In Australia un ragazzino scriveva il suo Death Note

di My Funny Valentine 81

dnLo so, non è una news di quelle solite che vi diamo, ma consentitemi di passarvela perchè è una di quelle cose per cui non sai mai se ridere o piangere…

Insomma, il daily telegraph, un quotidiano australiano, ha stilato una specie di “indice” dei più gravi incidenti avvenuti nelle scuole a partire da aprile, e tra tutti questo è uno di quelli più incredibili: in pratica gli insegnanti hanno trovato, nella cartella di uno dei loro studenti (un ragazzino dell’ottavo anno, cioè circa della terza media, a quanto leggo dalle informazioni che ho trovato) un death note in piena regola. In cosa consisteva quetso quaderno della morte? ma niente di più ovvio: in quel quaderno era scritto un elenco di nomi, per la maggior parte di suoi compagni di scuola, ma anche quattro tra insegnanti e personale vario, con accanto specificate le cause di morte. Tra le più “divertenti” troviamo: attacco di cuore, annegamento, e “bere fino a morire”. Niente male per un ragazzino di 12 anni, eh?

La cosa più sconcertante, e questo probabilmente lo sapete anche voi, è che questo non è affatto il primo caso: non solo in belgio nel 2007 su una scena de crimine erano comparsi indizi che rimandavano ad un death note, ma già negli stati uniti nel 2007  uno studente all’ultimo anno di liceo, e nel 2008 un ragazzo delle medie erano stati sospesi o espulsi dalla loro scuola dopo essersi fatti beccare con un death note tra le mani. Quindi ci sarebbe da pensare che dopo questi casi, ahimè non isolati, il manga sarebbe stato censurato, o qualcosa di simile (del resto, l’america non è nuova a simili rimedi, vi ricordate la censura sull’episodio dei griffin?) e invece una commissione di washington ha addirittura candidato death note ad un prestigioso premio dedicato ai fumetti per adulti. La coerenza, vè?

Tuttavia, il problema dell’influenza del manga sui giovani in alcuni paesi viene preso molto sul serio: in cina e a taiwan death note è passato attraverso una severissima esaminazione da parte di commissioni scolastiche, il cui risultato è stato però un semplice avviso ai genitori sulla particolarità del contenuto del manga.

Insomma, il risultato di questa faccenda è che il daily telegraph ha allegato un preoccupante resoconto di come i disagi mentali stiano aumentando tra i banchi di scuola australiani.  Certo al colpa non è solo dei manga e degli anime, anche se sono pronta a scommettere che in italia il moige sosterrebbe questa tesi. Voi che ne pensate di questa storia?

Stay tuned on Komixjam, anche per notizie più gradevoli e meno sconfortanti di questa.

[fonte: animenewsnetwork]

  • kira

    ma va che cazzoni certi bimbi dovrebbero stare chiusi a casa invece di fare ste stupidate e poi per colpa di questa gente noi semplici lettori ci bechiamo le censure graze mille :angry: :angry: :angry:

  • enrico939

    anchio 2 anni fa, a 14 anni, avevo fatto 1 deathnote con un mio amico, ma era semplicemente un gioco stupido, non avremmo mai ucciso nessuno ovviamente……….certo, peccato poi che davvero, per colpa di ragazzi molto impressionabili e privi di coscienza ci debbano rimettere tanti innocuii lettori :unsure:

  • matt

    Ma tutto cretino questo ragazzino…
    C’ gente che non riesce a distinguere la realt dalla fantasia…

    • Cambia nome :D

  • Dante Higurashi

    ecco il classico bimbetto idiota….adesso altre seghe mentali sulla pericolosit dei manga e sull’influsso (cazzata) che hanno sulla mente dei giovani (cazzata, a meno che non si talmente nabbi da farsi condizionare da un manga…) al! per colpa di un cretino poi ci va di mezzo chiunque…..bah :ninja:

  • Querion

    Ma era magari un semplice modo per sfogarsi. C’ da dire che se qualcuno si fa influenzare da un libro o un fumetto disagi mentali c’erano gi.
    Ovviamente il MOIGE si batter come una tigre ora.

