Red – Scende in campo la nuova generazione DC Comics

di Manuel 3

Eccomi qui a tempo di record forse inaspettatamente per colmare un vuoto, una lacuna ma anche per non lasciare gli affamati lettori di KomixJam a stomaco vuoto.

Anche se questo articolo può considerarsi un piccolo riempitivo non per questo deve essere scarno e privo di ogni qualità perciò non vi faccio perdere altro tempo e nelle prossime righe vi spiego il perchè del titolo e cos’è questo fantomatico Red di cui parlo.

Se non lo avete capito già dall’immagine a testa dell’articolo il Red di cui parliamo oggi è un film ma non solo, è infatti una trasposizione fedele (a quanto sembra) di un’opera fumettistica omonima iniziata nel 2003 e conclusasi nel 2004 ad opera di due GURU del panorama fumettistico: Cully Hamner che i più non conosceranno di nome ma che ha firmato moltissime storie di supereroi tra cui cito Daredevil, Capitan America, gli X-Men, Lanterna Verde e Silver Surfer. Gli sforzi creativi di Hamner sono dipinti dal riconoscibile tratto di Warren Ellis storico uomo legato alla figura degli X-Men ma a moltissimi altri personaggi ed eventi del Marvel Universe, insomma una garanzia di qualità visiva.

I due hanno confezionato quindi 3 volumi sotto l’etichetta WildStorm (perciò parliamo della DC Comics) mostrando al mondo la storia piena di azione, sparatorie e spionaggio governativo di Red.

Il red del titolo è una sigla che sta ad indicare il protagonista della storia: l’acronimo sta per “Retired, Extremely Dangerous” ovvero quello che è Frank Moses per il suo governo: gli USA (ovviamente!).

La copertina del primo volume di RED

Frank Moses in realtà è un ex-agente della CIA, ritirato in un tranquillo paesino sperduto e senza più contatti con l’agenzia federale ma un bel (!!!) giorno un gruppo di tre persone irrompono in casa sua per fargli la pelle, Moses riconosce nella tattica e nell’equipaggiamento delle tre persone lo zampino della stessa agenzia che lo aveva accolto tra le sue fila, la dichiarazione di guerra a Moses viene mossa dal nuovo direttore della CIA in persona che scoprendo il fascicolo su di lui, è talmente impaurito che quelle informazioni possano essere rivelate al mondo da costringerlo a cancellare ogni traccia di Frank Moses…tra cui lo stesso Frank.

Capendo di avere il governo alle calcagna, Frank riunisce la sua vecchia squadra ormai disciolta e parte per un’ultima missione, quella per sopravvivere a quelli che gli avevano dato un lavoro.

Nonostante tutto possa apparire un “già visto” infinito le premesse per un ottimo spy-story ci sono tutti, l’opera fumettistica ha ricevuto il plauso della critica e siccome parliamo di un genere sempreverde al cinema, le premesse per un buon successo al botteghino ci sono tutte.

Red quindi non si è mai voluto imporre in nient’altro che un ottimo action shooter dove sono più le pallottole disegnate che le battute inchiostrate, forse anche questo ha contribuito a trasporlo efficacemente in una pellicola uscita da poco negli USA (e già al 2° posto del botteghino).

Il film ha il pregio di un enorme cast di stelle tra cui il protagonista Bruce Willis, Morgan Freeman, John Malkovich, Helen Mirren, Karl Urban, Brian Cox e molti altri ma soprattutto il pregio di non prendersi troppo sul serio, calcando molto anche sulla commedia involontaria (e volontaria) del film senza tuttavia diventare una commedia demenziale dove si spara.

Per gli amanti poi dell’emoglobina il film promette di mantenersi fedele agli standard del fumetto, basterà due giri su internet per vedere alcune tavole ed essere sollevati dalla dichiarazione.

La produzione del film è stata tra le più sofferte per una pellicola: in realtà un accordo prevede tutt’ora che i film targati DC Comics escano sotto la produzione della Warner Bros. ma la decisione irremovibile dei produttori di non finanziare il film ha costretto i pochi sostenitori a cercare altre case di produzione, per molto tempo invano fino all’arrivo alla porta della Summit Entertaiment (e qui il trash sale ad altissimi livelli: la stessa casa di produzione della serie Twilight) che ha creduto e crede tutt’ora (con OTTIMI risultati!) nel progetto.

Il Frank Moses cartaceo

E’ il secondo film più costoso per la casa di produzione (il secondo è Twilight: Eclipse) e come dimostra il botteghino ad oggi è decisamente sul punto di ripagare del tutto la casa che ha creduto in lui, vedremo se anche da noi avrà un buon riscontro di pubblico: in Italia uscirà sotto il marchio Medusa.

In chiusura un ultimo appunto mi piacerebbe farlo e mi rivolgo a chi sarà interessato all’articolo ed al film in generale: questo prodotto rappresenta un’opera fumettistica creata sotto l’etichetta della DC Comics in tempi recenti (si parla del 2003)  in un contesto editoriale dove i personaggi erano stati creati da principio in tempi ormai lontani (Superman è del ’38 Batman del ’39).

Questo, che io ricordi, è il primo esordio della NUOVA GENERAZIONE della DC Comics e sta promettendo bene a pochi giorni dalla sua uscita: che DC abbia finalmente estratto….le armi giuste per controbattere al colosso filmico imposto dalla Marvel? Che ne pensate? Andrete a vederlo Red nel freddo pomeriggio di una giornata invernale?

Per oggi è tutto dal vostro Leunam86 AKA Manuel

-Hail To The HypnoToad-

[Fonte: Badtaste]

  • Andrea

    Ma certamente! Sembra bello, spero soltanto che oltre a sparatorie e battutine stile “Arma Letale” ci sia di pi :)

  • Shin

    Ma da quanto ho capito, non uscir nelle sale europee :ninja:

  • Veramente bello questo film, l’ho visto in inglese e non vedo l’ora di vederlo al cinema doppiato. Intanto adesso hanno pubblicato il trailer in italiano: http://www.filminuscita.info/cinema/98art_Red-il-trailer-italiano.aspx