carcere

Tag: 

Questo argomento contiene 34 risposte, ha 18 partecipanti, ed è stato aggiornato da  shikaku 7 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 35 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #625070

    lucci
    Membro

    ieri sera sul programma che immagino conosciate tutti, le iene, hanno fatto un servizio su un carcere in Calabria (mi sembra), dove facevano vedere i prigionieri trattati umanamente, che lavoravano e venivano anche pagati, circa 500 euro al mese, per poi farli integrare meglio nella società una volta usciti. Le statistiche infatti sono 7 prigionieri su 10 ritornano a delinquere nelle carceri ”tradizionali”, mentre solo 1 prigioniero su 40 torna a delinquere in quella prigione.

    La domanda mi sembra sorga spontanea: siete d’accordo con questo tipo di ”gestione” del carcere?

    Personalmente sono d’accordo sul fatto di farli lavorare per farli integrare nella società in futuro, ma credo che in questo modo non si punisca abbastanza quello che hanno fatto di male (omicidio, rapina ecc…), anzi, gli si dà un lavoro quando prima non ce l’avevano, quindi in qualche modo è come fargli un favore, anche se rimangono rinchiusi li’ per 20 e passa anni.

    #658868

    Sirrus
    Membro

    Secondo la legge la pena detentiva non ha lo scopo di far “soffrire” chi ha commesso un crimine, ma quello di recuperare e educare, quando è possibile, e di isolare dalla società negli altri casi.
    Quindi il carcere in Calabria di cui parli è l’esempio che si dovrebbe seguire.

    #658869

    dreida
    Partecipante

    ieri sera sul programma che immagino conosciate tutti, le iene, hanno fatto un servizio su un carcere in Calabria (mi sembra), dove facevano vedere i prigionieri trattati umanamente, che lavoravano e venivano anche pagati, circa 500 euro al mese, per poi farli integrare meglio nella società una volta usciti. Le statistiche infatti sono 7 prigionieri su 10 ritornano a delinquere nelle carceri ”tradizionali”, mentre solo 1 prigioniero su 40 torna a delinquere in quella prigione.

    La domanda mi sembra sorga spontanea: siete d’accordo con questo tipo di ”gestione” del carcere?

    Personalmente sono d’accordo sul fatto di farli lavorare per farli integrare nella società in futuro, ma credo che in questo modo non si punisca abbastanza quello che hanno fatto di male (omicidio, rapina ecc…), anzi, gli si dà un lavoro quando prima non ce l’avevano, quindi in qualche modo è come fargli un favore, anche se .

    beh, non è poco. se pensi che non sono liberi di fare nulla. io sono d’accordo con l’idea di fondo del “progetto”. bisogna però sempre stare attenti a come viene realizzato.

    #658870

    shikaku
    Membro

    Secondo la legge la pena detentiva non ha lo scopo di far “soffrire” chi ha commesso un crimine, ma quello di recuperare e educare, quando è possibile, e di isolare dalla società negli altri casi.
    Quindi il carcere in Calabria di cui parli è l’esempio che si dovrebbe seguire.

    Appunto…
    Il carcere ha innanzitutto una funzione rieducativa per recuperare il soggetto e la funzione punitiva che pure è essenziale (anche a fini deterrenti) è comunque assicurata dalla limitazione della libertà.Quella è la punizione e resta la stessa in ogni carcere, con la differenza che altrove “sopravvivere” nelle carceri comporta un tortura psicologica (in alcuni casi anche fisica) che non servono a nulla se non a far sì che anche chi criminale non lo è si adegui a quello stile di vita per sopravvivere.
    Rieducare deve essere la missione degli istituti di detenzione ed evitare che i crimini si ripetano.
    Poi il problema vero della recidività non si ha con gli assassini, ma la piccola delinquenza, oltre a quella organizzata. Uno che uccide la moglie, o uccide durante una lite difficilmente si ripeterà, ma il ladro, il rapinatore, lo spacciatore, sono questi che secondo me continuano a delinquere a prescindere da quanto tempo passano in carcere perciò inserirrli nel mondo del lavoro, farli integrare nella società può essere una buona soluzione, visto che il più delle volte queste sono persone che vengono dalla miseria e trovano nel crimine la via più facile per vivere in modo “decente”. Esempi come quello mostrato dalle Iene dovrebbero essere la normalità e non la sperimentazione.

