I Leader dei Vendicatori Oggi

di Kaleb 8

panel_aa1_bCome tutti sappiamo dopo gli eventi di Secret Invasion abbiamo una ulteriore suddivisione dei gruppi che si rifanno allo schema dei Vendicatori e con questo articolo la mia intenzione è capire attraverso i leader che si sono successi negli ultimi tempi cosa possiamo aspettarci e chi sono questi nuovi personaggi che chiameranno a raccolta gli altri al grido di “Avengers Assemble”. Personalmente io dividerei le cose in tre periodi per avere un’analisi lucida della situazione; il primo periodo è quello dei Vendicatori sotto l’egida di Capitan America. Steve Rogers si è dimostrato il prototipo di quello che si dice un leader naturale, integerrimo, pregno di principi, umile, capace di ammettere i suoi errori, tutto questo sotto il profilo morale. Per quanto riguarda invece le sue doti sul campo penso che la vera forza di Cap siano l’analisi della situazione e la bravura nell’elaborare strategie vincenti oltre all’innato carisma… Natural Leader. Il secondo periodo è quello dopo la morte di Steve e la prima spaccatura vera del gruppo, non una spaccatura territoriale come con i Vendicatori della costa ovest, ma una spaccatura ideologica molto più profonda. In questo periodo abbiamo visto due personaggi alla guida dei gruppi, da un lato l’odiato Iron Man che si è uniformato a quanto richiesto dal governo e ha agito secondo i suoi ideali raggruppando un gruppo che si è basato più sulle abilità che sulle personalità dei suoi membri creando così una minestrone che non si è mai ben amalgamato, naturalmente qualcuno potrebbe obiettare che il leader dei Potenti Vendicatori è Miss Marvel… ma se guardiamo i fatti il vero personaggio a detenere il controllo del gruppo è sempre stato Tony Stark. Dall’altro lato della barricata abbiamo un personaggio che nell’ultimo anno ha attirato la mia attenzione non tanto per le sue qualità da leader dei New Avengers, a dire la verità non eccelse, ma per il fatto che si tratta di un personaggio dalla morale ineccepibile, naturalmente sto parlando di Luke Cage che è la classica persona che non scende a compromessi, come ci ha ampiamente dimostrato rifiutando di registrarsi persino quando sua moglie aveva deciso di farlo portanto con se anche la figlia, e tutti sappiamo quanto Luke sia legato alla piccola. Probabilmente per quanto riguarda Carol Danvers potremmo dire che si è trattato di un personaggio che è stato fatto crescere ma che non è mai deltutto esploso, almeno durante la pubblicazione Italiana, ma che si è comunque ben comportata dimostrando di avere principi ben più saldi di quelli di Iron Man e che non ha dimenticato i compagni al fianco dei quali ha combattuto per anni. Sicuramente anche lei è dovuta scendere a compromessi ma secondo me ha dimostrato di avere buone qualità seppure la cosa sicura è che le manca una buona dose di fiducia in sè stessa, e probabilmente proprio per questo alla fine si rivela solo un leader di facciata insomma una promessa mancata per ora. L’appuntamento di domani, salvo notizie urgenti vedrà un’analisi dei leader che sono ora a capo dei tre gruppi del post Secret Invasion e credetemi quando vi dico che potrebbe essere anche più interessante di quella dei leader attuali!!!

See U in CyberSpace

  • ON!ZUKA

    Dio mio… Da Steve Rogers a Luke Cage e Tony stark.
    Mamma mia come cambiano i tempi.

    Il migliore si dimostrato senza dubbio Steve Rogers, se questo lo si pensa solo come Leader. Si, pregno di principi, molto autocontrollo…
    Ed per qyuesto che preferivo U.S.Agent. XD

    No, io son per la gente pi fuori, pi “cattiva” seppur non cede al lato oscuro.
    Vedi Wolverine, vedi Luke… Sono quegli uomini che non ti ispirano fiducia, ma sai anche che una loro parola vale pi di una qualsiasi altra promessa.
    Sono uomini di mondo, crudi, incapaci di trattenere quel che sono stati e sono.

