Bullismo

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  tappoxxl 7 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #629741

    peppo_93
    Membro

    Salve a tutti. Volevo parlare del fenomeno chiamato “bullismo”.
    E’ una barbaria onnipresente, dalla metropoli al paesino di montagna.
    fenomeno multiforme, che va dalla tortura fisica e (soprattutto) psicologica, al furto di denaro/cellulari ecc, fino allo stupro (evento shock degli ultimi giorni) e al tentato omicidio (l’ho vissuto nella mia scuola). Una piaga impossibile da estirpare, xke i prepotenti esistono da sempre e così sarà in eterno. Questo certo non li giustifica, allora cosa fare? Come comportarsi? Personalmente ho risolto i miei problemi (che si “limitavano” a tortura psicologica) con una bella faccia tosta e senza farmi mettere i piedi in testa
    [SPOILER]es. lunedì in pizzeria c’era un cogl**** che m’ha offeso, gli ho tirato un pacchero in testa e gli ho detto che se voleva il resto doveva solo fiatare. dopo le minacce di morte, alle quali ho ricambiato invitandolo fuori a regolare i conti e con la minaccia di farlo finire in galera, s’è stato muto. poi gli amici m’hanno costretto ad andare in un’altra sala ed è finita li[/SPOILER]
    il problema è che se la prendono con le persone che sembrano più deboli, e che x carattere e/o impossibilità fisiche non possono fare come ho fatto io. se poi aggiungiamo armi da taglio, un branco di codardi che agisce contro il singolo, e una classe complice del crnefice, allora è la fine.
    dopo questo lungo monologo vi chiedo:
    VOI CHE NE PENSATE?

    #776542

    tappoxxl
    Membro

    credo che il bullismo in italia ci sia, ma non in maniera pesante come c’è per esempio in america o inghilterra……..il problema dell’italia è che ora con internet e i videofonini i ragazzi che mancano di educazione o valori pensano di poter diventare famosi o essere fighi postando le loro “imprese” su web……il problema sono i genitori che non gonfiano di botte i propri figli quando fanno una cazzata, come è giusto che sia….una volta erano i maestri a gonfiarti a scuola quando facevi lo stronzo, ora se un prof prova a toccarti viene carcerato…..naturalmente credo che debbano essere i genitori e non i prof a picchiare i bambini/ragazzi, ma i prof devono essere lasciati liberi di sequestrare i vari telefonini e aggeggi inutili che i ragazzi si portano a scuola….e devono anche essere liberi di poter punire severamente gli alunni senza la paura di poter conseguire punizioni loro stessi…..

    tornando al bullismo…..il problema in questi ultimi anni sta aumentando….personalmente non ho mai subito episodi di bullismo….ma alle elementari la nostra classe aveva una faida aperta con gli zingari di scuola che facevano entrare i loro amici il pomeriggio per venirci a picchiare…e una volta vincevamo noi e una volta loro(non credo che questo episodio possa essere considerato bullismo)…….

    nelle mie classi c’è sempre stato un ragazzo preso in giro più degli altri, ma mai pesantemente e non siamo mai giunti al punto di fargli pensare al suicidio….ho sempre preso per il culo tutti come tutti lo hanno fatto con me e credo che la presa in giro sia necessaria nei rapporti di amicizia…

    credo che il termine bullismo in italia sia usato molto male…io per bullismo intendo la persecuzione contro un singolo individuo che porta quest’ultimo all’esasperazione e al gesto estremo(suicidio o omicidio)…in italia questo bullismo non è molto radicato perlomeno nella mia esperienza scolastica non ho mai incontrato casi simili

    …se una ragazza viene stuprata in classe quello si chiama stupro…e non episodio di bullismo solo perchè si è svolto in una scuola……se un ragazzo ne accoltella un altro per una ragazza quello si chiama tentato omicidio…….se un ragazzo invece viene perseguitato ogni giorno e viene picchiato e insultato solo a scuola, allora parliamo di bullismo!!

    #776553

    peppo_93
    Membro

    credo che il bullismo in italia ci sia, ma non in maniera pesante come c’è per esempio in america o inghilterra……..il problema dell’italia è che ora con internet e i videofonini i ragazzi che mancano di educazione o valori pensano di poter diventare famosi o essere fighi postando le loro “imprese” su web……il problema sono i genitori che non gonfiano di botte i propri figli quando fanno una cazzata, come è giusto che sia….una volta erano i maestri a gonfiarti a scuola quando facevi lo stronzo, ora se un prof prova a toccarti viene carcerato…..naturalmente credo che debbano essere i genitori e non i prof a picchiare i bambini/ragazzi, ma i prof devono essere lasciati liberi di sequestrare i vari telefonini e aggeggi inutili che i ragazzi si portano a scuola….e devono anche essere liberi di poter punire severamente gli alunni senza la paura di poter conseguire punizioni loro stessi…..

    tornando al bullismo…..il problema in questi ultimi anni sta aumentando….personalmente non ho mai subito episodi di bullismo….ma alle elementari la nostra classe aveva una faida aperta con gli zingari di scuola che facevano entrare i loro amici il pomeriggio per venirci a picchiare…e una volta vincevamo noi e una volta loro(non credo che questo episodio possa essere considerato bullismo)…….

