USA: Mai più pacchi postali dal Giappone

di Echoes-Kun 6

Girando sul web trovo questa notizia che mi incuriosisce molto. Il paese della Libertà ritiene che in Giappone si trovi una cellula terroristica la quale colpisce attraverso i pacchi postali. Ecco perché gli Stati Uniti d’America non accetteranno più pacchi dal Giappone!!!

Il Japan Post, principale servizio di spedizioni postali del Giappone, ha ufficialmente dichiarato che, a tempo indeterminato, il servizio sarà sospeso per i pacchi di peso superiore a 16 once (circa 453 grammi O.O ) per timore di probabili attacchi terroristici verso gli U.S.A. Le limitazioni di peso servono ad evitare che possano essere inviate eventuali bombe verso il continente americano o alcuni pezzi necessari alla costruzione di una di esse.

C’è un però. Infatti questa costrizione sarà valida solo per le industrie più piccole e quelle minori, infatti per quanto riguarda le grandi catene e i prodotti di prima necessità non ci sarà nessun divieto.

Il tutto è nato da alcune piccole bombe nascoste all’interno di toner per stampanti, spedite dallo Yemen (a quanto pare da estremisti giapponesi), che hanno allertato il DHS (Department of Homeland Security) ossia il Dipartimento della Sicurezza Interna.

Ancora una volta l’America è salva e ogni americano può uscire per la strada e sentirsi sicuro perché i suoi soldi hanno permesso di apportare nuove misure di sicurezza. Il problema però rimane per quelle persone americane che abitano in Giappone e che devono inviare posta ai propri cari nel proprio continente natale.

Ora, io mi chi chiedo: È giusto questo divieto? Da una parte credo di sì, visto che al giorno d’oggi ordigni esplosivi possono essere inseriti in piccoli nascondigli e, anche se la loro carica è minore rispetto a una bomba vera e propria, possono comunque ferire o ridurre una persona in stato vegetativo. Ma proprio per questo bisognerebbe controllare i pacchi entranti in altre maniere, senza togliere niente a nessuno e senza rischiare troppo per la sicurezza del proprio paese.

Le altre domande che mi pongo sono: Quanto durerà questo divieto? E servirà davvero a qualcosa? Oppure questi “pseudo-terroristi” troveranno un’altra maniera per colpire? Li chiamo pseudo perché, anche se le bombe-toner sono arrivate dallo Yemen, non è detto che sia una cellula terroristica Giapponese.

Comunque il tempo ci darà tutte le risposte di cui abbiamo bisogno, e se così non fosse….bè….c’è sempre Google, no? :biggrin:

See Ya on KomixJam!

[Fonte Sankaku Complex]

  • niko

    PRIMOOOO…….BOOOOMMMM!!!!!!

  • Mila

    Per un attimo ho pensato che fosse per quella storia di quel tizio processato per “detenzione di manga e anime” che si era fatto spedire dal Giappone! XD
    Blocchiamo il problema alla fonte!

    Che fesserie! Poi magari dall’Iran, o gi di l, possono farsi spedire anche Daitarn3 tutto intero!!
    Ho capito che Pearl Harbor se la sono legata al dito… ma cavolo! Ormai i kamikaze non vengon pi dal Giappone!

    • Si, infatti…Dai paesi come Iraq e Iran arriva di tutto….e chiss quante cose illegali sono entrate negli USA…

    • brookie

      se gli USA hanno deciso di creare qst piccolo blocco alle societ giapponesi vorr dire che un rischio reale esiste. ma sopratutto perch probabilmente dalla parte nipponica nn ci saranno i controlli necessari che invece gli stati uniti fanno e qnd vogliono evitare ulteriori problemi.

      per qnt rigurada il fatto di spedire Daitarn3 dall’iran una cosa poco probabile perch molti paesi hanno gi attuato un embargo contro l’Iran. e tt i paesi sospettati di terrorismo sono accuratamente controllati negli states

  • Elijah

    -.- Che idiozia assurda… A parte l’esistenza possibile di cellule terroristiche in OGNI paese del mondo ma soprattutto esisteranno sicuramente metodi molto migliori piuttosto ad un parziale blocco delle importazioni… cosa che creer per entrambi i paesi un grave pericolo economico…. e diciamo che in tempi di crisi non proprio la cosa pi geniale…

    Probabilmente vorranno cercare di privilegiare qualche settore dell’economia interna, svantaggiando gli avversari nipponici :/

  • Elijah

    -.- Che idiozia assurda… A parte l’esistenza possibile di cellule terroristiche in OGNI paese del mondo, sicuro che esisteranno metodi pi efficaci ed efficienti piuttosto che un parziale blocco delle importazioni… cosa che creer per entrambi i paesi un grave pericolo economico…. e diciamo che in tempi di crisi globale non proprio la cosa pi geniale…

    Probabilmente vorranno cercare di privilegiare qualche settore dell’economia interna, svantaggiando gli avversari nipponici :/