Sentry – Archivi Marvel (15)

di Manuel 4

[Quindicesimo appuntamento con gli archivi dei personaggi Marvel e stavolta parliamo del più potente supereroe dell’universo creato -e non- creato dalle menti dietro la Casa Delle Idee. Immergiamoci nel mondo della Sentinella o meglio, Sentry]

Difficilmente un personaggio di carta, nato e vissuto esclusivamente su quel mezzo, abbia ripercussioni così clamorose anche nella vita reale.

Durante questi anni numerosi sono stati i personaggi che con una certa popolarità antecedente, hanno affrontato la vita reale (con i marvel movies) ed hanno influenzato bene o male tutta la cultura occidentale (e non, basti pensare alle varie incarnazioni orientali, non solo giapponesi, dei supereroi con superpoteri).

Ma mai un personaggio ha generato così tante discussioni come Sentry e tutto per merito dell’ex editor-in-chief di Marvel, Joe Quesada che approfittando delle origini confuse e affascinanti nel supereroe (nato ufficialmente nel 2000 dall’estro di Paul Jenkins e Jae Lee) lasciò trapelare la falsa notizia che Sentry era un personaggio originale del Generalissimo Stan Lee, antecedente anche al primo fumetto in assoluto dei Fantastici 4 del 1961 e abbandonato tra le idee abbozzate del creatore di Casa Marvel.

A confermare tale notizia fu il quantitativo di immagini e striscie create con la tecnica in uso in quegli anni, che aumentarono a dismisura la folle ricerca dei collezionisti del Primo Supereroe della Storia di Marvel.

Sentry è stata tutta un’immensa bufala da questo punto di vista ma…resta (fino a un anno e mezzo fa almeno) il più forte supereroe esistente nel Marvel Universe.

Come ti creo una Sentinella

Robert “Bob” Reynolds non è che l’ennesimo studente irresponsabile e sbandato del mondo, non sembra avere grandi ambizioni se non quella di ubriacarsi e drogarsi, provando di spingersi sempre più al limite dell’umana concezione, come se non bastasse possiede anche incurati disturbi psichici che lo affliggono.

Assieme ad un compagno di vandalismo, Bob penetra una notte in un laboratorio scientifico alla vana ricerca di droghe sintetiche che il duo pensava che il laboratorio preparasse.

L’unico elemento che però rassomiglia a qualche tipo di sostanza allucinogena è un preparato che Bob beve senza curarsi degli effetti.

Solo anni più tardi Robert scoprirà che il siero che ha ingerito non è altro che quello stesso preparato che trasformò un soldato qualunque in Capitan America (Steve Rogers) e che in quel laboratorio si stava ottimizzando il siero per renderlo un milione di volte più potente e un milione di volte più adattabile all’organismo umano.

Sta di fatto che Robert si scopre dotato di poteri straordinaria, non solo una super-forza ma anche una capacità di volo e agilità e riflessi sovrumani (più altre che lui inizialmente non scopre).

Dopo avergliela fatta pagare al teppista della scuola che l’aveva per anni tormentato, Bob si prepara un costume nella miglior tradizione e si crea un nome di battaglia: Sentry, Sentinella.

Troppi supereroi da queste parti?

La sua nascita come eroe che vigila sugli innocenti arriva poco tempo prima dell’ingresso in scena del quartetto più famoso di Manhattan, i Fantastici 4 che si rivelano dopo qualche tempo che Sentry è attivo.

Con una rapidità impressionante, Sentry vede attorno a se’ fiorire numerosi altri supereroi, un uomo in armatura che si fa chiamare Iron Man (Tony Stark), un dio del tuono che si chiama Thor, uno scienziato che quando si infuria diventa verde e parla in terza persona chiamandosi Hulk (Bruce Banner) ed un giovane ragazzo del Queens che con addosso una tuta rosso-blu si fa chiamare Uomo-Ragno (Peter Parker).

Quasi immediatamente Sentry identifica in Peter Parker il supereroe con la forza proporzionale di ragno e promettendo di non rivelarla a nessuno, Sentry diventa un modello ispiratore del ragazzo.

