Il Kōhaku Uta Gassen presenta l’Anime Kōhaku

di Silvia Letizia Commenta

Lunedì di questa settimana, l’emittente televisiva giapponese NHK ha annunciato i nomi dei partecipanti al suo programma speciale Anime Kōhaku. L’Anime Kōhaku andrà in onda nel corso del Kōhaku Uta Gassen (La battaglia delle canzoni tra rossi e bianchi), il più amato programma televisivo musicale giapponese, quest’anno alla sua sessantaseiesima edizione, trasmesso il 31 Dicembre. Nel corso dell’Anime Kōhaku, i vari interpreti porteranno in scena alcune canzoni di vari serie d’animazione. Come per il resto del Kōhaku Uta Gassen, anche l’Anime Kōhaku vedrà la divisione dei cantanti in due squadre, la squadra rossa, composta da sole donne, e la squadra bianca, composta da soli uomini.

kohaku1

Le canzoni che saranno portate in scena saranno:

Moonlight Densetsu, la sigla di apertura di Sailor Moon, interpretata dalle AKB48 in cosplay di Sailor Moon

La sigla originale di Pokémon, Mezase Pokémon Master, interpretata dai (anche loro in cosplay), da Hiromi Go e da vari personaggi come Pikachu

La sigla di apertura di Mobile Suit Gundam, Tobe! Gundam, interpretata dai TOKIO

La sigla di apertura di Neon Genesis Evangelion, Zankoku na tenshi no teeze, interpretata da Sayuri Ishikawa e da miwa

La sigla di chisura di Chibi Maruko-chan, Odoru Ponpokorin, interpretata dalle E-Girls e da Sakurako Ohara

La prima sigla di apertira di Yōkai Watch, Geragerapō no Uta, interpreteta da King Cream Soda e da Yo-Kai

La canzone tema di Tetsuwan Atom (Astroy Boy), interperetata da vari partecipanti all’Anime Kōhaku con al centro i V6

Nella seconda parte del Kōhaku Uta Gassen, MISIA interpreterà la sigla di chiusura di Mobile Suit Gundam: Iron-Blooded Orphans, Orphans no Namida, dal vivo, dal Nagasaki Peace Park, illuminato da moltissime candele. Tra gli altri cantanti che si esibiranno nel corso del programma anche i BUMP OF CHICKEN (Tales of the Abyss, Blood Blockade Battlefront) e i Superfly (Ushijima the Loan Shark live-action film), oltre che il cantante trentaquattrenne Gen Hoshino e il gruppo di  idol Nogizaka46.

[ Fonte | ANN ]

[ Fonte | Wikipedia ]