  • yaka

    il mio amico fabio sono un paio d’anni che scrive i nomi di quelli che gli stanno sulle scatole sul death note…. :whistle:

  • Kira-7

    sapete se avesi un Death Note scriverei i nomi di queli che lavorano su MOIGE …. poi basta censure …voi direte che ne arriverano altri come MOIGE …hahahah …ma ce sempre dinuovo Deth Note …poi si lascerano stare ……hahahahahahahahahahahha :devil: :devil:

  • Saku

    Non capisco cosa ci sia di tanto scandaloso. Capita a tutti quando ci si arrabbia seriamente di desiderare che qualcuno “sparisca”, e penso che per un ragazzino di 12 anni questo accada anche pi frequentemente e per motivi anche pi futili di quelli che pu avere una persona di 20 anni. Semplicemente questo qua anzich andare a dire ai suoi compagni “spero che la prof di matematica cada dalle scale” lo scriveva sul Death Note. Non ci vedo nulla di scandaloso :pouty:
    Oh forse sono io che non ho capito bene la news, ma se si trattava semplicemente di una sfilza di nomi, ribadisco che non ci vedo niente di male :ermm:

  • Ragazzi incredibile che al mondo ci siano persone cosi, almeno cerca di nn farti beccare, per assurdo che per colpa di queste persone un manga come Death Note venga censurato.
    Le persone devono saper capire quando oltrepassano una certa soglia, e chi nn ci riesce perch a mio parere sono un p fuori di cervello.

  • Sinceramente non ho mai capito perch questo manga sia stato annoverato fra gli shonen e non i seinen :tongue: eppure gli argomenti trattati non sono mica cos adatti e “comprensibili” per un bambino di 12/13 anni :lol:

  • thebura

    quell’articolo sembra un ottimo inizio per una puntata di south park.. anzi, perch qualcuno non lo manda agli autori come suggerimento? immaginate: cartman con un death note tra le mani e uno shinigami da prendere per il culo…. la mente vacilla davanti alle possibilit :silly:

    • Debitto

      Bellissima questa XD

  • Aster

    da non credere, come fanno ad essere cos idioti (per non dire altre parole) questi ragazzi…

    L’America rimane un paese sempre molto cooerente

  • Ravenard

    da sempre ci sono casi di psiche debole che si lascia influenza da quello che lo circonda,l’unica novit sta nell’isteria che ogni tanto i media si divertono a provocare. 4 casi su 7 miliardi di persone…accidenti che manga negativo :ninja:

  • Wrath-Chan

    beh sinceramente non ci trovo nulla di cos scandaloso o grave, magari era una cazzata fatta per scherzare, non credo desiderasse davvero la morte di quelle persone .-. cio il death note (inteso proprio come quaderno) lo vendono tranquillamente nelle fumetterie, cosa fanno, ora lo classificano come arma propria e lo mettono al bando? -.-”
    secondo me hanno esagerato la cosa…

  • namidakun90

    Mah..che dire, quante volte ho augurato il peggio ai prof che mi stavano sul ***** ma nn per questo volevo che morissero veramente..uff per nn giusto anche io voglio un quaderno dalle sembianze di death note :sad:
    zietta valy me lo regali?? :biggrin:

  • old boy

    un ragazzino scriveva dei nomi su un quaderno e ne augurava la morte. emb quando ero piccolo io, ho fatto di peggio anche perch sapevo cosa funzionava e cosa no.

  • obito salvo russo

    :blink:

    no…
    pazzesco
    cio ha preso sta cosa sul serio XDDD

  • nonnoDM

    io io le cose potrebbero arrivare anche qui in italia ma spero propio di no va

  • Debitto

    Sinceramente non ci vedo niente di male che faccia queste cose, tanto mica succede qualcosa se scrive quei nomi XD. Io a 12 anni ero abbastanza maturo da capire che cose cos non funzionerebbero, ma ogni bimbo ha il suo periodo di crescita, quindi non vedo perch rendere Deatho Note uno scandalo da censurare :biggrin:

  • Chado90

    bha…chi di voi non ha mai sognato di scrivere un nome sul Death Note?
    il quadernetto qua in italia venduto dai 5 ai 10 euro, quindi a portata di tutti, e alla fine rimane sempre un quadernetto, perche solo un invenzione di 2 grandiosi mangaka.

    secondo me finche scrivi non esiste un problema… se uccidi qualcuno quello un problema, ma a scrivere su un pezzo di carta non cambia niente

    (io sarei gi in galera dato che sui miei vecchi libri di scuola ho minacce di morte hai professori, insulti e cavolate varie)…ma non ho mai fatto male a nessuno

  • cherubino

    Per PhantomFav :Guarda che i ragazzi di 12\13 anni sono pi intelligenti di te e poi non sono bambini ma ragazzi -.-
    cmq quoto per Saku

