Nanako Yamamori ci spiega da cosa deriva la grande calma con cui i giapponesi affrontano ogni situazione

di tappoxxl 12


A quasi sei mesi dal tremendo terremoto che ha sconvolto il Giappone, in molti si sono chiesti come sia possibile affrontare una catastrofe simile con tanta calma, ma, soprattutto, con così poche scene di disperazione. Bene, i motivi ci sono stati spiegati in un’intervista a Nanako Yamamori, corrispondente dal Giappone da circa 17 anni. La sua esperienza, da giapponese vera, ci spiegherà meglio, come vivono la vita e tutti i suoi avvenimenti, siano essi tragici o meno, i giapponesi.

Lascio alle sue parole il compito di spiegarvi la situazione:

Alcuni programmi tv ci dipingono come freddi e indifferenti a qualsiasi cosa, bella o brutta, ci capiti. Non è così. Dopo il terremoto e lo tsunami quello che più interessa è capire come andare avanti, come si potrà affrontare il futuro. Ma soprattutto capire se ce la faremo, se quelle persone ritratte dalla televisione in uno stato di calma apparente riusciranno a reagire e a ricostruire in tempi brevi. La nostra allora è un’attitudine a guardare oltre e i sentimenti li teniamo dentro di noi“.

Quindi, la giornalista ci spiega che il giapponese medio non si dispera e non gioisce, perché prima vuole capire come si potrà affrontare l’immediato futuro. Personalmente, condivido questa filosofia di pensiero. È inutile strapparsi i capelli o piangersi addosso, evitando così di affrontare un problema che, se procrastinato nel tempo, rischierà di diventare ancora più grande.

La giornalista continua dicendo che:

La forza viene dalle singole persone e dalla loro volontà di riprendere la vita di tutti i giorni anche se con qualche comodità in meno e qualche rischio in più. A Tokyo, per esempio, il giorno del terremoto un architetto ha dovuto percorrere a piedi la strada per tornare a casa, rimasta al buio, come gran parte della città, a causa di un blackout. Il giorno dopo, è rientrato in ufficio per vedere i suoi progetti. I suoi colleghi hanno continuato ad andare in ufficio in bicicletta sino a quando non è stato ripristinato il servizio di metro. Dopo la scossa di terremoto, in tanti continuano a dormire vestiti con accanto al letto una borsa pronta nel caso si dovesse verificare una nuova emergenza. Il giorno dopo il terremoto mi ha telefonato un amico da Tokyo. Con una voce serena e per nulla turbato mi dice: <<Oggi c’è un sole bellissimo, spero di portare mio figlio al parco>>. Certo, altre persone sono state meno fortunate e per molti giapponesi questo terremoto cambierà il loro concetto di tempo e spazio. Ma anche questi ultimi stanno cercando in ogni modo di ricostruire la loro quotidianità“.

Ecco la sostanziale differenza tra i giapponesi e il resto del mondo. Loro sono consapevoli dei rischi che corrono ogni giorno a vivere in quella terra e vivono preparati. Dormono con valigie riempite con i beni di prima necessità, accanto al letto, nel caso ci sia bisogno di evacuare con rapidità la propria abitazione. Ciò che però mi ha stupito in positivo è la frase detta dall’amico di Tokyo della giornalista: “Oggi c’è un sole bellissimo, spero di portare mio figlio al parco”. Bene, questa frase, secondo me, racchiude una forza tale da poter spostare le montagne. Un padre simile, trasmetterà al proprio figlio dei valori puri e genuini, valori che aiuteranno il mondo ad essere migliore.

Queste le parole finali della Yamamori:

In Giappone ci sono tanti modi di dire per esprimere il concetto di pazienza: <<Aspettare dormendo la fortuna che arriverà l’indomani>>. Oppure: <<Se hai qualcosa da dire, dilla domani>>. Significa che prendendo tempo ci si chiariscono meglio le idee. <<Se aspetti, ci sarà un giorno migliore per andare al mare>>. Quando la vita non va nella direzione in cui vorresti che andasse, devi avere la pazienza di aspettare un altro giorno. La vita continua, se domani sarà una giornata con il sole o con la pioggia, è qualcosa che è al di fuori del nostro controllo. Bisogna aspettare una giornata fortunata. <<Tre anni su una pietra>>, dicono gli anziani. Se ci si rimane seduti per tre anni, anche una pietra si scalda. Chiunque abbia avuto una esperienza di affari in Giappone riconoscerà sicuramente queste caratteristiche: la cautela dei giapponesi, il prendere decisioni con calma per non sbagliare, al limite della indecisione: questo spiega la tranquillità dopo il terremoto“.

 

Ecco spiegato il motivo di tale calma. Uno stile di vita altamente riflessivo permette ai giapponesi di affrontare ogni genere di situazione con estrema calma. Questa caratteristica li ha portati dove sono ora. Leader nel settore dei trasporti, nella tecnologia, nell’assistenza al popolo ecc ecc.

Sono un grande popolo, che non viene mai compreso pienamente dal resto del mondo. Spero che questa intervista vi abbia chiarito alcuni dubbi sulla loro cultura. Io l’ho trovata molto utile. Quindi ora non ci resta che spiegare ai giapponesi che noi italiani siamo esattamente il loro opposto. Quando si dice che gli opposti si attraggono, forse non si ha torto.