    #658892

    -kira_revenge-
    Partecipante

    secondo me ki commette dei reati tali da finire csi tanto in carcere non merita nemmeno una seocnda chanche…ki sbaglia dovrebbe pagare e non essere aiutato…xke alle famiglie a cui e stato tolto un figlio,un fratello o un amico…a quelle persone nessuno aiuta…nessuno potra ridare la persona amata o i gg persi a piangere sulla sua tomba e quindi perche ridare a ki commette cio una seconda opportunita..perche ridare la vita a ki la toglie senza pensare a cosa potrebbe portare il suo gesto?sono fecce della società e come tali vanno cancellati cm un virus ke infetta il corpo e lo logora fino alla morte se nn viene curato,loro vanno elimintai per evitare ke logorino la nostra società…

    #658904

    AB9
    Partecipante

    secondo me ki commette dei reati tali da finire csi tanto in carcere non merita nemmeno una seocnda chanche…ki sbaglia dovrebbe pagare e non essere aiutato…xke alle famiglie a cui e stato tolto un figlio,un fratello o un amico…a quelle persone nessuno aiuta…nessuno potra ridare la persona amata o i gg persi a piangere sulla sua tomba e quindi perche ridare a ki commette cio una seconda opportunita..perche ridare la vita a ki la toglie senza pensare a cosa potrebbe portare il suo gesto?sono fecce della società e come tali vanno cancellati cm un virus ke infetta il corpo e lo logora fino alla morte se nn viene curato,loro vanno elimintai per evitare ke logorino la nostra società…

    personalmente non concordo con te… ti faccio un esempio: in america, un paese in cui la società è “evoluta”, c’è ancora la pena di morte; tuttavia questa minaccia non è un detterrente per i crimini, infatti non si è avuto una diminuzione di questi ultimi, anzi…infatti, secondo me, uno che sta commettendo un crimine non pensa di essere preso, o anche se lo pensasse non credo che valuti le conseguenze delle proprie azioni…inoltre in tutti gli stati in cui non è presente la pena di morte, c’è una pena per coloro che non sono ritenuti recuperaili: l’ergastolo…la soluzione secondo me non sta nell’eliminare coloro che sbagliano, bensì nel rieducarli…posso “capire” il dolore che provano i parenti delle vittime ma non credo che la vendetta possa portare soddisfazione: uccidere colui che ha ucciso un tuo parente non lo riporta in vita

    #658907

    -kira_revenge-
    Partecipante

    test genetici hanno dimostrato ke i cormosomi dei criminali hanno un gene in piu…sono delle anomalie…un criminale non cambia mai…rimane marchiato a vita…poi in america non sono di piu ma e semplicemente il fatto ke l’america e mille volte piu popolosoa di noi e di conseguenza sembra ke c sono piu criminali…poi se come dici tu non serve a fermarli cosa puo farlo???niente rimarrano csi a vita e io sinceramente di nn essere sicuro di andare a fare una passeggiata al parco non ne ho bisogno e vorrei tanto ke fossero eliminati tutti

    #658910

    shikaku
    Membro

    test genetici hanno dimostrato ke i cormosomi dei criminali hanno un gene in piu..ono delle anomalie…un criminale non cambia mai…rimane marchiato a vita…

    Kira ho sempre rispettato le tue opinioni, ma questa è la più grande caxxata che si sia mai sentita in tutto l’universo:icon_evil:

    #658913

    -kira_revenge-
    Partecipante

    e ma non lo inventato io!!!me la detto al mia prof di biologia!!!si presuppone ke sia informata!!!

    #658916

    shikaku
    Membro

    e ma non lo inventato io!!!me la detto al mia prof di biologia!!!si presuppone ke sia informata!!!

    Quella che ti avrà detto la tua prof di biologia sarà solo le torie strampalate di qualche pazzo, come gli scienziati di inizio 900 che affermavano di aver dismostrato su base genetica la superiorità della razza ariana. Anche io posso formulare un teoria e dire che i Napoletani sono geneticamente più intelligenti perchè grandissimi uomini di cultura vengono da qui, ma non per questo dovete credermi se non moistro prove e dimostarzioni e l’appoggio di tutti o gran parte della comunità scientifica.

    Comunque resta il fatto che la tua prof è comunque un idiota a diffondere simili assurdità.

