Reply To: BLEACH, DragonBall, HxH, Naruto, One Piece, confronto tra Manga (ATTENZIONE SPOILER!)

#951954
meruz
Membro

Non voglio entrare nel merito della discussione, però voglio dire una cosa su questo: non vorrei che le presunte “pretese” di un manga fossero la scusa (non mi riferisco a te meruz, dico in generale) per utilizzare due pesi e due misure nei giudizi. Anche perché molte volte queste pretese non si capisce in cosa consistano: se un manga è più approssimativo e l’altro meno vuol dire che il primo ha meno pretese del secondo? Non può darsi che il primo abbia le stesse pretese ma che non riesca a soddisfarle alla stessa maniera del secondo? Come si fa a giudicare in maniera così inequivocabile un’intenzione?

Frasi come quella in grassetto rischiano di essere un po’ di comodo, perché in alcuni casi permettono di criticare la cosa che è fatta meglio ma allo stesso tempo di non criticare quella che è fatta peggio. Insomma, quello che sta alla base dei giudizi non obiettivi, dei fanboysmi vari e delle flame war.

Per me, il fatto di avere “pretese” da naruto è un pregio, un complimento che faccio al manga. Il manga, e le persone che vedo qui sul forum me lo fanno vedere sotto una luce per cui dire: “sì, è fatto bene, molto bene, è lineare e razionale ma può ancora migliorare!”.
Per one piece, beh, spero per oda che non abbia pretese di essere sempre totalmente chiaro :D, altrimenti bluclaudino (come anch’io eh) non sarebbe qui a chiedersi cos’è e da dove salta fuori asura, tanto per dire.

A parte questo, secondo me se Oda ti leggesse non ne sarebbe contento, perché quello che traspare dal tuo commento è che per seguire OP puoi anche spegnere il cervello: se le “imperfezioni” (visto che si parlava di “perfezione”, ma chiamiamoli anche difetti) sono una cosa su cui si può passare sopra è perché nel contesto generale dell’opera questo difetti non stonano. E credo che nessuno vorrebbe mai scrivere un’opera in cui i difetti non stonano. Oda di certo non l’ha fatto, perché è un bravo narratore.

Che poi si riduce tutto a questo: si parla di pretese dell’autore, ma non è che alla fin fine il problema sono le pretese dei lettori?

Se non fosse contento gli direi qualcosa tipo: “questo è per la saga di foxy!”. :asd:
Purtroppo non “stonano” secondo me, solo che non deve esser per forza un difetto. Cioè, se non fa vedere tutto uno scontro come parlavamo precedentemente, non mostra mai gli allenamenti, ecc. in 15 anni avrebbe anche potuto cambiare, ma credo a sto punto che lui voglia fare ciò. Provo a fare un paragone: in tutte le opere di leopardi traspare la sua inquietudine, il suo mal di vivere, e leggere qualcosa di pessimistico nelle sue opere , è un bene o un male? Non so, ma è così, se lo leggi lo apprezzerai, ma non per il suo approccio alla vita magari, ecco. 😀

Quello che vorrei dire è che ho sì, due metri diversi di giudizio, ma è un po’ come a scuola, con due ragazzi moooolto diversi che non si applicano, un professore può dover adoperare approcci diversi: uno lo sprona criticandolo, all’altro magari non fa pressioni perché sa essere inutili.

Che poi si riduce tutto a questo: si parla di pretese dell’autore, ma non è che alla fin fine il problema sono le pretese dei lettori?

Oh beh, può ben essere!

Comunque spero di non passare come tifante di qualcosa, quando al momento non “tifo” niente. 😀

ps: perdonami per i paragoni strampalati, ma dovrebbero rendere l’idea. 😀