  • Kimimaro

    non capisco lo scalpore dei media nei confronti di questi ragazzini, non fanno male a nessuno, non offendono nessuno e non rompono le scatole, dove sta il problema! perch si dovrebbe dire “ stato colto in fragrante con un death note” che senso ha, manco uccidesse qualc’uno! non capisco proprio dove sia il problema, forse i soliti ben pensanti credono che scrivere su di un quanderno chi vorremmo far morire non va bene, ma non lo vedo tanto diverso da tenere un diario, in somma dove sta la differenza, poi ovvio che il bambino australiano aveva probblemi a scuola a socializare o peggio era vittima di vari bulli e prepotenti (dato che aveva scritto mezza scuola sul death note), e questi idoti invece di risolvere il problema al ragazzino si scagliano come delle furie su death note…questo tipico dei genitori, dare subito la colpa al cartone troppo violento, al libro scandaloso, al fumetto con le scene hard, anzi che guardare cosa fanno loro per i propri figli, quali sono i loro problemi, quello che pensano quello che vogliono fare, no, il figlio per loro(secondo me) solo una cosa che gli appartiene e che deve stare sotto una cmpana di vetro anche se soffocano..
    la domanda dell’alrticolo non doveva essere”cosa ne pensate di questi ragazzini” ma “cosa ne pensate di questi genitori e tutori”

    • io credo che il problema sia che magari questo ragazzino pensava davvero di ammazzarli i tizi, altrimenti il problema non is porrebbe… anche se personalmente una cosa del genere non la farei mai…

  • YoAfro

    Per Querion: desiderare la morte di qualcuno non sfogo, l’incazzatura capita ma la realt non un fumetto. Per il disagio mentale, invece, sono d’accordo. :biggrin:

  • Zero

    Ahahahah la demenza umana!
    Adesso vedrete il MOIGE, se lo viene a sapere, che ci combina… ah, ma tanto non possono fare niente: il manga gi completo e pubblicato, e l’anime gi andato in onda.
    Che si ammazzino da soli, se vogliono non sentire pi parlare di Death Note.

    Comunque gli americani e gli australiani non li capisco: vabb, ha scritto su un quaderno che le persone che odia muoiano per qualche motivo strano… e allora? Non esiste un Death Note reale, lasciate ad un bambino il suo piccolo sfogo nervoso, cavolo!

    Io stesso ho un Death Note, ma anche se ci scrivo sopra come un pazzo non muore nessuno, ma comunque scrivere il nome di un bastardo che mi rompe di continuo a scuola mi fa sentire meglio.
    Che mondo!

  • isonade

    secondo me ,era,e sempre sar insulso e inutile censurare qualcosa per 3-4 esaltati…

    va bene,il fatto che sta gente abbia “usato” un death note preoccupante ma sulle migliaia di persone che lo hanno letto 3-4 un po poco come media,no?

  • Bastard

    Di sihuro c’ un grosso disagio alla base.
    Ora un conto se lo fai per ruzz con un tuo amico,insomma i gusti son gusti (disse il gatto che si lecca le palle),un conto se arrivi a crederci davvero,a non riuscire pi a trovare una linea di demarcazione tra reale ed irreale,fino ad arrivare a casi limite come questo o come quelli citati prima.
    Io continuo a dire:c’ un motivo per cui un fumetto ha la didascalia “per adulti”,c’ un perch alla terminologia di seinen.

    Poi questa scarica sulla censura non la capisco:noi lettori di ora possiamo fruire di opere che,fino agli anni 90,erano ritenute immorali.Anche Batman ha subito forti censure.
    Possiamo comprare album musicali che inneggiano alla violenza ed al satanismo,possiamo leggere fumetti con componenti anche perverse.

    Come sempre,la colpa non di que bimbo o del moige:la colpa della societ.La colpa di chi glieli ha venduti.
    Io a dodici anni leggevo,al massimo,dragon ball e ranma e gi erano al limite.

  • salva 93

    secondo me quella un po colpa dei genitori che non hanno insegnato al figlio la differenza tra cartone animato e realt, anche io ho visto death note per non mi metto a chiaccherare con uno shinigami e non mi vieneneanche voglia di scrivere nomi di persone che mi stanno antipatiche su un quaderno demoniaco

  • minato79

    sui volumi di death note in italiano sul lato dove c’ scritto la collana in cui viene pobblicato, c’ scritto: “consigliato a un pubblico maturo”, e l’ anime su mtv prima che venga trasmesso sullo schermo compare la scritta:”i contenuti di questo programma non sono adatti ai pi piccoli”, se i i genitori non controllano quello che vedono o che leggono i figli devono stare zitti,il MOIGE e formato da genitori,sia la planet manga che mtv hanno messo degli avvertimenti,se dopo i genitori se ne FREGANO dei loro figli la colpa loro se accadono certe cose,se il MOIGE vuole censurare death note allora questo confermer la loro imbecillit,i ragazzini di oggi possono comprare alcolici,andare in discoteca e drogarsi,vedere porno come se fosse tutto normale,allora cosa peggio questo o death note?

