Anime Inverno 2013 (2/3)

di Regola 1

Benvenuti alla seconda parte della rassegna riguardante le serie che ci faranno compagnia in questa stagione invernale. Come sempre eccovi qui una breve descrizione, poi, appena rimesse in ordine le idee vi aspetteranno le recensioni esclusive di alcune di queste… nel frattempo, buona visione!

GJ-bu

Imitando suo fratello maggiore che nelle superiori si è iscritto a un club dalle non troppo chiare attività, Shinomiya Kasumi fonda la sue versione delle medie. Nasce così il “Good Job Club”, in una piccola saletta dove Kasumi passa il tempo con Seira, una bella ragazza senza peli sulla lingua e Geraldine, una ragazza canadese che comunica usando una lavagna bianca.

 

Hakkenden: Touhou Hakken Ibun

Ispirato a una popolare storia di samurai arricchita da elementi sovrannaturali, Nansou Satomi Hakkenden, questo anime ci parla di eventi che prendono luogo cinque anni prima della storia principale. Tre persone sopravvivono a un’epidemia di peste, e una di esse, Shino, è in grado di utilizzare la spada incantata Murasame, e per questo diverrà bersaglio di persone che vogliono impossessarsene.

 

Hetalia: the Beautiful World

Torna sui teleschermi giapponesi Hetalia, con la quinta serie, che racconta eventi della storia mondiale in modo ironico e umoristico, trasformando in persone reali le varie nazioni e attribuendogli atteggiamenti stereotipati “tipici” di quella nazione. È attraverso la interazioni tra i vari personaggi che questo “geografico” anime parla di alleanze, unioni politiche, guerre e rivoluzioni, incentrandosi soprattutto sulla Seconda Guerra Mondiale e la Guerra di indipendenza americana.

 

Kotoura-San

Haruka Kotoura è una ragazza di quindici anni con il potere di leggere nella mente delle persone, che ha causato a coloro che le stavano  intorno svariati problemi proprio per questa sua abilità (come il divorzio dei suoi genitori). Per questo motivo si isola dal resto delle persone, ma nella sua nuova scuola superiore Manabe Yoshihisa cerca di superare questo problema e diventare suo amico.

 

Love Live! School Idol Project

Posizionata al centro di tre città divise da tremende differenze culturali, la scuola superiore Otonokizaka rischia di chiudere, a causa di un calo nelle iscrizioni. Per questo un gruppo di nove studentesse decide di prendersi sulle spalle la responsabilità di salvare il proprio istituto, pubblicizzandolo in un modo davvero originale: diventando delle pop-stars!

 

Mangirl!

Il mercato dei manga è un mondo difficile in cui sopravvivere, ma le protagoniste di questo anime non si perdono di speranza, e sebbene la scarsa esperienza e i pochi mezzi decidono di lanciarsi in quest’avventura e di produrre un giorno la rivista numero uno in Giappone! Davanti a loro si stagliano svariati ostacoli, ma con impegno e ottimismo li affronteranno tutti.

 

Maoyuu Maou Yuusha

Essere l’Eroe salvatore del mondo non è ne una cosa facile, ne da tutti i giorni, soprattutto quando dopo un lungo viaggio in cui sono state affrontate e superate difficoltà innumerevoli, vieni a scoprire che in realtà il genere umano ti ha ingannato per distruggere una razza di demoni assolutamente innocenti. Arrivato alla fine del viaggio, quindi, l’Eroe decide di unirsi alla Principessa delle Tenebre e difendere questa minacciata razza di demoni.

 

Minami-ke Tadaima

Quarta serie delle avventure delle tre sorelle Chiaki, Kana e Haruka, fatte di incontri quotidiani, di faccende domestiche e rapporti con compagni di classe e famigliari.

 

Commenti (1)

  1. Maoyuu Maou Yuusha un capolavoro e sto leggendo il manga in italiano tramite il gruppo che se ne occupa. Bellissimo!!! Alcuni ne criticano l’uso dell’economia e la lunghezza delle spiegazioni ma troppo bella e romantica la storia tra i due protagonisti! L’unica pecca che sono molto meglio i disegni del manga, o meglio della versione che avete riportato nell’immagine sopra, rispetto a quelli dell’anime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>