La Toei intenta causa contro ignoti per violazione di Copyright

di Silvia Letizia 15

La Toei Animation ha intentato una causa contro ignoti, identificati con lo pseudonimo di 869 John Does, il 29 Settembre del 2011 a causa di una violazione di copyright legata all’episodio 515 dell’anime di One Piece.

Stando alle carte raccolte dal Distretto della Columbia, l’accusato si è dato da fare per riprodurre e distribuire via internet in modo illegale copie digitali dell’episodio 515 di One Piece, intitolato “One Piece: No 515, I Will Get Much, Much Stronger! Zoro’s Pledge to his Captain!”, attraverso il programma BitTorrent. L’incidente avrebbe avuto luogo tra il 16 e il 23 Settembre dell’anno scorso.

La Toei Animation ha anche presentato una mozione al fine di poter scoprire i nomi e gli indirizzi dei colpevoli, cosa che la corte ha garantito il 5 Ottobre. Attraverso indirizzi IP è stato possibile risalire in qualche modo al Distretto della Columbia che, a quanto pare, è il luogo dal quale sono stata effettuate le operazioni illegali.

È stato sottolineato, inoltre, come gli utenti di BitTorrent abbiano contemporaneamente scaricato parti del file e distribuito le suddette parti ad altri utenti. Questa operazione rende automaticamente colpevole dello stesso crimine chiunque abbia avuto accesso al download di qualunque di queste parti.

La Toei Animation ha chiesto alla corte di fare in modo che il colpevole smetta di infrangere il copyright di proprietà della stessa Toei non soltanto limitatamente a questo episodio, ma a qualunque altro video adesso e in futuro. La Toei chiede anche che siano distrutte tutte le copie del suddetto video sia dal computer (o da qualunque strumento analogo) del primo distributore, sia da quello di chiunque sia entrato in possesso di qualunque di queste parti o di altri video protetti dal copyright della Toei.

La Toei ha anche richiesto una serie di rimborsi, ritenendosi danneggiata da quanto è successo.

A Gennaio del 2011 già la Funimation aveva intentato una causa simile contro ignoti, identificati con lo pseudonimo di 1337 John Does, a proposito di un altro episodio di One Piece, il numero 481.

[Fonte | ANN]
[Fonte | Wikipedia]

  • SnakeStrife

    Non ho capito bene.
    Come mai la Toei si arrabbiata tanto?
    I suoi anime sono stra-condivisi su internet…

  • ortarius

    ma non ho capito se questi hanno venduto le copie digitali dell’episodio o solo distribuite e riprodotte. cio se non hanno venduto nulla allora son quelli della toei che so coglioni

  • eccomi qui, avvocato delle cause perse, non che rappresentante della toei.

    -_-‘

    se ne rendono conto che punire ogni persona che attraverso bittorrent ha scaricato il file praticamente impossibile?

    e questo john does ha per caso distribuito un anime in anticipo rispetto alla toei? ha venduto le copie?

    mah

    • SnakeStrife

      Pagliaccio mi spiace avvisarti che ti sbagli.
      Chiunque ha scaricato pu essere beccato facilmente.

      Anche io posso farlo.

      Si va su questo sito

      http://www.youhavedownloaded.com/

      Si scrive il nome del torrent in alto a destra e chiunque ha scaricato un torrent con il nome che tu hai scritto in alto a destra viene sputtanato.
      Nel senso, il sito mette in bella vista l’indirizzo IP di chi ha scaricato un determinato torrent, basta inserire il nome.
      Una volta avuto l’IP un gioco da ragazzi per la postale rintracciarli/TRACCIARCI TUTTI!
      DALLA A ALLA Z
      DALL’ALFA ALL’OMEGA.
      Tecnicamente siamo fottuti :ermm:

      • ningen

        Ma in teoria se si usa il dhcp, non dovresti essere tracciabile, almeno non in prima persona, verrebe tracciato chiunque abbia avuto assegnato quell’indirizzo ip o sbaglio?