  • pierpoz

    da quel che ho capito non ha tentato di uccidere nessuno, anzi ha solo scritto dei nomi su un quaderno scrivendo il modo con cui avrebbe voluto che morissero….Quanti di noi vedendo una proff salendo le scale gli abbiamo gli abbiamo augurato una bella caduta con annesso ricovero in ospedale e conseguente coma fino alla fine della nostra carriera scolastica.. secondo me non niente di scandoloso.

  • Fede93

    non capisco che c’ di male….loro scrivono i nomi sul death note, noi da piccoli lanciavamo le onde energetiche e ci fondevamo…sono giochi da bambini!anchio auguro la morte a molta gente :whistle:…ma mica sono psicopatico o deviato dai cartoni!XDXD sempre a tirare fuori l’impossibile per screditare i manga, sembra una lotta fra politici alle elezioni!!

    • thebura

      ci fondevamo? (scusa, scontato ma non so resistere) (ricorda troppo il film di south park)

      • Fede93

        hai ragione!!XDXD vabb dai si capisce che intendevo la fusioneXD

  • mastrolittorio

    io non l’ho iniziato a leggere apposta questo manga….avevo paura di esserne influenzato….
    dopo questa notizia….non lo legger…..

    • Kimimaro

      oddio ma parli sul serio??

      • mastrolittorio

        la prima volta che ho visto i power rangers….ho picchiato tutti i vicini di casa…..i carabinieri mi inseguivano con le pistole, e io gli andavo incontro a colpi di karat!!!

      • Renji-kun

        io invece appena ho letto dragonball ho iniziato a massacrare gente a onde energetiche…
        Sono stato anche in tv! non vi ricordate “RAGAZZINO UCCIDE 40 PERSONE LANCIANDO ONDE ENERGETICHE E SVOLAZZANDO IN GIRO, POI SI METTE AD URLARE, I CAPELLI GLI DIVENTANO BIONDI E INNEGGIA VENDETTA PER LA MORTE DI UN SUO AMICO, CHE LUI CHIAMA CRILIN!!!”

      • mastrolittorio

        MINKIA!!!! MI RICORDO!!!
        io e i miei powers siamo pure partiti per venire a sconfiggerti….ma siamo rimasti un sacco di tempo ad aspettare fuori di casa,con le nostre tutine attillate, che arrivassero gli animali tranformer….e non sono venuti…..

      • Kimimaro

        ah-ah-ah-ah-ah -_-
        e io che ero preoccupato per la tua sanit mentale…avevo ragione…

  • Sanji95

    io penso che non sia colpa dei mangaka ke scrivono questi fumetti (questi FANTASTICI fumetti) ma delle famiglie dei ragazzi ke se ne fregano del fatto ke il figlio, o i figli, abbia qualke problema a scuola. M rendo conto per ke questa un accusa un po’ pesante; Infatti potrebbe anke essere ke i ragazzi, visto ke non si sentono mai dire cose tipo: “Ehi figliolo come andata a scuola?” , pensano ke i genitori non si interessano a loro e va a finire ke non raccontano niente di ci ke gli accade a nessuno! (poverini!) :cwy: :cwy: :cwy:

  • Dust

    Eeeeeeeehm…leggo commenti sconcertati a proposito del perch esistano certi tontoloni che non capiscono quale sia la realt e cos via…ora, non voglio sindacare sull’et del bimbo, ma io da piccolo volevo sul serio essere l’uomo ragno!!! :lol: …e se avessi avuto una calzamaglia forse ci sarei pure andato al parco!!! :tongue:
    Ora, tolta la censura che vuol dire poco, se certi prodotti non sono adatti ai piccoli perch i piccoli non possono valutare tutto come facciamo noi…quindi sarebbe bene trattarli da piccoli e non dire che sono adulti che non capiscono un tubo…cio… un po’ da bambini direi…
    Per pensavo, poi magari mi sbaglio eh, ma non che gli iscritti al MOIGE sono cos inquisitori perch in questo modo possono evitare di badare ai loro pargoli?! :blink:

  • Rickard

    Il disagio dei civani pi che altro sta nel fatto che le aziende farmaceutiche (Bayer in primis) con pubblicit ingannevoli istigano genitori sprovveduti a somministrare psicofarmaci o ansiolitici ai loro figli che non hanno nemmeno 10 anni inventando inesistenti patologie come “disturbo da deficit d’attenzione”.

