Planet Red Hulk – Non c’è mai fine alla vergogna

di Pdor figlio di Khmer 13

Avete presente il Generale “Thunderbolt” Ross, quel simpatico stratega baffuto che odiava con tutto il cuore i “Gamma Monsters” e specificamente Bruce Banner? Sì, quello che, in seguito ad orribili storylines,  è diventato lui stesso un Gamma Monster (Red Hulk, appunto), si è alleato con chiunque simultaneamente, le ha date ad un po’ di gente e poi le ha prese con gli interessi, è inseguito costantemente dall’esercito (ironicamente, proprio dal suo successore, General Fortean) e ora collabora (fa il soldatino) con Steve Rogers?

Ecco, proprio lui.  Partendo da personaggio potenzialmente “vincente” (nel cuore dei fan) ed arrivando ad essere uno dei più odiati (il Generale Ross?!?! Sarebbe come se Ben Parker si scoprisse vivo e fosse l’Hobgoblin!), qualcuno alla Marvel ha deciso di voltare pagina e cambiare la situazione ed il modo in cui Red Hulk viene visto dai lettori: perché avere un personaggio odiato, quando può essere davvero TANTO odiato?

Ecco che abbiamo una saga totalmente originale e dal titolo particolarmente innovativo: Planet Red Hulk (in Hulk #35), in arrivo il 15 giugno direttamente nel nostro cestino di fiducia (della carta, così almeno aiutiamo l’ambiente, un Hulk alla volta). Sì, avete capito bene, la stessa idea sarà riciclata per un personaggio fondamentalmente simile. La prossima serie cosa sarà, Thor: The Clone Saga? O Johnny Storm: The Best There Isn’t? (queste due le possono apprezzare solo chi segue da vicino le epopee Marvel)

Ora, già Planet Hulk non ha convinto molti fan e la saga successiva, World War Hulk, anche meno. Per non parlare di Fall of the Hulks, con l’inserimento della Hulks Family (dov’è finito quel tenero ed animalesco bruto verde che gridava “lasciate Hulk da solo” prima di saltare oltre l’orizzonte?). Vogliamo davvero ripercorrere la prima tappa di una lunga discesa con un personaggio sicuramente meno amato del cugino verde pisello?

Questa fantastica idea è partorita dalla mente di Jeff Parker e disegnata da Carlo Pagulayan. Continuate così, ragazzi, tutta la DC fa il tifo per voi!

Ed ecco a voi un po’ di immagini random dove, con Photoshop, hanno sostituito il verde con il rosso.

Già, perché non abbiamo mai visto niente del genere
Ooooh, degli alieni umanoidi con una tonalità di pelle strana, questa è nuova!
Ovviamente c'è una guerra in corso e Rulk sceglierà uno schieramento (possibilmente i perdenti)
Botte da orbi
Altre botte da orbi. Tanto non è che leggessimo Hulk per le battute divertenti, no?

[fonti | ign]

Ps: secondo voi è più ridicola quest’idea o il tour leggermente iper-patriottico a stelle e strisce di Superman per riscoprire i valori americani (Truth, Justice and Wearing Underwear Over Pants)? Fatemi sapere i vostri pareri!

  • Hitchcock

    mmm ok, hulk rosso combatte insieme agli Avatar? perch diciamocelo, non si sono sprecati con l’originalit del character design…

  • Chris07

    Alla Marvel non sanno pi cosa inventarsi!
    Comunque Thor:The clone saga siamo arrivati vicini a vederla durante Civil War,potrebbe anche essere che un giorno la ritirino fuori…al peggio non c’ mai fine!

  • Morzan

    La Marvel mi ha stufato.
    A parte che non sanno tirare fuori una storia originale che sia una (basta vedere Fear Itself, identico a Blackest Night della DC, oppure Siege che non aveva nemmeno una storia definibile tale).
    Ora le uniche due serie che sto seguendo sono Venom e Carnage, ma mi aspetto che riescano a rovinare pure queste due (con Carnage ci stanno gi riuscendo… Carnage Megazord… bah!).
    Sono onesto, Fall of the Hulks mi piaciuto a suo tempo, insieme alle precedenti vicende del Rosso, poi come tutte le serie andato scemando. Anche questa un’altra trovata a caso della Marvel, che cercano di fare solo dei “big event” per vendere, senza nessuna logica.

