Earth Afterschool – Dopo Eat-Man un altro viaggio nel tempo e nello spazio

di Manuel 1

Il manga (e successivo anime ispirato) ad Eat-Man ha ottenuto in tutto il mondo un buon successo e numerosi trasposizioni in varie lingue, forte del fatto che un’atmosfera Cyberpunk come quella proposta dai 19 volumi che racchiudono la storia di Eat-Man era difficilmente reperibile in altre opere.

L’autore del suddetto manga, tale Akihito Yoshitomi lancerà nel numero di settembre della rivista mensile Champion Red (appartenente alla casa editrice Akita Shoten) il suo nuovo manga chiamato Chiky? no H?kago (letteralmente “Earth Afterschool”) che narrerà le vicende (sentimentali?) di un gruppo di 3 ragazze e di un ragazzo, unici sopravvissuti della razza umana dopo un non meglio precisato incidente che ha spazzato via l’intera specie umana (Year 2012 inside?).

La serie deriva da un episodio auto conclusivo dello stesso Yoshitomi che raccontava la medesima storia e voleva essere il trampolino di prova su cui approntare la serie (è apparso sul numero di Maggio della medesima rivista), dato il successo del “one-shot” l’autore ha deciso di creare la serie che, spera (e sperano anche i fan di Akihito), possa avere il medesimo successo del suo più celebre Eat-Man.

Akihito Yosh

itomi è famoso anche per il manga Ray (da cui è tratto il ben più noto anime Ray The animation) e per la sua speciale versione di Black Jack di Osamu Tezuka (quest’ultimo autore di Astro Boy e Kimba il leone bianco, mica bruscolini!).

Se avete amato Eat-Man e le sue atmosfere, la sua storia bizzarra e la sua veste grafica pulita ed efficace, apprezzerete senz’altro anche Earth Afterschool…prossimamente nelle migliori edicole (del Giappone).

[Fonte: Anime News Network]

Commenti (1)

  1. conoscendo il magazine ” Champion Red” credo proprio che lo seguir :biggrin: :biggrin: :biggrin:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>