    Chiss cos’ha pi effetto sulla mente (e quindi sulle azioni) di ragazzini: se il manga “cattivo” o una pera giornaliera di Prozac.

    Qualcuno se ne dovrebbe ricordare la prossima volta che un imbecille scrive un death note o si butta dalla finestra perch “l’ha visto fare ai Pokmon”.

    • Kimimaro

      ma in quale paese O_o???

  • Gevanni

    E’ inutile che facciamo i finti moralisti perch chiunque ha desiderato almeno una volta nella sua vita di far sparire dalla faccia della terra una persona particolarmente ODIATA perch di persone del genere le abbiamo incontrate tutti quanti. Meglio scrivere i loro nomi su un quaderno che prendere una pistola e ammazzare mezza scuola come capitato spesso e volentieri in USA e non solo.

    • Kimimaro

      completamente d’accordo, infatti personalmente, trovo ridicolo questo scalpore completamente ingiustificato, sarei palzato se poi fossero veramente morti, ma addirittura fare scalpore con un quaderno finto!!! il fatto che l’oppinione pubblica non accetta pensieri contrari ai propri come vol uccidere qualcuno, questa la cosa pi ipocrita che io abbia mai sentito dire da dei genitori\tutori\insegnati\e cazzi vari.

  • ballo71

    chiss quante ragazzine nei loro diari segreti avranno scritto senza elencare qualcuno che volevano morto… m perch hanno scoperto sto povero ragazzo che si sfogava cos, perch era soltanto uno sfogo, vanno contro ai manga perch son il capro espiatorio + facile da attaccare…
    ci parlassero di + con i loro figli -.- e sti quaderni non esisterebbero -.-
    che poi a volte lo si fa anche per scherzare con gli amici o per fare i fighi mica vuol dire che son dei serial killer in fasce lol..

  • Rickard

    Citazione Kimimaro

    ma in quale paese O_o???
    ———————————————————————
    Stati Uniti, tanto per dirne uno e per dimostrare che non parlavo di “paesuncoli” come il kaffiristan e via dicendo.

    • Kimimaro

      si va bene, ma usare spicofarmaci in realt sono i casi limite, non vero che la maggior parte dei bambini di 10 anni prende il prozak, c’ chi lo prende, ma sono proprio pochi casi, qui si stava cercando un punto che sia un po’ pi comune, e come discutere della maratona di new york e uno se ne esce con: “per ci sono quei poveretti senza cambe che sono tristi perch non possono partecipare” non un sempio concreto lo so, ma serve a dare l’idea comunque di quello che cerco di dire…-_-…comunque vero(in parte)…

  • Jacques Mate

    Se ti scovano con un Death Note vieni arrestato.
    Se ti scovano con una calibro 9 non c’ nulla di strano.

    Come hanno gi detto altri prima di me, anche prima della serie Death Note scommetto che moltissimi adolescenti nella storia umana abbiano fatto qualcosa di simile come scrivere sui diari che “vorrebbero che tali persone sparissero”, magari con anche il modo in cui dovrebbero “andarsene”… E’ una reazione tutto sommato normale di fronte alle avversit ed ai complessi che si hanno in quell’et e che si mostrano sempre pi pressanti nella vita di un adolescente.

    Il tempo che associazioni come il MOIGE usano per battersi contro ipotetici pericoli che minacciano i bambini ed i ragazzini farebbero meglio a spenderlo ognuno facendo un bel discorso a tavola con i propri figli, insegnando che bene conoscere e sapere per saper criticare e prendere le distanze da certe cose. Come? Tramite l’insegnamento dei principi: basterebbe fare quello invece di aver un pensiero rasente il bigotto o di censura, perch nel momento in cui quei ragazzi cresceranno e non ci saranno i genitori a impedire di porsi certe domande o rapportarsi con problematiche scottanti e delicate, contenute anche in un banalissimo telefilm, cosa faranno queste povere creature? Prenderanno per vero quanto vedono e sentono perch cresciuti in un loro mondo dove ogni prodotto della comunicazione mediale vero e giusto e rispecchia sempre idee e valori interpretati in un unico modo immutabile? Con che mentalit aperta e con che spirito critico cresceranno: per colpa di certe associazioni che poi la gente cresce ottusa. Che pochezza e che poca lungimiranza: invece di insegnare un metodo critico e istruire dando la capacit di giudizio personale, dando istruzioni gnoseologiche su come filtrare quanto le comunicazioni ti offrono si erge un muro attorno facendo crescere i bambini in una campana di vetro che di certo quando non ci sar pi non avr certo conseguenze positive…