    Mi direte che anche il Cap stato forgiato dalle scene di guerra e la crudelt umana (II Guerra mondiale e ricordo con le lacrime agli occhi l’immagine di Steve Rogers nel volume sull’11 settembre).
    Lui un saggio, una guida alla luce.
    Loro sono la guida alla sopravvivenza, pronti ad essere spietati con un mondo crudele.

  • Kaleb

    Lui un saggio una guida alla luce… quando hai usato queste parole hai capito perch solo lui potr porre fine al Dark Reign :tongue: penso che con l’articolo dei Leader di domani allora ti divertirai parecchio :wink:

  • ON!ZUKA

    Lui un saggio una guida alla luce… quando hai usato queste parole hai capito perch solo lui potr porre fine al Dark Reign :tongue: penso che con l’articolo dei Leader di domani allora ti divertirai parecchio :wink:

    Uh…. Attendo con ansia.

    Ovviamente non ho degnato nemmeno di commento Tony Sterko. :getlost:

  • Paul101

    aspetto con ansia l’articolo di domani e intanto devo dire che anche secondo me cap stato il migliore dei leader nonostante mi stia piacendo la gestione di Luke a capo dei new avengers. Cap aveva quella cosa in pi che mai nessun altro leader sapr dare ai vendicatori. Lui sapeva perch affrontare una minaccia e come affrontarla a differenza di Stark che sembra combinare un pasticcio dopo l’altro.

  • Kaleb

    Secondo me il Tony post extremis che poteva essere un eroe veramente bello stato sfruttato nel peggiore dei modi… al suo posto avrei visto meglio un personaggio diverso magari un Reed Richards che sicuramente avrebbe reso meglio nel ruolo che hanno dato a Tony sia come leader di una fazione di civil war sia come coordinatore SHIELD e capo di un gruppo che in quel caso si sarebbe basato sul nucleo di FQ con varie aggiunte… secondo me sarebbe stato molto pi interessante anche per le fazioni che si sarebbero create :cool:

  • un analisi del genere sembra una caduta di “stile” di leader incredibile ma in realt negli anni ci sono stati altri eroi che hanno fatto da leader mentre Cap era assente o anche durante la sua presenza che si sono comportanti alcuni in modo ottimo ed altri in modo ignobile come IM (che ha alle spalle il comando dei Vendicatori della costa ovest e di Force Works sempre andati male…)
    Cap un leader ottimo a differenza di un Luke e un Tony perch riesce a tener conto bene delle potenzialit e dei difetti di tutti, di cosa la situazione necessita ma soprattutto riesce a tirar fuori il meglio dei compagni

    Con Tony ti trovi quasi sempre in contrasto con una gestione in cui si mette troppo in luce lui o l’opposto, si isola completamente, sicuramente molto intelligente ma sa sfruttare bene i suoi mezzi diretti e non le sue “appendici”

    Luke ancora troppo da strada, non abituato a grandi eventi, gia la Mano andava al di fuori delal sua gestione, oltre ad essere abituato a un solo compagno…ha avuto fortuna che gli elementi tutti “facilmente” seguono qualcuno che da direttive (tranne Wolvie che infatti mi chiedo che diavolo facesse…) ma anche li erano poco abituati ad agire in team…gli skrull sono stata la goccia famosa che ha fatto traboccare tutto, sono stati letteralmente travolti dall’eventoe si sono impanicati fra loro

  • Kaleb

    c’ da dire a onor del vero che gli ordini di Luke spesso si semplificavano in uno spaccate tutto, mentre la vera mente del gruppo per buona parte stato Strange o addirittura potremmo parlare di una auto-gestione

  • uhm strange in questo periodo stato l’ombra di se stesso, si limitava a teleportare la gente e a dare disponibilit di casa…il leader piu logico ora sarebbe Clint, con Bucky come secondo, infatti sembra che le cose si stiano mettendo cosi