Nichioh Maru, la nave amica dell’ambiente

di YoruichiKupo Commenta

L’avvento della tecnologia non è un bene finilizzato a far rimanere ad oziare noi comuni esseri umani, ma dopo che abbiamo “distrutto il mondo” grazie a questo nostro potere possiamo tentare di salvaguardarlo. Due dei tanti modi per farlo sono ridurre le emissioni di carburante nell’ambiente ed usare energie rinnovabili, per esempio l’energia solare. La nota casa automobilistica nipponica Nissan ha cercato di rapportare nel miglior modo possibile le due soluzioni e da ciò è nata Nichioh Maru , la nave cargo amica dell’ambiente. Rivoluzionare il mondo dei grandi trasporti, come navi o altro, non è semplice ma questo è un “piccolo” grande passo per tentare di sostituire litri e litri di carburante che una volta bruciati vengono lasciate libere nell’aria, soffocando i polmoni della Terra.

Il ponte dell’imbarcazione è interamente coperto di 281 panneli solari che forniscono 50 chilowatt di energia, di cui 40 sono destinate alle cabine dell’equipaggio e al motore diesel che viene controllato elettronicamente,  riuscendo a risparmiare ben 13 tonnellate di combustibile durante il viaggio lungo la cosa del Sol Levante. Ogni particolare è finalizzato a ridurre l’impatto ambientale: è presente un elica ad alta efficienza e sia il serbatoio del carburante che la carena sono rinforzati, per diminuire l’attrito e di conseguenza ridurre l’energia che serve per muoverla. Può trasportare migliaia di automobili in poco tempo e il proprietario della nave, Yuuzo Sato,  si aspetta molto da questo primo esperimento. La Nissan controlla il 70% del mercato delle auto elettriche e spera di poter fabbricare nuove imbarcazioni nei prossimi 10-20 anni anche se il costo di produzione è notevolmente più alto di quelle normali. Tutto ciò stimolerà il consumatore ad indirizzare le sue scelte verso automobili e trasporti “ecologici”, quindi verso modelli ad energia sostenibile come quelli della Nissan. Che sia solo un abile scelta di mercato?

Per vedere in azione l’enorme imbarcazione amica dell’ambiente basta vedere il video su LaRepubblica.it