    • namidakun90

      anche un po di “istruzione” ontologica nn farebbe male

  • kris

    si anke io sul mio death note avevo segnato il nome della mia prof di inglese …. m a qnt pare nna ha funzionato visto ke ankora viva e vegeta e mi rompe tutt’ora le scatole x nn dir d peggio :tongue:

  • io invece avevo il love note…

  • Bonny

    come ogni prodotto, death note pu influenzare le menti dei pi giovani ( ma essendo un manga per adulti, i giovani neanche dovrebbero tenerlo in mano ). per scaricare tutte le colpe sul fumetto davvero ridicolo.

    paradossalmente, come quando si accusa l’america di vendere armi a chiunque. vero, senza alcun tipo di controllo o licenza potresti comprare un fucile a pompa e ammazzare il tuo vicino di casa, o la tua intera classe. per se lo fai non solo perch hai in mano il fucile, sia chiaro. io potrei usarlo anche per cacciare fringuelli, o struzzi, o pinguini.
    il problema che se hai in mano un arma, e hai dei seri problemi a livello sociologico o mentale, diventi un pericolo, e allora le soluzioni sono solo toglierti l’arma o correggere la situazione problematica che ti porta ad essere un potenziale omicida o comunque un disturbato.

    parlando di “iinfluenza da media” la prima soluzione diventa completamente inutile. il “death note” del ragazzo solo lo sfogo, come il fucile, solo che non ammazza, non realmente pericoloso. al massimo evidenzia ed enfatizza una situazione di disagio pre esistente. censurare e criminalizzare oltre i limiti che la decenza impone completamente inutile, ed per questo che il MOIGE o altre associazioni del genere sono inutili. basterebbe fare come giustamente detto da Jaques, abbandonare la campana di vetro e dotare i nostri figli di sani principi morali, di un educazione e di un rispetto di determinati valori fondamentali che li possano aiutare a sopravvivere in certe situazioni di disagio.

    invece di spegnere la tv al bambino bisognerebbe guardarla con lui, spiegargli la differenza tra la realt e la finzione, tra il giusto e lo sbagliato, invece di pretendere di delegare questi compiti ai media, perch anche epurandoli da ogni contenuto ritenuto inadatto resteranno sempre cattivi maestri di vita, incompleti senza un supporto adulto alla comprensione.

  • Kether

    Io credo che il problema non sia il contenuto, ma che questo arrivi “puro” all’adolescente, nel sensoc he non abbia una figura tutoriale di riferimento (leggasi genitore) che spenda tempo con lui e sia disponibile a rispondere ad ogni suo dubbio e a controllare cosa faccia e cosa non faccia e discuterne se necessario.
    Death note un manga, come tale un oggetto neutro, sta ai genitori evitare che i bambini devino il messaggio o lo facciano uscire dal fumetto.

  • Rickard

    Pienamente d’accordo con Jacques Mate. Il MOIGE l’emblema dell’occuparsi di tutto tranne di ci che davvero serve.
    ———————————————————————————-
    Kimimaro

    Non credere che siano casi limite. In realt (soprattutto in America) stato auspicato un forte aumento nell’uso di psicofarmaci nei bambini o ragazzini che siano anche per “sintomi” molto blandi ed incerti.

    Guardati questo anto per farti un’idea dell’orrore (dal 3 minuto in poi circa): http://www.youtube.com/watch?v=uY9q0k17iNI

    Non sono assolutamente cose da sottovalutare. Il rischio veramente pazzesco.

  • SKA

    non penso che il fumetto sia la causa di tt questo ma soltanto un modo di sfogarsi semmai bisogna chiedersi xk lo ha fatto xk desidera la morte dei compagni di scuola quale sia il suo disagio a tal punto da desiderare un death note x uccidere la ggente. se nn ci fosse stato il manga forse nn avrebbe scritto i nomi e le cause della morte d queste persone ma comunque il desiderio k quest ultime muoiano ce e rimane quindi vuol dire k vogliono dare la colpa a un manga x nn ammetere k ce qualcosa k nn va nei ragazzini di oggi? solo xk questo disagio tra ragazini e emerso coinvolgendo un manga nn vuol dire k k ne sia la causa vogliono forse dirci k se desideriamo la morte dei compagni e lecino e normale ma se la scriviamo su un quaderno nn lo e piu”??

