso lo squalo dalla staffetta, ridimensionando in modo crudele ma efficace la principessina su cui adesso pare essere crollato il mondo addosso. Chi è causa del suo mal pianga se stesso: sarebbe bastato atteggiarsi in modo un tantino più maturo e non ci sarebbero stati problemi, invece, finisce per rimanere intrappolato nel ruolo del solito egocentrico che si fa forte dell’essere odiato/ignorato dagli altri, scavandosi la fossa da solo. Oh, quanto rido.

Bellissima puntata, davvero. Considerando come le cose devono andare male (probabilmente, per mettere un tocco di pepe alle battute finali) l’intero episodio è gradevole, bello, costruito con maestria e ricco di tutti quegli elementi che i vari spettatori cercano. Abbiamo teneri e feroci sguardi, abbracci, costumi da bagno, ma abbiamo finalmente sviluppi significativi nella vicenda. Così tanti che gli ultimi tre episodi mi paiono, in confronto, tremendamente vuoti.

Quasi in posa per una foto.

Ho temuto per un attimo che Rei e Rin si picchiassero: perdonatemi, non avrei retto una scena di violenza, le medicazioni e le attenzioni che ne sarebbero seguiti; senza considerare neppure i problemi che sarebbero stati causati ai due club di nuoto (Samezuka e Iwatobi) per la squalifica di due dei loro membri. I regolamenti sportivi per gli istituti scolastici sono spesso molto severi, e atti di violenza e delinquenza non vengono tollerati, e puniti con sanzioni di questo genere. Uno dei temi classici degli spokon, ma a un episodio dalla fine è anche sensato che le cose non vadano a complicarsi ulteriormente, anche perchè è stato il personaggio di Rei a non raccogliere la provocazione che Rin in certi momenti sembrava sventagliare: come se volesse picchiarlo (perchè dice cose scomode), ma non volesse essere il primo ad attaccare. Più o meno, in uno dei confronti centrali di tutta questa vicenda, è stata questa la sensazione che ho avuto, e quindi capirete perchè il quattrocchi ha acquistato un numero di punti veramente elevato da parte del sottoscritto. La seconda parte dell’episodio è quella che definirei la classica “quiete prima della tempesta“, il gruppo si appresta a lanciarsi nella sfida delle regionali, per puntare sempre più in alto: quasi volessero già dirci che, Rin o non Rin, i quattro dell’Iwatobi sono già una squadra solida e coesa in grado di affrontare qualunque sfida.

Si. Sei un idiota.

La settimana prossima la conclusione, l’ultimo episodio: ho tenuto alcune delle ultime considerazioni per il dodicesimo appuntamento, che servirà anche da valutazione globale di questa serie. Preso atto dell’eventuale lunghezza dell’ultimo commento (e di alcuni impegni personali), vi comunico fin da subito che non uscirà di giovedì, ma bensì il fine settimana, tra sabato e domenica. Fino ad allora, un saluto a tutti.

 

Commenti (2)

  1. Perfettamente d’accordo sull’analisi della cretinaggine di Rin; ho goduto come un riccio.
    Ancora non riesco a comprendere come mai COS TANTE persone che seguono la serie possano trovarlo un personaggio intrigante e interessante. Per carit, adesso non mi metter di certo a giocare a Dio e giudicare i gusti degli altri, ma ci tengo a puntualizzare che sono felice di come finalmente sia suo turno di essere trattato a pesci in faccia. XD
    E per Rei… un grande applauso. Mi aspettavo fosse Makoto a smuovere la situazione e invece, il megane vince.

  2. Anch’io ho sperato che si picchiassero. E anch’io prendo una boccata d’aria dopo che l’anime ha girato quasi solo intorno a Haruka e Rin. Rei ha smosso molte coscienze. Speravo che Makoto avesse pi rilievo, ma niente. Voglio una seconda stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>