Japan Animator Expo, i cortometraggi arrivano nei cinema giapponesi

di Silvia Letizia Commenta

All’inizio della settimana è stato diffuso un video promozionale che anticipa la diffusione nei cinema giapponesi del Japan Animator Expo (Japan Anima(tor)’s Exhibition), il progetto che, settimanalmente, ha distribuito on-line numerosi cortometraggi d’animazione d’indubbio valore tecnico e artistico prodotti dallo Studio Khara, di proprietà di Hideaki Anno, e dalla compagnia Dwango. I corti saranno distribuiti in dieci cinema di diverse città Giapponesi e il Japan Animator Expo resterà in programmazione per solo due settimane a partire dal 25 luglio, quando farà il duo debutto presso lo Shinjuku Wald 9 di Tokyo.

japan animator 1

Il Japan Animator Expo sarà composto da tutti e dodici gli episodi della prima stagione, più tre episodio della terza stagione, attualmente in corso di produzione. I tre episodi sono Hammerhead, Conte (Hitman) 1989 e Bubu & Bubulina. Il sito web ufficiale del progetto ha già cominciato  a diffondere in streaming un primo trailer che annuncia l’arrivo dei cortometraggi nei cinema.

La terza stagione del Japan Animator Expo comincerà a metà luglio e, come le due stagioni precedenti, vedrà la messa on-line di un nuovo episodio ogni Venerdì. Due titoli che erano stati messi in elenco come cortometraggi della seconda stagione, e cioè 2 of killers of 2, diretto da Kazuto Nakazawa, e Hammerhead, diretto da Ōtarō Maijō e Mahiro Maeda, faranno parte della terza stagione. Nel corso della seconda stagione questi ultimi erano stati sostituiti da Rapid Rouge, diretto da Daisuke Onizuka e Mahiro Maeda, da un remix del video musicale ME!ME!ME!, che è diventato un vero fenomeno sul web, e da (Making of) evangelion:Another Impact.

japan animator 2

Hideaki Anno ha ricoperto il ruolo di produttore esecutivo dell’intero progetto col presidente della Dwango, Nobuo Kawakami, e ha disegnato l’immagine della mascotte di Japan Animator Expo, (Tor)-kun. Hayao Miyazaki, co-fondatore dello Studio Ghibli, ha creato il logo del progetto, e il suo collega e co-fondatore dello studio, Toshio Suzuki, l’ha colorato. Molti dei corti hanno visto la partecipazione dei doppiatori Kouichi Yamadera e Megumi Hayashibara.

[ Fonte | ANN ]

[ Fonte | Wikipedia ]