    • Steve

      …..next time in Italian please…..

  • Filippo

    Ovviamente manga e anime non centrano nulla.

    Se uno labile di mente lo sia in un mondo con i manga che in un mondo senza.
    Se non riesci a goderti manga e fumetti con un certo distacco, insomma , se realt e manga si scindono insieme non serve certo dylan dog per capirlo: ti serve un buon strizza cervelli e un lungo peridodo senza toccare manga alcuno e anche una lunga vacanza se te la puoi permettere, magari insieme a tutti gli “amici” che hai appuntato sul death note, cos per rendere il tutto pi divertenete e movimentato…
    Non credete? ;D

  • Pachi

    anke io avevo un death note (finto ovviamente XD) fatto a mano da me e lo portavo a scuola e cn i miei amici,quando ci annoiavamo durante la lezione,scrivevamo le morti + stupide,ma anke fra di noi (hanno scritto anke me XD)!
    poi a volte quando qualke bast***o mi faceva incazzare molto scrivevo il suo nome ma x sfogarmi,visto k nn potevo pestarlo XD sapevo bene k nn funzionava
    :biggrin:

  • Pachi

    cmq kiaramente io nn mi sn fatto mai bekkare :biggrin: .
    Leggevo dei commenti sul xk il manga stato classificato cm shonen.
    nell’intervista alla ohba nel numero 13 le spiega k il manga aveva solo lo scopo di intrattenimento e nn sul dibattito tra il bene e il male…

  • Motoro

    Che storia…
    Personalmente non ci vedo nulla di strano nello scrivere nomi in un Death Note, a patto che sia “per gioco” o “per scazzo”… anch’io l’ho fatto, ma certo non desideravo la morte delle persone scritte nel quaderno! Penso anche che per un bambino di 12 anni fare certe cose sia pi normale che nel mio caso (ne avevo 14), il problema sta nel fatto che ci si reoccupa troppo di giochi per bambini che di cose pi serie come la loro salute mentale o le difficolt che incontrano a scuola, perch di certo uno che stila una lista simile coi nomi dei compagni di vita qualche disagio ce l’ha.

  • KakashiHatake

    Personalmente non ci vedo nulla di grave in quello che faceva questo ragazzino.Era solo un normalissimo passatempo,come io mi metto a disegnare o a sentire la musica lui si metteva a scrivere dei nomi sul suo Death Note,magari era un fissato come lo sono io con NARUTO.Censurare il manga o l’anime davvero una mossa stupida, perch comunque non mi pare un manga che abbia dei contenuti per adulti, anzi uno shonen, e perci inutile anche dire che i “bambini non dovrebbero neanche tenerlo in mano” o cose del genere. se non fosse stato un manga per ragazzi, non lo avrebbero pubblicato su Shonen Jump, ma su un’altra rivista per Seinen.Death Note rimane un’opera magnifica, anche se qualcuno pi fissato si mette a scivere i nomi su un death note. io stessa trovo che sarebbe molto divertente mettersi a scrivere dei nomi in quel modo.non perch penso che quella gente dovrebbe morire per davvero, ma solo per gioco o per sfogo.

  • Hitchcock

    ora, essendo questo il mio primo intervento cercher di non farmi bannare al primo colpo, comunque quando per caso ho letto il titolo di questo articolo mi subito balenato in mente il nome di un’altro autore: avete presente quel tizio col naso strano che si era perso per una selva oscura? beh, quello ha scritto un libro lunghissimo in volgare (che poi l’unica cosa di volgare il nostro linguaggio dopo che abbiamo provato a capire cosa ci sia scritto) in terzine di endecasillabi? bene, il nostro buon vecchio Dante all’inferno ha piazzato circa 14 milioni di avversari politici, e con questo come la mettiamo? Scherzi a parte, in un altro forum che frequento c’ un topic in cui guarda caso si scrive nome e causa di morte dei propri compagni di classe, ovviamente per scherzo, al che mi chiedo: quanto si pu considerare oggettivamente grave un fatto simile, si tratta di un qualcosa di innocente oppure indicativo di un disaggio psicologico ed esistenziale? Boh, mandatelo dallo psicologo….

