Jackals. Consigliato da Komixjam

di bila 4

Buon pomeriggio a tutti,

bentornati nel nostro spazio dedicato ai consigli di lettura; spero (ovviamente per tutti quelli che non sono in vacanza) che il tempo sia un po’ più clemente, qui a casa mia si muore, io e i miei coinquilini stiamo cercando tutti i modi possibili per refrigerarci, ma al momento nessuno ha trovato una soluzione…( ho addirittura provato a offrire  5 euro ad uno dei miei coinquilini per un’ora di sventolamenti con un quaderno o qualsiasi cosa che smuova dell’aria…il risultato?…sto qui sudando e chiedendomi perché ho lasciato il mio ventilatore a casa dei miei genitori)

Finiti i discorsi puramente conviviali vorrei oggi presentarvi un manhwa  di qualche anno fa (non molti a dire la verità) che qualcuno di voi potrebbe aver, almeno, sentito nominare; sto parlando di Jackals.

Questo fumetto ( edizione italiana della Jpop 2009), opera di Kim Byung Jin e Shinya Murata (…grrr…vecchi rancori mi legano al Kim Byung Jim…se non torna a lavorare su “chonchu” gli riempio la casa di carta igienica!…scusate lo sfogo), è stato pubblicato in 7 volumi sia in Giappone che in Italia.

Trama

Le vicende si svolgono in una città immaginaria, “Cicero City”, città in cui il disordine pubblico regna sovrano; la malavita organizzata gestisce tutta la città ( compresa la maggior parte della pubblica amministrazione e delle forze pubbliche) e per non sporcarsi le mani direttamente, affida i lavori sporchi ad assassini professionisti, dei mercenari da città, soprannominati “Jackals” (sciacalli) ( da qui il titolo del fumetto).

In questo scenario, non proprio idilliaco, è possibile incontrare una figura che si distingue dalle altre, un Jackal che sta attirando l’attenzione più di chiunque altro; si tratta di “Nicol, l’alligatore”; Jackal non schierato con nessuna delle due famiglie malavitose principali, tanto che per entrambe diventa un obbiettivo, due sole le opzioni: ucciderlo o ingaggiarlo.

Pro

Storia: la sceneggiatura di questo fumetto è abbastanza poliedrica, non perché cambi molti stili, ma più che altro per la varietà di argomenti toccati; siamo di fronte ad un manhwa pieno di adrenalina, un action, con combattimenti davvero cruenti, e ben strutturati ( lo so che sto per dire una cosa che molti considereranno una eresia, ma i combattimenti e il modo in cui sono strutturati mi ricordano molto quelli di kenshin; ovviamente sono al di sotto del livello del capolavoro nipponico, però in una scala di valori li collocherei giusto un paio di gradini sotto); il plot del fumetto è ben nascosto, non è facilmente intuibile tutto quello che succederà (al contrario di alcuni lavori).

Personaggi: Credo che una nota di merito se la debbano aggiudicare i personaggi; sono molti, e ben caratterizzati, in più i personaggi principali sono davvero ben riusciti; Nicol (il protagonista) non sarà certo l’unico per cui farete “il tifo”, Foa ( personaggio che chiamare secondario è restrittivo) secondo me può essere una carta vincente dell’opera. Guardare per credere.

Disegni: Ammetto che io ho un po’ un debole per i disegni di Kim Byung Jin, ma, anche cercando in rete, ho scoperto che non sono certo l’unico a pensarla in questo modo; i suoi tratti sembrano nati per gli action, tratti forti ma di una bellezza coinvolgente, ottimo utilizzo delle ombre e dei corpi (soprattutto dei volti).

Contro

Prezzo: Ancora una volta ragazzi vi faccio il solito discorso: se volete la qualità dovete pagarla…certo che poi le sovracopertine, per quanto belle, siano inutili e facciano lievitare il prezzo…be’, questa è un’altra storia.

Complessità ambientazione: Ora vi spiego cosa significa. Nel fumetto si parla di famiglie malavitose, di ordine pubblico, di politica, di guerre e, ovviamente, di un po’ di storia personale; il problema sorge, nel lettore, quando tutte queste cose devono essere fatte pervenire a lui in pochi numeri (il fumetto ha solo 7 numeri e, ovviamente, il lettore deve avere abbastanza chiara la situazione già dai primi numeri o non riuscirebbe a seguire la storia); ci ritroviamo bombardati di notizie storiche e di semplici spiegazioni relative alle organizzazioni, tanto da dovere, in alcuni casi, fermarci a rimettere insieme le idee e, vi garantisco, può capitare di dover tornare qualche pagina indietro a rileggere alcuni passaggi per chiarirsi le idee.

PRO : Storia – Personaggi – Disegni

CONTRO: Prezzo – Complessità Ambientazione

In pratica siamo di fronte ad un fumetto che per molti poteva essere un astro del firmamento orientale, ma che ha un po’ deluso le aspettative; per altri invece (almeno osservando gli utenti online) Jackals è un manhwa perfettamente riuscito, dall’inizio alla fine…Ragazzi non sta a me dirvi quale delle due opinioni sia esatta e, oltretutto, ce ne potrebbero essere anche altre non considerate da me in questo articolo; vi consiglio di leggere l’intero fumetto per decidere, non fermatevi ad una parte, potreste perdervi il meglio.

“Vi do un consiglio: per criticare bisogna conoscere”, ve lo dice uno che per poter rispondere a chiunque osannasse twilight, si è visto i tre film in pochi giorni, in modo da poter apporre a sostegno delle mie tesi delle prove concrete, non un sentito dire o un parere “ignorante” (nel vero senso della parola, cioè ignorando il film stesso).

Segni particolari:

Secondo il mio punto di vista questo fumetto fa della sua “celerità” la sua carta vincente; ok agli scontri cruenti e ben congegnati, ok alla sceneggiatura, ok al plot…ma se tutto questo fosse stato elargito in una serie più lunga, non una mini serie di 7 volumi, sarebbe risultato di sicuro un lavoro come tanti, un lavoro “standard”, senza particolari motivi di lustro.

Non voglio dare un voto, ma almeno posso darvi un consiglio: “Leggetelo, non sarà tempo sprecato”.

Mata ne

Bila

Commenti (4)

  1. Ho solo 2 volumi, ma mi piaciuto molto, sopratutto per i disegni, e i combattimenti. Di certo non sar una pietra miliare, ma stata una lettura piacevole.

  2. davvero un’opera ben fatta…consiglio la lettura a tutti…i disegni sono spettacolari.. :biggrin:

  3. Non credo che la complessit dell’ambientazione sia un difetto, anzi credo che sia uno dei pregi di questo manga.
    Mi piaciuto molto ma devo dirmi deluso dalla conclusione.
    Gi nel 5 volume si percepisce chiarmamente una forte accelerazione della trama, quasi a voler concludere in fretta.
    SPOILER!!!
    Per non parlare dello scontro finale che si attende fin dall’inizio e che praticamente non avverr mai!

  4. ma che so XD cacciatori di monster hunter asd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>