Al pari di questo, la sua incredibile forza gli permette di confrontarsi e calmare spesso la furia devastatrice di Hulk, diventa un alleato della neonata squadra degli X-Men del professor X (Charles Xavier) e con la sua spontaneità, diventa un ottimo amico del leader dei F4, Mister Fantastic (Reed Richards).

Combatte contro i nemici giurati di questi come il Dottor Destino (Victor Von Doom) o con l’aiuto degli X-Men, contro il suo più acerrimo nemico: il Generale.

Durante questo brillante periodo Sentry sposa il suo amore eterno, Lindy e prende un giovane supereroe come sua spalla, com’era di moda in quegli anni, inoltre costruisce a Manhattan la WatchTower, la sua abitazione/base segreta  ma tutto questo ha una fine.

Void

La fine di Sentry coincide con la scoperta del suo più grande nemico: se lui è tutto il suo nemico è il niente, il vuoto, Void.

Void è un mostro d’ombra e riesce nell’intento di sconfiggere Sentry indirizzandogli contro le sue più antiche paure, porta Hulk alla rabbia scatenandosi su innocenti e porta alla morte di quasi un milione di persone a Manhattan.

Sentry tenta più volte di sconfiggere l’avversario ma incapace di combatterlo tenta di scoprire da dove viene, scopre solo una cosa: Void è lui stesso.

Void & Robert Reynolds

E’ l’essere oscuro generato dai suoi stessi poteri, è il suo alterego malvagio e come lui, può causare l’apocalisse sulla Terra con i suoi poteri.

Il mondo intero è in pericolo e Sentry disperato chiede aiuto contemporaneamente al Dottor Strange (Stephen Strange) e Reed Richards di creare un artefatto tecno-magico che possa cancellare nella mente di tutta la popolazione mondiale (compreso lo stesso Sentry) il ricordo dell’eroe, i suoi poteri e tutto il suo passato.

La magia e la tecnologia hanno effetto ed il mondo si scorda di Robert Reynolds alias Sentry.

Con la scomparsa dell’eroe, anche l’antieroe viene a mancare.

Frammenti di Passato

Tutto ciò che è accaduto finora, Robert Reynolds non lo ricorderà mai del tutto.

Gli anni si succedono e gli eroi maturano, evolvono e vengono creati e abbandonati nel lungo processo di evoluzione della società supereroistica.

Bob Reynolds dopo anni di pace, improvvisamente inizia a ricordare la sua vita passata, parzialmente oscurata dalle macchinazioni create da lui stesso.

Con la ricomparsa di Sentry, anche Void ritorna e comincia in maniera ancora più violenta, a manifestarsi nel mondo.

Con la memoria ancora confusa, Reynolds incontra tutti i supereroi più potenti della Terra chiedendo aiuto e spiegazioni, man mano che Bob parla a loro, i loro stessi ricordi rimossi affiorano ed in poco tempo Peter Parker, Reed Richards, l’x-man Angelo (Warren Worthington III) scoprono come Sentry abbia, in passato, alimentato le loro vite e ispirato le loro azioni.

L’unico essere che pare ricordare fin da subito Sentry è Hulk (l’effetto funzionava solo con Bruce) che chiama l’eroe “Uomo Dorato” e ricorda perfettamente come lo avesse ispirato ad agire per il bene, ricevendo l’adorazione della popolazione.

La sua presenza sulla Terra porta anche nelle persone qualunque un minimo ricordo della traccia di Sentry ed improvvisamente, riappare Billy Turner, colui che faceva da spalla a Sentry in passato.

Uniti contro il vuoto

Void intanto scatena la sua furia violenta contro l’Europa distruggendo numerosi elementi dello SHE, la lega dei supereroi europei e una volta soddisfatta la sua brama di distruzione torna a Manhattan in cerca del suo nemico e gemello.

