Hollywood news: Drax the Destroyer ha trovato un volto

di bila 3

Hollywood è Hollywood e ormai nessuno è più al sicuro dai canti ammalianti del grande schermo. Lo sappiamo bene anche noi appassionati di fumetti che, per fortuna / purtroppo, ci siamo ritrovati, negli ultimi  anni, bombardati da cinecomics più o meno entusiasmanti. A farla da padrone in questo momento non poteva che essere la casa più nota del settore, Marvel, che dal momento del suo ingresso nella famiglia Disney ha visto aumentare a dismisura le sue possibilità.

Fase 2, questo il nome del maxi progetto Marvel, sta entrando nel pieno dell’azione, tanto che IronMan uscirà il prossimo mese per noi, fortunati, italiani; ma Fase 2 non è , come ben sapete, solo IronMan, avremo infatti l’ingresso di una new entry che, almeno fino a prima del film Avengers, nessuno di noi avrebbe mai immaginato.  I Guardiani della Galassia protagonisti dell’omonima pellicola in corso di realizzazione, sta suscitando curiosità tra gli appassionati perché, ammettiamolo, tutti vorremmo capire che taglio verrà dato al film, e come i personaggi saranno resi (ovviamente la computer grafica la farà da padrona (un nome su tutti Rocket Racoon). Per ora quello che sappiamo, o meglio che ci è dato sapere, è che nel film sarà presente Drax, personaggio molto interessante, dato il suo background Marvel, ma che fino ad ora era ancora un ruolo vacante.


Ho detto fino ad ora perché la notizia è che Drax avrà il corpo statuario di David Michael “Dave” Bautista, Jr… va be’, ve lo semplifico: “BATISTA“. Sarà infatti il 10 volte campione del mondo di wrestling (se contiamo sia i 6 titoli da singolo che i 4 in tag team), ritiratosi nel 2010, a prestare voce e corpo a Arthur Douglas (Drax the Destroyer). Il “bestione” di Washington (di origini Greco-Filippine) ha infatti accettato il ruolo lasciato vacante da Jason Momoa (Game of thrones – Conan: the barbarian) garantendosi una buona vetrina per gli anni a venire (di certo non sarà strapagato, conoscendo la politica Marvel studio – la stessa per cui Momoa ha declinato l’offerta – ma di certo, data la sua notorietà e il suo fisico davvero fuori dal normale, porterà qualche spettatore in più al cinema, cosa che, in fondo, è l’unico motivo di interesse Marvel Studio).

A quanto pare anche il  ruolo di attore fuori dal ring (visto che già da wrestler lo era) sembra calzare bene a Batista, a dimostrarlo ( oltre a qualche cameo sparso qua e là, vedi serie tv Chuck e Smallville) ci sono i film che lo hanno visto e lo vedranno impegnato negli ultimi anni e nel prossimo futuro: Il re Scorpione 3The Man with the Iron Fists (in uscita a breve), Riddick (secondo sequel della serie che vede Vin Diesel protagonista) e, appunto, Guardians of the Galaxy.

A noi non resta che aspettare per giudicare la qualità e, per quelli che (come il sottoscritto) sono stati/sono amanti del Wrestiling, fargli un grande “in bocca al lupo”… o forse “ai lupi”. ( penso che ce ne vogliano almeno una decina per uno come lui)

[ Fonte | Ign ]

Commenti (3)

  1. Ottimo, come fisico perfetto.

    O.T.: Come mai ha lasciato il wrestling?

    1. acciacchi fisici non opportunamente curati (ha scelto di fermarsi in tempo, prima di ritrovarsi con un corpo a pezzi), et per avere ancora la vita davanti (ha lasciato a 41 anni), nonno!
      a parte questo una diatriba (pi mediatica che reale) con la federazione.

  2. A me preoccupa molto questa scelta.. il tizio mi sembra espressivo come un sandalo di legno :s Speriamo, il Marvel della “Phase 2” che aspetto di pi questo film, non vorrei vederlo rovinato da uno scimmione qualsiasi, anche perch Drax tutt tranne che scemo: forte, pazzo, rabbioso, ma anche uno stratega militare, un realista ed un padre amorevole (ogni tanto), somiglia un po’ a quel Kratos di God of War, serve un volto capace per questo personaggio.. speriamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>