    nelle mie classi c’è sempre stato un ragazzo preso in giro più degli altri, ma mai pesantemente e non siamo mai giunti al punto di fargli pensare al suicidio….ho sempre preso per il culo tutti come tutti lo hanno fatto con me e credo che la presa in giro sia necessaria nei rapporti di amicizia…

    credo che il termine bullismo in italia sia usato molto male…io per bullismo intendo la persecuzione contro un singolo individuo che porta quest’ultimo all’esasperazione e al gesto estremo(suicidio o omicidio)…in italia questo bullismo non è molto radicato perlomeno nella mia esperienza scolastica non ho mai incontrato casi simili

    …se una ragazza viene stuprata in classe quello si chiama stupro…e non episodio di bullismo solo perchè si è svolto in una scuola……se un ragazzo ne accoltella un altro per una ragazza quello si chiama tentato omicidio…….se un ragazzo invece viene perseguitato ogni giorno e viene picchiato e insultato solo a scuola, allora parliamo di bullismo!!

    mi trovo d’accordo sull’ultima parte, anche se intendevo dire che i bulli arrivano a compiere queste cose.
    ritengo xò che anche il solo prendere per il culo un ragazzino/a magari affibiandoli un nomignolo cattivo che sottolinei un particolare del proprio carattere o più spesso del proprio fisico che è odiata dalla stessa vittima, sia una pratica vergognosa, che crea notevoli disagi. xke una presa in giro è naturale che ci sia, anzi he fa parte dei rapporti sociali, ma solo se questa la si riceve da un amico e non è ne troppo pesante (mi riferisco a quei nomignoli) ne continua

    #776557

    tappoxxl
    Membro

    io sono sempre stato un bambino paffutello e mi hanno sempre dato i classici nomignoli che danno ai bimbi cicciottelli….crescendo sono rimasto bello piazzato e non mi sono mai venuti i problemi o le paranoie….anzi la mia pancetta ora sembra piacere:D:D:D

    comunque capisco benissimo il tuo discorso e lo approvo…alcuni ragazzi non supportati degnamente dai familiari e dagli amici possono rimanere scottati da alcuni nomignoli affibiatigli!

    #629742

    Querion
    Membro

    credo che il bullismo in italia ci sia, ma non in maniera pesante come c’è per esempio in america o inghilterra……..

    C’è, c’è…semplicemente c’è da meno tempo e non è mai stato considerta una questione “grave”.

    il problema dell’italia è che ora con internet e i videofonini i ragazzi che mancano di educazione o valori pensano di poter diventare famosi o essere fighi postando le loro “imprese” su web……il problema sono i genitori che non gonfiano di botte i propri figli quando fanno una cazzata, come è giusto che sia….una volta erano i maestri a gonfiarti a scuola quando facevi lo stronzo, ora se un prof prova a toccarti viene carcerato…..naturalmente credo che debbano essere i genitori e non i prof a picchiare i bambini/ragazzi, ma i prof devono essere lasciati liberi di sequestrare i vari telefonini e aggeggi inutili che i ragazzi si portano a scuola….e devono anche essere liberi di poter punire severamente gli alunni senza la paura di poter conseguire punizioni loro stessi…..

    La questione delle punizioni corporali che tu hai esposto, sebbene limitata giustamente solo ai genitori, è un’arma a doppio taglio.
    Primo: la violenza fisica è l’ultimo rifugio dei deboli (e restando in paragone i bulli sono dei deboli). Se un genitore deve ricorrere all’usare la potenza fisica ha già fallito.
    Un genitore deve insegnare e ammonire con il proprio esempio e le proprie ragioni (ovvero educazione e valori).

    tornando al bullismo…..il problema in questi ultimi anni sta aumentando….personalmente non ho mai subito episodi di bullismo….ma alle elementari la nostra classe aveva una faida aperta con gli zingari di scuola che facevano entrare i loro amici il pomeriggio per venirci a picchiare…e una volta vincevamo noi e una volta loro(non credo che questo episodio possa essere considerato bullismo)…….

    Non era bullismo.

    nelle mie classi c’è sempre stato un ragazzo preso in giro più degli altri, ma mai pesantemente e non siamo mai giunti al punto di fargli pensare al suicidio….ho sempre preso per il culo tutti come tutti lo hanno fatto con me e credo che la presa in giro sia necessaria nei rapporti di amicizia…

    Questo è uno degli errori, considerare la presa in giro poco grave senza implicare il resto.
    La solitudine della vittima, la sua mancanza di contatti con gli altri, l’accanimento che subisce.

    io per bullismo intendo la persecuzione contro un singolo individuo che porta quest’ultimo all’esasperazione e al gesto estremo(suicidio o omicidio)…

    Altro errore. I gesti estremi sono rarissimi e praticamente manco da contare nelle statistiche. La maggior parte delle reazioni è interna (depressione, scarsa autostima, paura dei rapporti…).

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.