Comicon 2011: novità da Planet Manga e Star Comics

di shikaku 2

Le fiere del fumetto son belle perché riescono ad essere interessanti non solo per chi ci va, ma anche per chi resta a casa: non ci sono solo i racconti e le foto dei cosplayer ma anche e soprattutto le conferenze delle case editrici con gli annunci delle novità che certamente focalizzeranno l’attenzione dei dilapidatori di ricchezze come me. Anche il Comicon di Napoli sotto questo punto di vista non si potuto esimere con Planet Manga e Star Comics presenti ad annunciare nuovi titoli e ad aggiornarci sulle uscite dei prossimi mesi.

Partiamo dalla divisione manga della casa editrice modenese che ha portato alla rassegna partenopea quattro novità che ci terranno compagnia negli ultimi mesi del 2011.

Chi ha letto e apprezzato Tista sarà felice di sapere che a novembre Tetsuya Endo tornerà nelle nostre fumetterie con un nuovo manga: Gekka Bijin. Serializzato su Jump Square a partire dal numero di maggio 2010 conta attualmente all’attivo due soli volumi ma sembra promettere molto bene. Il manga riprende il racconto popolare giapponese Taketori monogatari (Storia di un tagliabambù) ed ha infatti come protagonista la principessa lunare Kaguya. Sull’emisfero che il satellite non mostra mai alla Terra esiste infatti una civiltà molto avanzata in cui il potere è conteso da due famiglie rivali: gli Umenouchi e i Takenouchi, cui appartiene Kaguya e sua madre, regina di quella civiltà. Purtroppo mentre Kaguya non è molto interessata ad essere una principessa e ad ereditare il ruolo materno, la regina Fumiya Takenouchi è molto malata e la famiglia rivale cerca di approfittare di questa situazione per portare a termine un colpo di stato. A questo punto alla regnante non resta che mettere al sicuro sua figlia sulla Terra affidandole una speciale katana simbolo del potere reale che le permetterà un giorno di assumere il ruolo di regina. Sul nostro pianete Kaguya dovrà maturare e divenire forte per realizzare questo obiettivo affrontando varie difficoltà e nemici armata di questa particolare arma molto simile ad un diapason e come quest’ultimo legato alle onde sonore. Si tratta a prima vista di un classico battle manga rivolto ad un target shonen ma sia la storia che i disegni sembrano essere garazia di qualità. Staremo a vedere.

Passiamo ora da un manga recentissimo a uno abbastanza datato visto che dobbiamo risalire fino al 1982 quando su Big Comic Spirits della Shogakukan fece il suo debutto Kizuoibito – White Haired Devil (noto nel mondo anglofono anche come Wounded Man): un manga nato dalla collaborazione di Kazuo Koike (già scenggiatore di Lone Wolf and Cub) e Ryoichi Ikegami per i disegni. L’opera, rivolta ad un pubblico maturo, è stata raccolta in 9 volumi e adattata anche in una serie animata per il mercato home video in cinque episodi. Il demone dai capelli bianchi è Keisuki Ibaraki e la storia prende spunto dalla morte della sua ragazza liceale, prima rapita dalla G.P.X., un’azienda dedita alla pornografia, costretta quindi a compiere atti indicibili e infine costretta a suicidarsi. A questo punto parte la vendetta del protagonista attraverso la giungla del Brasile uccidendo gradualmente tutti gli insospettabili colpevoli dell’omicidio della sua fidanzata. Anche questo manga ci aspetterà sugli scaffali a partire dal mese di novembre.