  • Brunogees

    La cosa preoccupante la stronzaggine della gente che ha preso sul serio la cosa, altroch! :unsure:
    Oh, ma cosa cambiava se un ragazzino scriveva le stesse cose sul suo diario? Niente immagino, una visita dallo psicologo, come suggerisce Hitchcock… Si fanno tempeste in un bicchier d’acqua, e stupide crociate contro fragili fantasmi che altro non sono se non le paranoie stesse di persone frustrate…
    Chi non ha mai desiderato, in un momento di rancore, di vedere morto qualcuno? Beh, chi non l’ha fatto dovrebbe andare dallo psicologo per un qualche disagio mentale…
    Detto questo, crocifiggerei gli insegnanti che hanno fatto tutto questo casino! …anzi, adesso vado a scriverlo nel mio Death Note… :wink:

  • powertomanga

    se succede qualcosadi simile in italiasapete come inizier a rompere i coglioni il moige?
    :getlost: moccioso idiota :getlost:

    • eh, gi… speriamo davvero di no o diciamo ciao a death note per tutta la vita… sono capaci di enmtrare nelle case a sequestrare le copie e dargli fuoco

      • Bonny

        veramente io credo che darebbero fuoco direttamente alle case. non sono cosi fini al moige!

      • powertomanga

        non so cosa aspettarmi, nulla di buono comunque :getlost:

  • rigo

    Se si comportano da idioti o deviati dopo aver letto o visto qualcosa perch lo erano gi prima. Mi riferisco non a questo caso particolare, ma in generale a tutte le varie storie e notizie che si sono sentite nel tempo, e si sentiranno sempre.

  • -minato-

    Ciao MY FUNNY VALENTINE volevo chiederti una cosa, a proposito di quello che hai detto tu. “e nel 2008 un ragazzo delle medie erano stati sospesi o espulsi dalla loro scuola dopo essersi fatti beccare con un death note tra le mani.” cio non capisco,uno studente che ha un death note viene espulso??? ovvio che sia finto non vedo il motivo e soprattutto come fanno gli insegnanti a conoscere il manga? non potrebbe essere solo un quaderno della morte fatto da uno studente con qualche problema sociale o magari semplicemente per scherzo?

    • io ho letto cos, sinceramente sentendo anche la notizia ai tempi mi sembrava che uno dei due ragazzi fosse stato espulso…
      alla fine per chi non conosce l’anime un death note scritto pu davvero sembrare una lista di omicidi da compiere, eh… mettiamoci anche in questa prospettiva zizi

  • -minato-

    capito..

  • PaulSlim

    anch’io ho scritto parecchi nomi sul death note del mio compagno
    tra le quali devo citare

    XXXXXXX – XXXXX Muore congelato guardando un emozionante episodio di Pingu
    XXXXX – XXXXXXXX Non appena presa la patente, investe una vecchietta, muore sminuzzata dal suo defunto marito
    XXXX – XXXXXXX Dopo essersi scoperto gay, muore ad un concerto di cover band dei Village People

    Ho scritto anche il mio nome… :biggrin:

  • giuvy

    fighissimo il death note :heart:
    I love DEATH NOTE :heart:

  • konata96b

    Anche io ho il death note e ci ho scritto vari volte dopo aver pronunciato codeste parole:
    ” Mass, mettiamoci pure lui!”
    quindi credo che a chi lo ci scrive in questo modo non ci sia nulla da rimproverargli quando l’ho detto a mio padre ha detto “strano che io non sia gi morto” insomma una ragazzata che si fa cos, tanto per…e poi chi nel suo intimo non ha mai desiderato la morte di qualcuno hehe!!

    invece se questo ragazzo ha scritto mezza scuola sul death note c’ da perouccuparsi non tanto per quelli citati su esso ma per il ragazzo che molto probabilmente si sente a disagio coi compagni o vittima di bullesmo… punire lui la cosa pi assurda che qualcuno potrebbe fare.

    In altri casi (non mi ricordo neanche pi se era in questo articolo) ho sentito che un death note stato trovato su una scena del crimine (anche se non ancora sicuro che il quaderno abbia a che fare con l’omicidio – non sono sicura fosse omicidio – )
    bh qua non c’ nulla da dire solo uno psicopatico come Light xD cmq, che se voleva uccidere qualcuno lo avrebbe fatto con o senza death note.

    allora io comunque non sono daccordo a classificare death note uno shonen perch anche se la obha ha dettp che era solo a scopo di intrattenimento c’ da tenere di conto anche l’opinione dei lettori perch altrimenti tutto potrebbe essere considerato shonen o shojo se si parte dal presupposto che tutti lo vedono semplicemente come un “fumetto in cui succede questo e questo” e poi bona ma invece la maggior parte della gente in death note vede molto di pi di questo e questa mi sembra una cosa di cui la obha dovrebbe tener conto e di cui oltretutto dovrebbe essere orgogliosa perch ha colpito nel profondo molte persone!!