    • Manuel

      Affidate le vostre anime al supremo Deadpool e pentitevi fratelli! :)

      • Pdor figlio di Khmer

        Argh, Deadpool no! D: E’ il fiaccoliere della tendenza Marvel alla bassa qualit!
        Comunque la DC, ora come ora, rimane peggio, ma la Marvel sembra volercisi avvicinare in fretta (anche se si salva con l’Ultimate).
        Fear Itself (paure che scatenano violenza + martelli a caso con cui picchiare gli asgardiani) non c’entra una fava con Blackest Night (zombie in costumi attillati che non sanno far altro che prenderle). Il punto che se promuovi un evento con quel nome, dicendo pure che sta arrivando “la pi grande paura” per l’universo Marvel, crei un po’ troppe aspettative e poi la gente rimane delusa.

      • Morzan

        “Fear Itself (paure che scatenano violenza + martelli a caso con cui picchiare gli asgardiani) non centra una fava con Blackest Night (zombie in costumi attillati che non sanno far altro che prenderle).”

        Intendevo riguardo alle linee generali della storia.
        Blackest Night: un antico dio, semi sconosciuto, tramite un cattivo di bassa lega, viene risvegliato e decide senza apparente motivo di distruggere il mondo. Per farlo trasforma buoni e cattivi in zombie per diffondere la morte e aumentare i suoi poteri.
        Fear Itself: un antico dio, totalmente sconosciuto, tramite un cattivo di infima lega, viene risvegliato e decide senza apparente motivo di distruggere il mondo. Per farlo trasforma i buoni e cattivi (okk, in questo caso pi che altro cattivi) in tizi incazzosi e pieni di steroidi con martelli luminosi, per diffondere la paura e aumentare i suoi poteri.
        Vedete voi…

  • bila85

    ho proprio qui di fianco a me il mini poster distribuito nelle fumetterie….Planet red hulk…se vicapita guardatelo…poi pensate a Blanka di street fighters….cambia solo il colore,…..ma se ricordate bene anche in street fighters potevamo cambiare il colore ……mah…che tristezza…

  • Pdor figlio di Khmer

    In Blackest Night c’ l’incarnazione stessa della morte, pi che un dio, e l’obbiettivo finale mantenere il cosmo intatto com’, soltanto senza vita (Nekron era tutto fuorch sconosciuto, ai supereroi DC). La trama abbastanza povera (che scopo avrebbe l’incarnazione della morte a far scomparire la vita, ovvero l’unica cosa che da un senso alla morte stessa?), confusa (decisamente troppi colori) e senza colpi di scena (i “big”, al solito, rimangono intoccati).
    In Fear Itself c’ un apparente skyfather s sconosciuto, che per sembra avercela principalmente con gli asgardiani e sembra avere mire di conquista, pi che da “distruggo il mondo perch posso e sono pazzo”. Certo, potevano evitare di riempire di martelli la storia, ma dovevano promuovere il film di Thor, e quale miglior modo di inculcare riferimenti indiretti a Mjolnir creando armi simili e dandole a personaggi importanti? Da come si prospetta finora, tutta la trama avrebbe fatto decisamente pi bella figura se fosse stata ridotta in modo che coinvolgesse solo Asgard o una parte limitata della terra (ora che la Marvel ha un approccio pi realistico, ai fan non piacciono pi gli eventi catastrofici a livello globale che affliggono ogni singolo individuo, perch le persone [del mondo Marvel] non sarebbero pi le stesse e quindi verrebbe a mancare proprio il realismo), senza tutta la menata alla Freddy Krueger.