  • Jacopo

    Mah. Francamente questo articolo , chiedo venia per la schiettezza, piuttosto superficiale. Il sunto : “Siamo un popolo di gente mite paziente, affrontiamo le disgrazie con discrezione”. Ma questo lo sappiamo, non una news. Sarebbe stato interessante capire perch sono cos. Cercare le cause storiche e sociologiche di questa loro forma mentis. Che naturalmente non possono essere rintracciate in un banale “il giapponese medio non si dispera e non gioisce, perch prima vuole capire come si potr affrontare limmediato futuro. […] inutile strapparsi i capelli o piangersi addosso, evitando cos di affrontare un problema che, se procrastinato nel tempo, rischier di diventare ancora pi grande.”
    Cio: questo quello che sono, non PERCHE’ lo sono.

    • tappoxxl

      per quelle che tu critichi sono mie parole…nell’intervista la giornalista giapponese spiega bene le cause di questo comportamento…

      tu vuoi sapere perch lo sono, ma anche questo viene spiegato…loro si comportano in questo modo perch da sempre hanno preferito aspettare piuttosto che prendere decisioni affrettate…sono riflessivi…noi, al contrario non lo siamo, o meglio, non siamo riflessivi quanto loro, ma il perch non te lo so spiegare…per me, cos, punto e basta…sono qualit che nel corso dei secoli un popolo ha deciso di far maturare(mi riferisco alla pazienza dei giappi)…noi invece abbiamo preferito tramandarci i detti dei nonni, ma senza il bisogno di seguirli alla lettera e in ogni circostanza della nostra vita…

      • Jacopo

        No. Questo continua a non rispondere alla domanda.
        La natura mite dei giapponesi non pu essere spiegata semplicemente asserendo che loro hanno deciso di seguire una vita di riflessione, discrezione pazienza. Non Ha molto senso, pneonastico.
        Ha pi senso dire, chess, che sono calmi e pazienti perch la loro cultura da importanza alla calma essendo forgiata su un armonico rapporto con la natura, i cui tempi, come si sa, non possono essere forzati. Per esempio.

        Gli americani sono agitati e frettolosi perch hanno un enorme apparato finanziario in cui rischi di perdere tutto se non sei al passo. Per esempio.

        Ma asserire che un popolo ha una qualit perch riesce ad pplicarla non ha molto senso.

        Il qualunquismo dell’elettore italiano deriva da 15 anni di mal governo, mica dal fatto che gli italiani non si interessano.

      • Jacopo

        continuo a mettere le al psto delle e.
        scusate

      • tappoxxl

        purtroppo mi trovo in disaccordo…continuo a credere che un popolo quel che , anche per le scelte che compie…loro scelgono di seguire questi ritmi….anche se inizialmente si potrebbe pensare che seguano ritmi in base al mutare delle stagioni, loro comunque scelgono di seguire quei ritmi…il perch di questa scelta non te lo so spiegare…la fanno e basta…purtroppo una scelta una scelta e se devo spiegare che una persona fa una determinata cosa per un certo motivo, lo posso benissimo dire senza domandarmi il perch, del resto me lo ha gi detto lui compiendo le sue azioni…

        secondo te perch hanno scelto di seguire i mutamenti delle stagioni??…sono notizie difficilmente rintracciabili e che potrebbero essere state alterate dai secoli… difficile trovare risposta a quello che chiedi te…io non ci riesco, perci ho scritto che lo fanno perch hanno scelto di farlo…e la risposta, ribadisco, mi pare completa cos…

        poi tutti i popoli, in passato seguivano il mutare delle stagioni, perch era fondamentale per vivere…ora i giapponesi sono alcuni dei pochi popoli moderni rimasti a vivere la propria vita basandosi sulle stagioni…e questo perch per compiere delle scelte fondamentali impiegano “secoli” per decidersi…

  • Devib

    In realt la pazienza e la rifelssivit sono dei valori che anche in Italia sono trasmessi attraverso detti,come in Giappone,per non li applichiamo o li facciamo dentro la nostra cultura.

    Per esempio,questi due detti napoletani sulla pazienza:

    <>
    <>

    Possono esserci esempi anche in altre regioni e anche in altre nazioni occidentali,per pochi li seguono e,per di pi,non hanno neanche posto rilevante nelle culture odierne.

    • Devib

      “Si mangia pane e pazienza.”

      “Disse il pappice alla noce dammi il tempo che ti buco.”

    • tappoxxl

      i detti esistono in tutte le culture del mondo, ma se non vengono messi in pratica lasciano il tempo che trovano…i giapponesi sono diversi da noi perch se un detto dice di aspettare, loro aspettano…noi invece pensiamo: “ma solo un detto, faccio come meglio credo!”…..e questo ci differenzia da loro…il perch ci siano simili differenze deve essere ricercato troppo a ritroso nel tempo, e non potete pretendere che io compia simili ricerche…sono umano, mica un robot!!

      e con questo commento completo la risposta a Jacopo… :cheerful:

      • Jacopo

        Forse il titolo dell’articolo che sbagliato. Bastava un “Testimonianza di come i giapponesi affrontano le avversit”

  • Chrystchief

    Sono d’accordo con Jacopo! titolo sbagliato…
    belle comunque le testimonianze ti fa riflettere…

  • tappoxxl

    si, in effetti non sono riuscito a trovare di meglio…e mi ci sono impegnato…ma purtroppo non sono riuscito a trovare di meglio…

    • tappoxxl

      troppe ripetizioni cribbio!!!!