Miyazaki: il suo nuovo progetto sarà realistico

di Silvia Letizia Commenta

Nel corso di un’intervista che il sito web giapponese Hollywood Channel ha postato domenica, il produttore dello Studio Ghibli Toshio Suzuki ha svelato che il nuovo progetto di Hayao Miyazaki, fondatore dello studio stesso insieme a Isao Takahata, non è un progetto al quale chiunque può assistere rilassandosi mentre lo guarda.

Toshio Suzuki ha spiegato le intenzioni di Miyazaki per quanto riguarda questo nuovo progetto. “Non è a causa del terremoto che l’11 Marzo ha colpito il Giappone Orientale,” ha spiegato, “visto che Miyazaki aveva già predetto lo stato attuale in cui si trova adesso il Giappone durante le fasi preliminari di lavorazione del suo nuovo progetto. C’era, fin da principio, il desiderio di creare qualcosa di realistico“. Suzuki non è stato in grado di dire molto di più riguardo il nuovo lavoro del regista di Mononoke Hime e La Città Incantata, in quanto ancora non è stato fatto alcun annuncio ufficiale in merito.

L’intervista a Toshio Suzuki su Hollywood Channel si è concentrata principalmente sulla prossima uscita in DVD di un classico della TOHO, la serie di film storici sulla Yakuza dal titolo Jirochō Sangokushi.

Riguardo i lavori dello Studio Ghibli e di Miyazaki, lo stesso Toshio Suzuki ad Agosto aveva già accennato che il prossimo lavoro del co-fondatore dello studio sarebbe stato in qualche modo autobiografico. Il produttore, tuttavia, aveva utilizzato un giro di parole piuttosto vago in Giapponese, senza specificare se quella di Miyazaki sarebbe stata una propria autobiografia o l’autobiografia di un’altra persona.

La scorsa settimana, lo Studio Ghibli ha presentato un elenco di posti di lavoro disponibili per il prossimo lungometraggio d’animazione dello studio, diretto da Isao Takahata. Stando a quanto dichiarato sul sito web dello Studio, il lungometraggio sarà pronto per l’estate del 2013.

Nel 2009 Toshio Suzuki aveva lasciato intendere che il nuovo progetto di Isao Takahata si baserebbe su un classica favola folkloristica giapponese, Taketori Monogatari, nello stile degli antichi rotoli giapponesi Chōjū-jinbutsu-giga che potrebbero essere indicati come i primi esempi di manga. La favola, risalente al decimo secolo, è conosciuta da quasi ogni bambino giapponese e parla di una principessa di nome Kaguya, tirata fuori quand’era ancora una neonata da una pianta di bambù.

[Fonte | ANN]
[Fonte | Wikipedia]