Gli amici supereroi di Sentry si coalizzano contro il nemico ma vengono sconfitti uno dopo l’altro, Reed ha una sola possibilità di sconfiggere Void e cioè far ricordare a Sentry il modo con cui in passato Void è stato sconfitto.

Dopo alcuni momenti di terrore, Sentry ricorda finalmente ogni cosa e scoprendo la sua duplice natura fa riapparire Watchtower in piena Manhattan.

La Watchtower sopra la torre dei vendicatori

Quest’azione annulla i poteri di Void che vengono attenuati fino a scomparire, fondendosi con la sua parte buona.

Robert sente di avere il potere di cancellare nuovamente il ricordo di se nel mondo e così fa ma per qualche oscuro motivo, l’oblio dura pochissimo e la gente ricomincia a pensare a Sentry.

Rinchiuso per sua volontà

Per un breve periodo Robert vive nella Watchtower o nel suo paese natale ma viene ossessionato dall’idea di aver ucciso la moglie Lindy nel primo incontro/scontro con Void.

Incapace di tollerare la sua libertà dopo questo omicidio chiede allo S.H.I.E.L.D. di Nick Fury di imprigionarlo in un luogo sicuro.

Il carcere Raft

Tenere un supereroe che può manipolare la realtà a suo piacimento possibilmente sotto chiave è il sogno di Nick Fury che accetta subito e spedisce Robert al Raft, la prigione di massima sicurezza fuori Manhattan per supercriminali.

Evasione

Electro (Max Dillon) organizza per conto di misteriosi gregari, un’evasione dal Raft e scatena un black-out che provocherà l’uscita dalle celle di un numero impressionante di supercriminali.

Riuniti per esigenza o per puro caso ci sono Daredevil (Matt Murdock), la Donna-Ragno (Jessica Drew), Luke Cage, Capitan America e l’Uomo-ragno che si ritrovano fra le mani l’evasione più clamorosa della storia.

Matt Murdock con il suo assistente Franklin Nelson giungono davanti alla cella di Robert poco prima del black-out che libera i vicini di cella dell’eroe: Hydroman (Morris Bench) e Carnage (Cletus Kasady).

Solo le parole gentile di Franklin e l’accorata richiesta d’aiuto degli eroi fa uscire Sentry dal torpore della cella e fa riemergere il suo lato supereroico che si manifesta contro l’alieno Carnage che viene portato nello spazio dall’eroe e spezzato in due.

Sentry & Carnage

Risolta l’evasione, Iron Man sente di dover ricostituire i Vendicatori e richiama tutti quelli che erano presenti durante l’evasione del Raft, ma Sentry rifiuta e si rifugia nel deserto, in rigoroso silenzio e isolamento.

Rimane comunque sorvegliato dall’agenzia di Fury che teme un altro caso Scarlet (come in House of M).

Raptus di follia

Durante la sua permanenza nel deserto Sentry inizia ad avere visioni disturbanti, i Vendicatori scoprono sul suo conto che il mutante Mastermind (Jason Wyngarde) per conto del nemico giurato di Sentry, il Generale, ha impiantato un virus mentale nella coscienza del supereroe facendolo deprimere ed allo stesso momento, facendogli credere di essere una persona repressa e debole.

La vita che ricorda Robert, diventa confusa e come un grido d’aiuto inconscio, trasferisce tutti i suoi ricordi in un’altra persona del mondo: Paul Jenkins il suo creatore nella vita reale che con questi ricordi, inizia ad imprimere sulla carta, proprio il fumetto ed il personaggio di Sentry in una distorsione tra realtà e fantasia.

Emma Frost con i suoi poteri riesce a liberare Sentry dall’induzione del virus  e Bob, felice di aver riacquistato un po’ di senno decide di unirsi ai Vendicatori scoprendo inoltre da Tony Stark che non ha mai ucciso la moglie ma la sua mente aveva alterato gli eventi, Lindy Reynolds è ancora viva e desiderosa di abbracciare il marito.

Con il ritorno in scena di un Sentry lucido, riappare Watchtower sulla cima della Stark Tower a New York.

