Tamako Market – Episodio [10]

di Kirisuto Commenta

Spread the love

 Riassunto episodio: Tamako Market non è prettamente uno scolastico, ma le protagoniste sono in età da liceo, parte dell’ambientazione è la scuola e già con la gita scolastica abbiamo visto che ogni tanto saltano fuori elementi dell’anime scolastico. Tutto questo per dire cosa? L’episodio di questa settimana è incentrato nella preparazione del festival che si terrà alla scuola.

Si parte con la riunione dei club e del consiglio studentesco per decidere l’ordine con cui i club faranno la loro rappresentazione. Le fasce orarie vengono estratte dai capitani dei club da un’urna e, magia, il club di Tamako ottiene la fascia oraria più ambita (la tarda mattinata) in qui l’affluenza è maggiore.

Non c’è tempo da perdere, bisogna: pensare e realizzare le uniformi, pensare a una coreografia e tutto sotto a un tema. Per quanto si sforzino, il “tema” su cui basare tutta la rappresentazione non viene loro in mente; le ragazze decidono quindi di pensare prima ai costumi (compito di Tamako) e alla coreografia (compito di Midori, il capitano). Tamako pensa di realizzare tutto in base al mochi e butta giù qualche schizzo, Midori pensa a che passi usare per la coreografia ma non riesce a pensare a nulla. Il giorno dopo, a suola, il club si riunisce e decide di usare l’uniforme di Midori. Sì, esatto. Non riuscendo a pensare alla coreografia ha buttato giù uno schizzo dell’uniforme (approvata a pieni voti). Non dice però alle amiche che con la coreografia sta ancora a zero e mente dicendo che è a metà strada. Passano i giorni e Midori si deprime sempre più per la sua incapacità, continuando a nascondere la faccenda alle amiche. Il club si riunisce un pomeriggio per comprare le stoffe per i vestiti (tranne Midori) e la sera Tamako si mette di buona lena a cucire gli abiti. Aiutata da Choi, che svela un’innata abilità nel cucito confessando che si tratta di un’attività che le calma il cuore e la rilassa. Aggiunge, inoltre, che il suo sogno/obiettivo è cucire l’abito da sposa per moglie del principe.

Il giorno dopo, a scuola, Midori è assente per malattia. Tamako, Kanna e Shiori decidono di andarla a trovare a casa dopo che Shiori racconta alle altre di un episodio accaduto nei bagni: Shiori aveva visto Midori auto-incoraggiarsi e rassicurarsi di fronte agli specchi del bagno per poi fuggire una volta scoperta.

Midori accoglie le amiche e, di fronte all’evidenza, confessa di non essere riuscita a realizzare nulla accompagnata da un pianto liberatorio. La nostra protagonista la rassicura dicendole che, per la coreografia, possono pensarci tutte assieme.

Abiti finiti, coreografia fatta: arriva il giorno del festival. Mochizou, su richiesta di Tamako, riprende l’esibizione del suo club. Prima che inizi la rappresentazione, però, il gruppo riunito ringrazia Choi per l’enorme aiuto dato per realizzare le uniformi ed è in questo momento che la sacerdotessa scopre un neo sul collo di Tamako che le dà una sorta di illuminazione.

Termina la giornata del festival e tutti si dirigono a casa; all’entrata del quartiere commerciale, Tamako saluta Kanna e Midori. Ma ecco che Choi le si inchina davanti e dice: “Tamako-sama. Sei la sposa per il nostro principe.”

End.

 

Commento: Episodio un po’ fiacco a mio parere, ma che è servito per gli ultimi 30 secondi di episodio. Trovo un po’ strano che Choi non abbia visto prima il neo di Tamako, ma vabbeh. Siamo a 10 su 12 e finalmente negli ultimi due vedremo sbrogliato il triangolo Mochizou-Tamako-Midori visto che i due pretendenti avranno di sicuro da ridire in merito. Mi aspetto un po’ più di brio e qualche colpo di scena nelle prossime due settimane. Anche se, la frigidità di Tamako (o se vogliamo, la sua stupidità nel comprendere i sentimenti altrui di matrice amorosa) mi fa pensare che tutti rimarranno a bocca asciutta a fine anime: Mochizou, Midori e pure il principe!

Per questa settimana è tutto. Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>