Naruto 382 – Episodio e Recensione

di Nick90 Commenta

Spread the love

Buonasera frequentatori di Komixjam e buon inizio di weekend. Ci ritroviamo con un nuovo appuntamento dedicato all’anime di Naruto.

Nello scorso episodio il buon Madara ci aveva illuminato su quella che è stata la genesi degli shinobi: il Juubi altri non era che l’Albero Divino e, all’alba dei tempi, nessun essere umano era in grado di manipolare il chakra, in quanto sprovvisto. Fu Kaguya Otsusuki a mangiare il frutto millenario dell’Albero, a ereditarne le proprietà del chakra e a scatenarne la furia vendicativa. L’Albero divenne così il Juubi per come lo conosciamo e fu Hagoromo, figlio di Kaguya, poi conosciuto come il Rikudou Sennin a sigillare il Decacoda e diffondere il ninshuu, che arrivando ai giorni attuali diviene ninjutsu (la differenza tra la due definizioni nel mondo Narutiano dovrebbe stare tutta nell’uso che si fa del chakra).

Fatto questa piccola premessa introduttiva, vi lascio alla puntata. Have fun.

Titolo: Il sogno di uno shinobi

Riassunto: I cinque Kage si stanno recando verso la battaglia dopo esser stati guariti da Orochimaru e i suoi seguaci. Ma all’orizzonte un enorme figura invade il loro campo visivo. Si tratta dell’Albero Divino, che tornato in possesso del suo chakra prelevato da un buon numero di ninja dell’alleanza, si stende ora al cielo, pronto a sbocciare e a dare inizio allo Tsukuyomi infinito.

Tra i ninja superstiti, salvatisi grazie al manto di chakra di Kurama e Naruto, c’è uno Shikamaru oramai prossimo alla dipartita, considerando anche che le lumache invocate da Sakura per aiutare la sezione medica sono state anch’esse risucchiate dal Juubi. L’alleanza stessa pare allo sbando.
Obito comunica a tutti che c’è ancora una possibilità di salvezza: smettere di combattere. La cessione di ogni resistenza da parte di ogni ninja significherebbe per ognuno l’entrata nel genjutsu definitivo. Che farà ora Naruto?

Ringraziamo come ogni settimana i Bkt per il loro ottimo episodio settimanale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>