Sentinella Vendicatrice

La sua attività come vendicatore Sentry la guadagna giorno dopo giorno con molta soddisfazione. Ritrona ad essere un eroe in brevissimo tempo e la folla lo acclama come “Il guardiano dorato del bene“, tuttavia nel cuore di Robert giace una profonda depressione ed un disordine schizofrenico perché gli è impossibile unire nel suo corpo tre personalità distinte: Robert Reynolds, Void e Sentry.

Lo psichiatra di Bob, il dottor Cornelius Worth è preoccupato di questa profonda dissociazione tanto che chiede al supereroe di potersi confrontare con lui nel luogo dove viene trattenuto Void: in una camera blindata nella WatchTower, al suo ingresso il dottore trova però ad attenderlo solo una sedia ed uno specchio.

Sentry sedendosi su quella sedia e riflettendosi allo specchio vede Void, ennesima prova della sua dualità.

Al confronto con lo psicologo, Sentry cede e si dirige immediatamente nel luogo dove tanto tempo prima, ha ottenuto i suoi poteri.

Cornelius segue l’eroe nel luogo dove inoltre Sentry e Void hanno combattuto e lì il guardiano dorato cede e rivela al dottore come avesse intenzionalmente creato Void con i suoi poteri per mostrare inconsapevolmente i suoi difetti al mondo.

In realtà Reynolds non si dovrebbe trasformare in Sentry bensì nel suo alterego oscuro, la figura di Sentry è solo una manifestazione del senso di colpa generato dalla creazione del vuoto esteriore, di Void.

Metà ricordi del passato sembrano essere in possesso di Sentry mentre l’altra metà resta in mente a Void, incapaci di collegare tutti i fili della loro esistenza, nessuno dei due può esistere senza l’altro che lo sostiene.

Cornelius viene quindi a conoscenza del modo con cui Robert Reynolds ha ottenuto i suoi poteri e si fa rivelare dallo stesso supereroe come Void non è mai stato rinchiuso nella camera blindata della WatchTower ma solo il pensiero che lo fosse, aveva permesso a Sentry di tenerlo a bada dentro di se.

La battaglia finale con Void avviene in Antartide, dove Void ha segretamente creato la sua base, il nascondiglio (opposto della WatchTower) e dove egli stesso rivela alla sua personalità opposta di come il siero ingerito quel lontano giorno fosse una versione potenziata di quello che donò a Capitan America i suoi poteri, diversi tentativi da parte del governo hanno tentato di fare la pelle a Sentry (tra cui il Generale, nemico assoldato in passato dallo stesso governo USA) perché temevano che tramite il suo sangue, si potesse replicare all’infinito il terribile siero sperimentale.

Infuriato da queste rivelazioni (e dall’ammissione di Void di voler diffondere il siero solo per portare il caos) Sentry scinde se stesso in due parti e lancia Void contro il sole ordinandogli di scomparire per sempre perché non ha più bisogno di lui per essere bilanciato.

Void promette, prima di scomparire sulla stella, di ritornare.

Civil War

Scoppia la guerra civile tra i supereroi, Bob in seguito ad un’altra caduta psicologica che lo porta all’assalto di numerosi obbiettivi nemici viene salvato da Iron Man e questo salvataggio porta in Robert una promessa d’onore da rispettare nei confronti di Tony Stark.

Risultato: Sentry si unisce al gruppo pro-registrazione dei supereroi ed affianca lo S.H.I.E.L.D. in numerose missioni per catturare gli eroi non registrati presso il governo, uno di quelli più significativi è Wolverine (James Howlett) il quale si stupisce di vedere il compagno eroe dalla parte “sbagliata” della barricata, Sentry ribadisce che non ha avuto scelta, vuole cambiare le cose negative anche se è costretto a far parte lui stesso delle cose cattive.

Sentry Vs. Wolverine

Sconfitto Wolverine, Sentry lo consegna all’agenzia di Maria Hill.