    #658917

    -kira_revenge-
    Partecipante

    eheh se per questo pensava ke il mio amico era un asheta e potesse levitare!vabbe shika perdonami se ti ho fatto incavolare!amici cm prima?e dopo torniamo al topic

    #658922

    brookie
    Partecipante

    anche secondo me nn ha molto senso la questione del gene comunque x quanto riguarda l’idea del carcere nn sarebbe applicabile in massa x diversi motivi:
    1. tutti questi nuovi “posti di lavoro” toglierebbero possibilità alla gente ke nn ha mai commesso crimini d nn avere lavoro
    2.molti criminali nelle nostre carceri nn hanno neanche un posto dove vivere e molti userebbe quei soldi x finanziare altre azioni criminose
    3.ci sarebbe anche una migrazione di massa nelle carceri da parte dei nulla tenenti ke in qst modo avrebbero vitto alloggio e pure dei soldi stando in carcere

    la soluzione secondo me sarebbe di fare delle sezioni con i criminali meno pericolosi e + meritevoli e dare loro l’opportunità di qst programma di riabilitazione

    #658923

    shikaku
    Membro

    eheh se per questo pensava ke il mio amico era un asheta e potesse levitare!vabbe shika perdonami se ti ho fatto incavolare!amici cm prima?e dopo torniamo al topic

    io non mi arrabbio mai con le persone, ma solo con le parole;)

    anche secondo me nn ha molto senso la questione del gene comunque x quanto riguarda l’idea del carcere nn sarebbe applicabile in massa x diversi motivi:
    1. tutti questi nuovi “posti di lavoro” toglierebbero possibilità alla gente ke nn ha mai commesso crimini d nn avere lavoro
    2.molti criminali nelle nostre carceri nn hanno neanche un posto dove vivere e molti userebbe quei soldi x finanziare altre azioni criminose
    3.ci sarebbe anche una migrazione di massa nelle carceri da parte dei nulla tenenti ke in qst modo avrebbero vitto alloggio e pure dei soldi stando in carcere

    la soluzione secondo me sarebbe di fare delle sezioni con i criminali meno pericolosi e + meritevoli e dare loro l’opportunità di qst programma di riabilitazione

    1.si deve precisare però che in carcere ti insegnano un mestiere non è che ti trovao direttamente un posto di lavoro. Lavori per il carcere finchè sei dentro, ma poi fuori devi tu far fruttare le capacità acuqisite, quinid niente posti di lavoro rubati.
    2. Ti insegano poi un mestiere tipo faleganeme e con 1000 euro al mese cosa finzanzi?
    3. Questo è quello che accade alle povere persone. Molte se in condizione di miseria non hanno altra scelta che delinquere. E poi la vita in quel carcere non è un vita da nababbo. Si tratta semrpe di un carcere, che limita la tua libertà, ti tiene lontano dalla tua famiglia e in più devi pure lavorare. Non credo che tu preferisca essere rinchiuso e lavorare per 500 euro al mese se poi fuori con lo stesso lavoro prenderesti almeno il doppio e potresti goderti la tua famiglia, qualche sfizio e la libertà

    #658925

    shikaku
    Membro

    anche secondo me nn ha molto senso la questione del gene comunque x quanto riguarda l’idea del carcere nn sarebbe applicabile in massa x diversi motivi:
    1. tutti questi nuovi “posti di lavoro” toglierebbero possibilità alla gente ke nn ha mai commesso crimini d nn avere lavoro
    2.molti criminali nelle nostre carceri nn hanno neanche un posto dove vivere e molti userebbe quei soldi x finanziare altre azioni criminose
    3.ci sarebbe anche una migrazione di massa nelle carceri da parte dei nulla tenenti ke in qst modo avrebbero vitto alloggio e pure dei soldi stando in carcere

    la soluzione secondo me sarebbe di fare delle sezioni con i criminali meno pericolosi e + meritevoli e dare loro l’opportunità di qst programma di riabilitazione

    1.si deve precisare però che in carcere ti insegnano un mestiere non è che ti trovao direttamente un posto di lavoro. Lavori per il carcere finchè sei dentro, ma poi fuori devi tu far fruttare le capacità acuqisite, quinid niente posti di lavoro rubati.
    2. Ti insegano poi un mestiere tipo faleganeme e con 1000 euro al mese cosa finzanzi?
    3. Questo è quello che accade alle povere persone. Molte se in condizione di miseria non hanno altra scelta che delinquere. E poi la vita in quel carcere non è un vita da nababbo. Si tratta semrpe di un carcere, che limita la tua libertà, ti tiene lontano dalla tua famiglia e in più devi pure lavorare. Non credo che tu preferisca essere rinchiuso e lavorare per 500 euro al mese se poi fuori con lo stesso lavoro prenderesti almeno il doppio e potresti goderti la tua famiglia, qualche sfizio e la libertà

    #658927

    -kira_revenge-
    Partecipante

    ok allora amici cm prima!!!il buon shikaku e saggio!

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 35 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.