Intervista al disegnatore Graphic Novel “Gipi”

di akito89 4

Di recente ho visto un’intervista molto interessante su La7 “Le invasioni barbariche” in cui era intervistato un importante disegnatore toscano di fumetti Gipi. Wall street journal, il quotidiano statunitense per eccellenza l’ha definito così: “Non ha eguali nella raffigurazione delle pose della svogliatezza dell’adolescenza”. Vi consiglio di vederla tutta e di ascoltare attentamente perché questa è una delle poche cose buone ed interessanti (oltre l’anime night  :pinch: ) che la televisione pubblica possa offrirci.

Mi sono permesso di riassumere le frasi, a mio parere, più significative:

…la graphic novel è un dibattito apertissimo e molto difficile, in realtà si tratta di storie a fumetti come dei libri con disegni, hanno la caratteristica di essere storie autoconclusive diversamente dai fumetti a puntate seriali.

Però molti non concorderebbero con la mia analisi…

…volevo sapere come si facevano le cose, poi ho scoperto che la cosa più importante è imparare a vederle più che a rappresentarle. L’ho imparato col disegno, tutte le cose più buone della mia vita vengono da lì…

…vivo a Parigi perché avevo molti amici disegnatori ma sopratutto in Italia, col fumetto, è molto difficile campare…

…mi sono reso conto che non ero dove volevo essere, con chi volevo essere…

…la fusione tra arte e vita è totale, vedo sempre le cose nell’ottica di come le potrò riportare su carta…

…sono stato in carcere 10 giorni per un errore giudiziario nato dal fatto che mi hanno trovato a passeggiare in un campo di marijuana …

…in uno scontro con troppa aggressività rimane solo la guerra…

Il video qui

  • Andrea

    Primo, e unico direi…… :cwy:

  • giorgia

    wwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwooooooooooooooooooooooooowwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwssssssttttttuuuuppendo

  • giorgia

    :cwy: :heart: :heart: :heart: :heart: