Kobato, la nuova serie tratta dal manga omonimo di CLAMP

di Grande Mu 6

Probabilmente vi starete domandando chi è questo strano soggetto che così, di punto in bianco, arriva e scrive nel vostro blog senza dire né ai né bai. Se non avete già letto l’esauriente ed approfondita (ehm… più o meno) presentazione nella pagina del “Chi siamo” vi faccio un breve riassunto: buon giorno a tutti, sono Mu (Michele nella cara vecchia life 1.0) e da poco faccio parte di questa grande comunità che spero possa beneficiare dei miei commenti (leggasi: deliri) su quello che è il magico mondo degli anime, dei manga e della cultura del Sol Levante… argomenti sui quali penso di poter dire la mia senza paura di colossali gaffes. Magari mi conoscete già per via di forum e blog personale, nel qual caso è un semplice “bentrovati!”, per tutti gli altri… beh, non vedo l’ora di conoscervi! ^^

Esordio migliore non potevo chiedere: presentazione e prime impressioni di “Kobato”, una delle serie che aspettavo più in ansia figlia delle mie adorate CLAMP e del loro inconfondibile stile! Non sarà l’unico anime che avrà la sfortuna di essere commentato, con calma scoprirete tutto… per adesso, buona lettura!

Trama:

Kobato è una ragazzina allegra ma anche tremendamente ingenua (nel senso migliore possibile del termine) che, per motivi non proprio chiari, ha un compito nella sua giovane esistenza: riempire una misteriosa bottiglia in suo possesso con le sofferenze che albergano nel cuore delle persone di modo da poter raggiungere un luogo misterioso che sembra però essere molto importante per la ragazzina[…]

Prime impressioni:

CLAMP + Madhouse = capolavoro. Questa è un’equazione che vale da anni: “Card Captor Sakura”, “X”, “Chobits”, “Mouryou no Hako”… la lista è lunga e zeppa di titoloni. Ammetto di aver pensato “c’è troppo rosa in questa promo art” ma poi mi sono reso conto di chi ci fosse in cabina di regia ed alla sceneggiatura e molti dubbi sono magicamente scomparsi: potere dell’esperienza e della passione ^^. Vediamo se – ancora una volta – sarò l’unico blogger al mondo a seguire e commentare con costanza una serie minore dell’universo CLAMP ^^

Commenti (6)

  1. Ho letto la tua presentazione sulla pagina “chi siamo”…Davvero interessante! ^_^

    Benvenuto!

  2. anche io seguo le clamp 😉 ma solo da poco, cos st cercando tutti i vecchi lavori mentre seguo cuelli nuovi
    pi tosto, scusa la domanda personale/impertinente, sei un ragazzo che legge clamp?! rarissimo (nn un’accusa ne disprezzo solo curiosit ^^ come le hai scoperte, spero di nn andare troppo fuori tema)

    cmq tornando a Kobato, il manga quando uscito?!

    1. rari, pure io mi leggo le opere delle clamp

      cos come le opere delle peacht-pit

      sn ottime maangaka :sideways:

  3. Ma quanta roba hanno sfornato le CLAMP???

  4. Da quelle sante donne mi aspetto il massimo dopo capolavori come card captor sakura e x!!!! So gi che sar fantastico (=

  5. Grazie a tutti per il caloroso benvenuto. Sono senza parole :blush:

    Risposte random: si, seguo CLAMP e mi piacciono pure… nonostante sia ben consapevole della natura shoujo delle loro opere. Perch? Misteri della vita ^_^ Me ne sono innamorato da piccolo con “Rayearth” e poi ho riscoperto tutta la loro opera nel corso degli anni, valutandone sia i prodotti pi zuccherosi che quelli pi seri… forse proprio questa capacit di parlare di temi agli antipodi me le ha fatte piacere 🙂 Tornando a Kobato una serie non proprio nuova, la serializzazione su rivista del 2005 ma dopo pochi capitoli si arrestata (come spesso capita alle opere delle Divine) salvo riprendere a fine 2006 su Newtype (mica pizza e fichi)… retconnando alcuni degli ultimi eventi pubblicati e ripartendo da un momento antecedente della storia. Hanno cancellato un save point e hanno rigiocato un pezzo, per dirla da videogamer ^_^

    A breve in arrivo anche i commenti dei primi episodi e qualche altra serie che sto seguendo: per tutto il resto, una visitina al mio blog potete sempre farla 😎

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>