Si ritira dalle grandi battaglie della Guerra Civile perché fermamente convinto che qualunque azione intraprenda, essa porterà alla morte i suoi amici e compagni, ancora riluttante all’idea di combattere il supereroe viene messo alle calcagna degli Inumani e del loro Re-Dio Freccia Nera (Blackagar Boltagon) che inizialmente lui ritiene una minaccia perché decisamente convinti a non approvare il Superhero Registration Act.

Dopo un’accesa discussione sugli eventi e la morale della civil war, Sentry e Freccia Nera ritornano in ottimi rapporti, il supereroe abbandona l’incarico di sorveglianza del popolo inumano e nonostante la sua indecisione, Iron Man recluta Sentry nel suo team.

Nuova formazione di Vendicatori

Iron Man, vinta la guerra civile su Capitan America, crea una nuova squadra di Vendicatori registrati che chiama Potenti Vendicatori.

Sentry viene inserito nel gruppo e Ms. Marvel (Carol Danvers) si offre per aiutare il supereroe nelle sue confusioni mentali, rese difficili dal rifiuto della moglie di vedere il marito nelle fila dei Vendicatori.

Celebrato come il supereroe più potente mai assoldato nel supergruppo, Sentry manca però di autocontrollo e “dosaggio” della forza e sono molte più le occasioni nel quale si scusa per i danni che provoca, che si congratula con il gruppo per l’ottimo lavoro eseguito.

I Potenti Vendicatori si ritrovano tra le mani un nuovo attacco da parte dell’automa Ultron in forma femminile stavolta, con le fattezze di Janet Van Dyne (Wasp) del quale l’automa è innamorato.

Assorbito Iron Man, Sentry si confronta con l’essere e sopre d’essere alla pari con lui. Incapace di sconfiggere il supereroe Ultron utilizza il piano B: uccide Lindy Reynolds alla Watchtower.

Infuriato Sentry combatte senza sosta contro Ultron, quasi rovinando il piano degli altri Vendicatori che portano fisicamente dentro il corpo metallico di Ultron un virus grazie alle capacità di miniaturizzazione di Ant-Man (Hank Pym).

Ultron Vs. Sentry Vs. Ms Marvel

Sentry viene scacciato sia da Ares, dio della Guerra, sia da Ms Marvel ma la sua furia si placa (con il rischio di far ricomparire Void) solo quando Ultron viene distrutto.

Sconsolato e distrutto mentalmene, Robert torna alla Watchtower e con sorpresa scopre sua moglie ancora viva e vegeta, resuscitata dal potere e dalla volontà di Sentry stesso.

Terrorizzata dalla cosa, Lindy chiama Tony Stark e gli chiede una cosa: trovare un modo di depotenziare suo marito, oppure trovare un modo per ucciderlo.

World War Hulk

Hulk ritorna dall’esilio forzato ordinato dagli Illuminati nello spazio carico di rabbia contro chi lo ha spedito in un lontano pianeta e poi, apprentemente, ne ha ucciso gli abitanti con un ordigno esplosivo caricato sulla navicella.

Tony Stark e Reed Richards chiedono aiuto a Sentry il quale, dopo un combattimento con il Dottor Destino, ha deciso di chiudere temporaneamente con le missioni da Vendicatore ma il supereroe si rifiuta perché agorafobico e terrorizzato dall’idea di uscire di casa.

Hulk diventa sempre più forte e dopo aver sconfitto Freccia Nera ed Iron Man si incammina verso il Baxter Building alla ricerca del dottor Richards che intanto con l’aiuto dei F4 innesca un piano per calmare il golia verde.

Viene proiettata un’aura calmante proveniente dal corpo di Sentry addosso al gigante che subito sembra cascarci ma poi, scoperto l’inganno sconfigge Reed e mette in ginocchio anche la Torcia Umana (Johnny Storm) e La Cosa (Ben Grimm).

Anche il Presidente degli Stati Uniti, terrorizzato dal dominio di Hulk su New York, implora Sentry di intervenire per fermarlo ma ancora una volta, Robert si rifiuta di uscire di casa.