    • Mila

      Ma il reato non sta nel “vendere copie” o fare un guadagno. Il reato distribuire qualcosa che “non ti appartiene” e che non hai il diritto di distribuire (inteso proprio come “diritto”, copyright, acquistato legalmente).
      Io non faccio reato se scarico un file, per esempio, da Megaupload, perch non sono tenuta a sapere che chi l’ha caricato non in regola. Per anni abbiamo guardato gli anime nei canalini regionali in tv che spesso e volentieri trasmettevano “di straforo”, nel senso che non avevano pagato i diritti, ma non per questo ci siamo trovati la finanza “all’uscio” (trad. fuori dalla porta) e non stato perch non c’hanno beccato!
      Con i torrent fai reato perch nel momento che scarichi c’ anche gente che scarica da te e tu, di sicuro, non hai il diritto di distribuire agli altri One Piece, a meno che tu non abbia accordi tuoi con la Toei. :tongue:

  • Emanuele

    ma secondo me deve essere trapelato in anticipo senn non avrebbe senso… cio 869 persone che scaricano one piece ogni settimana da bittorrent le trovi solo nella mia stradina onestamente… boh

  • ningen

    Scusate, quindi se guardo una puntata subbata di One piece, violo il copyright? In che modo se mi concesso saperlo? Se cosi aspettiamoci tutti la polizia a casa…

    • Mila

      Certo che cos!
      Se vuoi One Piece devi pagare i diritti alla Toei, o pagare l’emittente che lo trasmette (se un canale a pagamento e credo di si) per poterlo ricevere, o se non puoi riceverlo con satellite e robe simili, ti compri i dvd quando escono(anche in giapponese, se non ci sono in italiano, che tu capisca o meno sono problemi tuoi e cmq, a quel punto, nessuno ti vieta di farteli tradurre ma cmq non puoi distribuirlo).
      Il fatto che una cosa non sia licenziata in Italia non significa niente, quella sorta di “codice deontologico” che molti gruppi di subber seguono (cio il cancellare gli episodi quando arrivano in Italia) dal punto di vista legale non ha alcun valore perch comunque commetti reato nei confronti di Toei (o chi per essa). Che poi da noi sia “pi tollerato” dai nostri distributori perch cos facendo non gli fai un danno diretto ma magari gli fai pure pubblicit (oltre ad indirizzarli sulle serie che potrebbero avere pi succecco) un’altro discorso. Se vuoi subbare e distribuire via internet una serie subbata non uscita in Italia dovresti, in teoria, contattare la Toei e accordarti con loro pagandogli i diritti, ammensso che a loro stia bene cederteli.

      Detto questo, sono anch’io dell’idea che questa sia una pessima “lotta contro i mulini a vento”, un infelice tentativo di “piegarne 1 per educarne 100” :getlost:

      • bluclaudino

        “Operazione Cortina 2”, il ritorno :ninja:

        Per quanto ritenga la pirateria (o l’evasione fiscale) un reato abbastanza “stronzo”, sta cosa fa pi ridere che piangere io non mene curo, vogliono punire ogni “pirata” che ha visto e/o scaricato gli episodi di OP (cos coem quelli di tutti gli altri anime)? Si facciano avanti, avranno un esercito di anta-milioni di imputati :whistle:

      • SnakeStrife

        Quoto.
        Arresterebbero mezza popolazione mondiale :tongue:

      • ningen

        Quoto bluclaudino.

      • kiriam

        tra pirateria ed evasione fiscale io ci metto una bella distanza.
        La toei guadagna “abbastaza” da poter anche evitare di crearsi questa bella pubblicit,… ma ovviamente chi soldi gi ne ha, ne cerca sempre di pi. Inoltre non detto che chi si segue lo streamimg, scan ecc, poi non guardi la stessa puntata trasmessa su un canale italiano (vent’anni dopo) o non compri il manga originale. (invece chi evade, lo f e se ne dimentica). Senza contare che tutto il movimento di streaming e diffusione di queste opere crea un universo di pubblicit che v riversandosi su gadget e vari prodotti. Se la Toei PAGASSE per ogni volta che sul web si scrive ONE PIECE, perch per loro pubblicit… ecco che mi s starebbero zitti.

      • ningen

        Esatto proprio questo il punto, paradossalmente chi guarda anime in streaming o li scarica e pi propenso a guardarli trasmessi in tv, o acquistarli in dvd, e questo perch come un’immensa campagna pubblicitaria per la toei ed altre case, per giunta completamente gratuita.
        Stesso discorso si pu fare per le scan…

  • kiriam

    intanto [email protected]@m ha fatto piazza pulita di scan importanti…