Gochūmon wa Usagi Desu ka?, annunciato un nuovo episodio speciale

di Silvia Letizia Commenta

Sabato della scorsa settimana, l’account ufficiale di Twitter delle serie televisiva d’animazione di Gochūmon wa Usagi Desu ka? (Is the order a rabbit?), tratte dal manga di Koi, ha annunciato la produzione di un nuovo episodio speciale. Ulteriori dettagli a proposito dell’episodio saranno divulgati in un secondo momento sul sito web ufficiale del franchise e attraverso il suo account di Twitter. Lo stesso account ha anche fatto sapere ai fan della serie che sarà presto distribuito un nuovo CD con le canzoni dei personaggi e che quest’ultimo sarà messo in vendita a partire dall’estate di quest’anno. L’emittente televisiva Tokyo MX, inoltre, a partire da Luglio, ogni domenica, manderà nuovamente in onda la seconda stagione dell’anime.

rabbit1

Gochūmon wa Usagi Desu ka? è uno yonkoma manga (letteralmente manga di quattro pannelli). Gli yonkoma sono delle strip umoristiche che consistono generalmente in gag divertenti e parodie. I quattro pannelli, di uguale dimensione, sono ordinati dall’alto al basso e in essi la breve storia raccontata si svolge seguendo determinati cliché.

Il personaggio principale di Gochūmon wa Usagi Desu ka? si chiama Kokoa (un gioco di parole con il termine giapponese per indicare la cioccolata calda) e un giorno arriva al caffè Rabbit House, emozionata all’idea di incontrare dei coniglietti. Finisce col vivere lì, piuttosto che lavorarci, e incontra molte altre ragazze tra le quali la piccola Chino (un gioco di parole col termine cappuccino), la rigida e militaresca Lize (un gioco di parole con termine Thé des Alizés, un tipo di tè), una ragazzina giapponese svampita di nome Chiyo (un gioco di parole col termine Uji matcha, un tipo di tè verde), e la semplice ma allo stesso tempo regale Sharo (un gioco di parole col termine Kilimanjaro, un tipo di caffè).

La prima stagione dell’anime è andata in onda in Giappone ad Aprile del 2014, mentre la seconda stagione ha fatto il suo debutto a Ottobre dell’anno scorso.

[ Fonte | ANN ]
[ Fonte | Wikipedia ]