  • Non capisco il senso di questo articolo che in teoria per definirsi tale dovrebbe essere pi ricco di contenuti e pi povero di commenti personali.
    Non capisco come gli utenti possano farsi un’idea su questo nuovo arco narrativo se non si descrivono le modalit e il contesto su cui questo di basa.
    Personalmente, non essendo molto aggiornato, leggendo un articolo come questo potrei esprimere opinioni affrettate e basate unicamente sulle tue opinioni.
    Dov’ che sar ambientata questa saga? Perch finische in quel contesto? Come ci arriva? Che scopo avr Rulk una volta li?
    Con quello che hai scritto capisco solo che la saga si intitoler Planet Red Hulk, che l’idea apparentemente trita e che la cosa non ti piace.
    Un po’ poco secondo me, inoltre per cose come queste forse il posto + giusto sarebbe il forum.

  • Macro Disturbo

    Non posso parlare per Fear Itself che aspetto pubblicato in Italiano, ma da molti anni a questa parte le “crisi” DC sono scritte ( e a volte disegnate ) in maniera inferiore se paragonate ai corrispettivi eventoni della marvel.
    Spesso la trama incomprensibile e la collana principale non raggruppa nemmeno gli eventi pi importanti, costringendoti a leggere serie tipo boster gold o capitan atom per capire che successo.
    Poi francamente blackest night solo una mossa (mica tanto) furbetta per sfruttare il rinnovato interesse del pubblico per gli zombie e far tornare almeno per una volta quei pochi personaggi ancora rimasti morti. L’unico tie in che ho apprezzato e quello dove Superboy Prime va a menare la redazione per le cagate che scrivono.
    Scusate se mi son dilungato troppo su un post che parlava di altro.

  • logan_alle_hawaii

    negli ultimi anni ne marvel ne dc hanno proprio brillato come storie…stanno sfornando saghe su saghe a profusione e in una e l’altra casa ed se ne salvano solo pochissime.
    Per quanto riguarda Rulk inizialmente stato interessante (anche se veramente mal gestito) il mistero di chi ci fosse dietro. Ora non ha proprio senso come personaggio per come lo stanno tratteggiando…minaccia, poi eroe, poi…boh…e adesso ste storie qua…molto deludente lasciatemelo dire
    Fear itself personalmente partito malissimo, basi pessime come 2 n (piu i vari tie in) scarsissimi…si sono comportati decisamente meglio alla DC con le varie storie sulle Lanterne (ma non c’ assolutamente somiglianza come idea per la cronaca, l’ultima copia palese stata quella del ritorno di Batman)
    Sono molto ansioso dei prossimi 2 cicli del ragno, quelli si che promettono bene! :w00t:

  • Macro disturbo

    Ma ci stiamo dimenticando la decade del 90?
    No perch direi che rispetto a quella stiamo vivendo questa diventa l’epoca d’oro del fumetto USA.
    Comunque Rulk come tutte le saghe disegnate ( o per lo meno iniziate) da Mc Guiness, a livello di storia tendono ad essere limitate dal particoare stile del disegnatore “nerboruto-cartoon” (passatemi l’orribile termine), vorrei ricordare un apprezzato ciclo di superman/batman che di certo non spiccava per l’originalita delle storie.
    Personalmente non mi dispiace quel modo di rendere i personaggi, ma rendimoci conto che non pu offrire tanto in termini di introspezione dei personaggi o di fumetto impegnato, alla fine diventa un mostro contro mostro in continuo crescere, e forse per godere di queste storie dovremmo fermarci a quella chiave di lettura, insomma un eterno pi forte Hulk o la Cosa…
    Poi se ci interessa altro qualche cosa c’ ancora.

  • Keneru

    Ho tra le mani Fear It Self N1……qualcuno gentilmente potrebbe spiegarmi se quello che ora sta insieme ai Vendicatori Hulk o e Rulk….perch apparte il fatto che non spiccia battuta per l’intero episodio…ma poi addirittura in un alcune vignette e verde….poi ridiventa rosso…poi ancora verde….sono confudo,,,necessito delucidazioni prego !! u.
    Ah …un ultima cosa …se proprio Rulk/Ross che ci fa insieme ai Vendicatori ??? Ha stretto qualche alleanza con Cap ?