Dai testi di Isuna Hasekura e dai disegni di Keito Kōme arriva invece Spice and Wolf, manga edito dalla ASCII Media Works tratto da una serie di light novels che si concluderanno questo luglio con il sedicesimo volume. La storia è ambientata in un medioevo dove il paganesimo sta gradualmente lasciando il posto ad una nuova religione del tutto simile al cristianesimo per cui le vecchie divinità e il loro culto viene gradualmente abbandonato. Fra queste c’è Horo, una dea Lupo ridotta ormai a puro simbolo di una festa popolare per la protezione del raccolto, per cui, assunte le sembianze di una ragazzina con la coda e le orecchie da lupo, decide di abbandonare quei luoghi terre e dirigersi verso nord a Youtsu, la sua terra di origine. Salirà quindi di nascosto sul carro di un commerciante errante, Lawrence che venuto a conoscenza della sua identità deciderà di accompagnarla in un viaggio che ci darà modo di esplorare il commercio e l’economia di quel mondo, con ampie digressioni sulle monete ed altri aspetti tecnici del commercio, ma anche una chiesa fortemente corrotta dedica agli affari e alla persecuzione dei pagani rimasti. L’opera ha avuto un discreto successo ottenendo anche l’adattamento animato in due serie televisive mentre il manga con all’attivo 6 volumi continua la sua serializzazione su Dengeki Maoh.

Mentre Spice and Wolf chiuderà il trittico delle uscite di novembre l’ultimo titolo, Psychic Detective Yakumo, debutterà a dicembre. Tratto dal romanzo di Kaminaga Manabu, il manga nasce dalla collaborazione di quest’ultimo con il disegnatore Suzuka Oda e conta 4 volumi pubblicati in patria pubblicati da Kadokawa Shoten. Protagonista della storia è Saitou Yakumo , un ragazzo del collage dotato di un particolare occhio rosso: grazie a quest’ultimo riesce infatti a vedere fantasmi, spiriti ed altre entità paranormali. Il ragazzo è convinto che queste siano bloccate sulla Terra per un qualche motivo che se scoperto e risolto è possibile dare loro la libertà che meritano. È così che il ragazzo in compagnia dell’amica Ozawa Haruka si dedicherà a queste indagini sovrannaturali.

Oltre a questi quattro titoli si è parlato anche di un’ulteriore novità, un manga di un certo rilievo da pubblicare in contemporanea con il Giappone. Non è stato aggiunto altro ma si ritiene da più parti possa essere Gate 7, il nuovo e atteso lavoro delle CLAMP.

Chiudiamo qui il capitolo Planet Manga e passiamo alla Star Comics, anch’essa presente alla fiera anche se quanto a novità è stato annunciato un solo titolo: Kimi ga suki, tradotto in italiano come T.V.B. Si tratta di una mini serie in 3 volumi realizzata da Ayu Watanabe, uno shojo in piena regola che vede come protagonista Aki, una ragazza da tempo innamorate di Mase e quando trova il coraggio di dichiararsi è in realtà lei a ricevere una dichiarazione da parte di un altro ragazzo,Koichi, star della squadra di basket di un’altra scuola. La ragazza accetta di uscire con quest’ultimo ma durante l’appuntamento il ragazzo verrà investito compromettendo la sua carriera sportiva. Aki rosa dai sensi di colpa deciderà di stargli vicino dimenticando i suoi sentimenti per Mase, ma non ha tenuto conto che in realtà anche il ragazzo prova qualcosa per lei.

Questa intricata storia d’amore arriverà in Italia a settembre e sarà seguita dalla già tanto annunciata nuova edizione di Dragon Ball: composta di 42 volumi non presenterà sovraccoperta ma bandelle come per l’edizione di Mushishi ma conterrà invece i commenti dell’autore assenti nella Perfect Edition.

E con questo chiudiamo la rassegna delle novità annunciate al Comicon di Napoli e i reportage di questa fiera. Interessati a qualcuno di questi titoli?

  • Chrystchief

    Grande! Tetsuya Endo l’ho apprezzato con Tista per il solo fatto che era l’unico manga che mi pare aver trovato che non fosse ambientato: in giappone, in un mondo fantasy, in un mondo fututristico, nel passato, in una qualche realt alternativa ecc. Il solo fatto che fosse ambientato nella nostra realt nel nostro tempo e a NY me lo ha fatto prendere ad occhi chiusi! :happy:
    detto questo Gekka Bijin lo prendo al 100% :biggrin:

  • arts1983

    Fatemi capire bene, uscir una nuova perfect edition che differir dalla precedente per la presenza dei commenti dell’autore? E magari anche dell’illustrazione presente (nell’edizione originale) nella quarta di copertina?
    Ora capisco cosa volevano dire quando dissero che avrebbero rimediato a quella mancanza…