World War Sentry

Hulk organizza un torneo di gladiatori tra gli Illuminati che ha catturato e proprio quando sta per obbligare Reed ad uccidere Tony Stark, Sentry rinsavisce e parte verso il Madison Square Garden.

Il combattimento tra i due è devastante e rischia di far sprofondare Manhattan, la potenza che i due scatenano è tremenda e arriva al punto di non ritorno: Sentry perde quasi del tutto il controllo e minaccia il ritorno di Void, Bruce Banner (rimasto nella coscienza di Hulk) è costretto ad arrendersi per evitare che la Terra venga distrutta.

Alla fine la minaccia verde viene scongiurata dallo stesso Bruce che si offre allo S.H.I.E.L.D. dopo aver “scaricato” completamente la furia di Reynolds che lo ringrazia per il gesto.

Secret Invasion

Nuovi Vendicatori e Potenti Vendicatori si radunano insieme nel punto di atterraggio di una navetta spaziale Skrull, nelle Terre Selvagge.

Sentry si confronta con una copia dell’androide Visione che però si trasforma subito dopo in Void ed accusa Sentry di aver generato questo assalto Skrull. Preso dal panico, Sentry fugge via.

Alla Watchtower intanto una flotta di Skrull aggredisce l’edificio e l’intera New York, Lindy rimasta da sola alla base viene aggredita dagli alieni che però vengono distrutti dall’arrivo di Void che appare improvvisamente per difenderla, informandola che Reynolds non può difenderla è che qualunque cosa Sentry non può fare, lui la può fare!

Oscuri Vendicatori

Risolta la crisi della regina Veranke e dell’assalto degli Skrull, l’intera gestione della comunità supereroistica registrata passa al salvatore della situazione Norman Osborn.

L’ex goblin (ma anche attuale in gran segreto) sente di poter comprendere i disagi mentali di Sentry e gli offre aiuto e protezione in cambio della sua presenza nelle fila dei nuovi vendicatori che da tutti vengono chiamati Oscuri.

Dark Avenger

Una delle prime missioni dei nuovi vendicatori “ufficiali” vede il confronto con Morgana Le Fay, eterna nemica dei maghi e degli stregoni passati e presenti.

Sentry si confronta con la donna uccidendola ma essa riappare poco dopo e distrugge il supereroe, sconfitta la strega solo con la magia e l’aiuto di Von Doom, gli Oscuri Vendicatori tornano a New York e trovano ad attenderli proprio Sentry, vivo e vegeto.

Norman è felice ma Bullseye (con la divisa di Occhio-Di-Falco) ammette che Sentry è uno di quei supereroi dai quali non ci si può aspettare nulla di buono, visto il terribile potere che sembra possedere.

Intanto una cellula terroristica dormiente affiliata ad Atlantide attacca il territorio americano, Sentry viene mandato da Osborn ad eliminare la minaccia e mentre, con assoluta facilità, l’eroe elimina i suoi avversari, i suoi occhi anneriscono e testimoniano il ritorno di Void all’interno del corpo del guardiano dorato, l’atlantideo sopravvissuto per testimoniare davanti alle telecamere verrà poi sbranato da Venom (Mac Gargan).

Scoppiano i disordini a San Francisco e gli Oscuri vengono mandati a contenere la situazione contro gli X-Men, vengono incalzati anche i Dark X-Men di Osborn e di Emma Frost che però vede nella mente di Sentry l’affiorare incessante di Void.

Decide di intervenire e cerca di spostare mentalmente Void lontano dalla battaglia per evitare vittime innocenti, una scheggia dell’essere però finisce nella mente di Emma che deve diventare diamante per poter contenere l’enorme quantitativo di potere oscuro, Void passa poi a Ciclope (Scott Summers) che però dopo anni passati al fianco della più grande telepate del mondo (Jean Grey) riesce a contenere il potere di Void ed intrappolarlo in una prigione mentale dentro di se.

Risolti i conflitti, Sentry ritorna alla Watchtower e si fa sparare addosso da Lindy, sempre più terrorizzata dal marito.

