Komixjam Manga Project Edizione Estiva 2011 – Le recensioni

di tappoxxl 3


 

Torniamo a parlare del Komixjam Manga Project. E lo facciamo riportando le recensioni di due editor della Panini. I due, Mattia del Corno e Paolo Pederzini, hanno recensito il vincitore e un’altra opera che, secondo loro, era meritevole. I due autori del fumetto vincitore spero saranno contenti, vista la grande opportunità di crescita ricevuta dalle opinioni di due esperti del settore.

 

Vi riporto la prima recensione, di Paolo Pederzini:

Prometheus

Non ho trovato riferimenti all’estetica e all’iconografia manga, quindi lo trovo poco adatto a un concorso intitolato “manga project”.  Apprezzo il lavoro degli autori, vedo tanto coraggio e voglia di fare. Il design è senz’altro originale, ma il tratto sporco non si amalgama con gli sfondi realizzati in digitale, troppo puliti e netti. Noto diverse imprecisioni nell’uso della prospettiva. I numerosi dettagli (mani, bocche, occhi) sono d’effetto, ma non sono bilanciati con i primi piani. Inoltre il design di Brena è incostante, e il lettore potrebbe trovare difficile riconoscerla nel corso della narrazione. Le ultime tre tavole sono poco chiare: nell’ultima, Dianus è a destra e i suoi parenti a sinistra. Ma nella tavola 34-35 manca il personaggio femminile: sembra che sia stato saltato un passaggio. I testi a volte sono poco chiari, troppi dettagli vengono dati per ovvi, e per il lettore potrebbe risultare difficoltoso ricostruire i fatti omessi. L’ultimo balloon, poi, contiene una frase spezzata di dubbia efficacia. Essendo l’ultima battuta del capitolo, deve essere più chiara. Consiglio agli autori di lavorare e studiare, per migliorare il disegno (soprattutto gli sfondi), i testi e la narrazione.

Riconoscimento speciale a UP!

Ho apprezzato tutti i fumetti proposti, anche se avrei preferito che gli autori di Crow avessero avuto l’accortezza di ripassare i loro disegni con la china e di scrivere i testi con un software di grafica (la lettura è faticosissima). Il mio riconoscimento va a UP! perché è il fumetto che più si avvicina allo stile manga (ho notato che il secondo episodio è stato realizzato con una cura maggiore). Seguirò con piacere anche i nuovi capitoli degli altri titoli. Dispiace non aver visto un nuovo episodio di Finis.

 

La recensione di Pederzini risulta molto tecnica. Parla con le parole di un vero esperto e credo che i suoi consigli potrebbero essere davvero utili a tutti quelli che, in futuro, decideranno di cimentarsi nell’ardua impresa di disegnare un manga.

 

Passiamo alla seconda recensione, a cura di Mattia del Corno:

 

Quando Manuel mi ha scritto per chiedermi un parere sul fumetto che avrebbe vinto, sapevo che questa volta dovevo farlo. Se non altro perché era la seconda volta che me lo chiedeva e io avevo clamorosamente bucato la precedente premiazione a causa di troppo lavoro, urgenze e la mia sbadataggine congenita. :)

Così eccomi qui, dopo aver scaricato e letto tutti i candidati al “Komixjam Manga Project Edizione Estiva 2011”, senza aver però votato (così mantengo un’imparzialità :D), e aver saputo che il vincitore è stato Prometheus. Mi si chiede un parere per cui parto dicendo che non mi aspettavo di trovarmi davanti un’opera del genere. Onestamente pensavo a qualcosa di più tradizionale e non a un fumetto ambientato nel periodo classico. Sorpresa ovviamente piacevole, perché mostra che i giovani autori italiani amano ancora lavorare su qualcosa di diverso ma legato alla nostra storia. Prometheus è un lavoro interessante e Jacopo lo fa scorrere bene, così come si sposa bene con i disegni di Auroll. Nelle 32 pagine c’è un po’ di tutto: amore, odio, sfide, avventura e molto altro ancora. Allo stesso modo le tavole alternano delle strutture abbastanza tradizionali, con poche vignette ben squadrate, a costruzioni più varie. Tutte indicazioni che gli autori ci hanno pensato e lavorato sopra a lungo. Questo Prometheus è quindi un buon punto di partenza per entrambi, e la vittoria del concorso rappresenta anche uno stimolo in più, per i due autori, a studiare e migliorarsi. Perché la strada da fare è ancora lunga e ci sono molte cose su cui c’è spazio di miglioramento. Su tutto, segnalo due cose: i dialoghi sono a volte un po’ troppo scollegati tra loro, non si riesce a seguire bene il filo del discorso. Per quanto riguarda i disegni, invece, il mio consiglio è di lavorare stando attenti a mantenere un preciso aspetto dei personaggi nel corso della storia. Ma se questo è il punto di partenza, c’è solo da immaginare dove potranno arrivare tra qualche anno. Complimenti e… beh, buona estate (da non passare tutta a disegnare però! ;))

 

Oltre a queste recensioni, che essendo fatte da esperti del settore valgono molto a mio avviso, per i vincitori del concorso ci sarà anche una, spero, gradita sorpresa!!

Naturalmente non posso rivelarvi di cosa sto parlando, a dire il vero non lo so nemmeno io(e invece lo so, ma non ve lo dico!). Posso dirvi solamente che sarà spumeggiante…o forse quello era The Mask!?!

Ok, l’articolo si chiude qua, i miei saluti vanno ai due autori Panini che sono stati molto disponibili e precisi nelle loro recensioni e a tutti i partecipanti al concorso, che pare si animerà ancor di più in ottobre.

  • Jacopo

    Ringrazio sentitamente Pederzini e Del Corno.
    Apprezzo molto le critiche mosse e non posso negare (almeno per quanto riguarda i testi), lo dico sinceramente senza alcuna ipocrisia di sorta, di non ritrovarmici.
    Il fatto di lasciare molti dubbi ala lettore, era intenzionale,solo che forse la cosa andava sviluppata nel tempo e non gi dal primo capitolo (ci lo rende piuttosto frammentario e sibillino).

    Purtroppo credo di essere stato condizionato dal fatto che la “serializzazione” e trimestrale e non voglio che Prometheus finisca fra 3 anni XD

    Vedremo di chiarire qualcosa nei prossimi capitoli…

    Aspetto con ansia la sorpresa.

  • auroll

    che dire… grazie per questa recensione… accurata… avete fatto delle critiche a tutte le caratteristiche del fumetto… (e beh… se non le facevate voi!)

    ce la metter tutta per migliorare… almeno per raggiungere un livello accettabile…. ribadisco che tutti i disegni sono in digitale… sia sfondi che personaggi…
    naturalmente grazie alla possibilit di fare linee perfettamente dritte, gli sfondi sembrano pi puliti nel tratto rispetto ai personaggi… ma studier anche per amalgamare il tratto….

    vi ringrazio nuovamente per le recensioni… e sicuramente con jacopo ne faremo tesoro…

  • LoneWolf

    grazie per il commento su Up! Il project sta dando davvero delle grandi soddisfazioni a tutti noi.. avanti cos!