Il patto

La presenza di Void continua inesorabile fino al giorno in cui Sentry si confronta direttamente con il suo doppio, al suo ritorno a New York però è Void a possedere completamente il corpo del supereroe che viene usato per distruggere New York.

Void e Lindy Reynolds

Iron Patriot (Norman Osborn) lo blocca convincendolo che così facendo, sta infrangendo il patto che ha segretamente stipulato con lui e non con Sentry: il patto di lasciarlo libero di fare ciò che vuole, quando Osborn avrà il mondo intero ai suoi piedi.

Osborn chiama Void “Arma Segreta” e gli promette che Lindy e l’influenza che ha su Robert Reynolds, sarà uccisa.

Assedio

Sentry come tutti i militanti del Dark Reign di Osborn, prende parte all’assedio di Asgard, ultima roccaforte rimasta in piedi dalla campagna di possessione del goblin.

La furia devastante di Sentry mentre combatte con gli asgardiani e con i supereroi intervenuti per la battaglia finale fa affiorare Void che prende possesso del corpo nuovamente e aggredisce tutti, compagni e non.

Sentry Vs. Ares

Dopo aver massacrato Ares, Sentry si rivolge contro Thor che viene quasi battuto.

Osborn intanto cade in trappola e rivela in mondovisione di essere ancora lo psicopatico Goblin e di più, ammette che l’assedio ad Asgard, come tante altre campagne promosse come “difensive” siano in realtà mire per il suo dominio personale.

Distrutto pubblicamente Osborn, gli eroi si coalizzano contro Void, nel caos completo Loki, rimasto dalla parte di Osborn fino a quel momento capisce di aver liberato un male troppo grande e soccorre i suoi avversari contro Void che però lo intercetta e lo fa a pezzi.

Iron Man manda addosso all’uomo l’intero Helicarrier S.H.I.E.L.D. rimasto dormiente dopo lo smantellamento dell’agenzia, così facendo Void viene allontanato e rimane solo Bob Reynolds al suolo.

Void

L’uomo implora gli eroi di ucciderlo in forma umana prima che Void ritorni, ammette che ormai Sentry non può più esistere e scongiura tutti di porre fine alla sua vita.

Thor però non vuole concedergli questo dono e vuole che Void sia processato per i suoi crimini ma prima di poter dire altro Void ritorna e prende nuovamente il controllo del corpo.

Capendo di non poter fare altrimenti, Thor scaglia un fulmine sul corpo di Bob e lo fulmina sul colpo, eliminando il corpo sul quale Void e Sentry si poggiavano, cancellando l’essere dall’universo.

Lo stesso Thor porterà il corpo esanime dell’eroe vicino al sole e lo guarderà mentre brucia, in perfetto funerale vichingo.

La fine?

Durante la cerimonia di commemorazione del supereroe più potente dell’universo, il maggiordomo meccanico di Sentry alla Watchtower, CLOC, consegna a Reed Richards il diario di Robert e lo istruisce su come leggere il capitolo finale di pagina diciannove, cosa vi sia contenuto all’interno, Reed non lo ha ancora detto.

La fine di Sentry

Di Sentry rimane solo una porzione del suo alter ego malvagio Void, confinato in una zona della mente di Ciclope e la Watchtower, edificata in un luogo segreto per quanto Sentry, apparentemente come sempre, ritornerà in vita.

  • Fabius Bile

    Grazie, bel riassunto!

  • Franky

    Ben fatto!

  • Logan_alle_Hawaii

    non ho mai apprezzato molto il personaggio, a partire dalla sua ideazione forzatissima al creare un personaggio praticamente invincibile che per essere utilizzato lo hanno dovuto rendere un idiota e poi psicopatico…
    anche la morte l’ho trovata poco veritiera ma almeno ha permesso per un periodo di togliercelo dalle scatole…certo ad uno col potere del sole buttare il cadavere nel sole non ha proprio cosi tanto senso…

  • ego

    ho letto solo ora l’articolo,e dite che era il più forte…e adesso chi è il più forte?